Il Carnevale 2012 è alle porte e il nostro comitato come credo anche altri, sta già lavorando da diverso tempo per organizzare e realizzare una delle manifestazioni più attese dell'anno specialmente da giovani e bambini, in questi ultimi dieci anni la nostra associazione ha fatto dei passi da giganti anche a volte un po' azzardate ma per fortuna sempre ben ripagate dalle presenze e apprezzamenti vari della popolazione, ed è proprio questo ultimo motivo che ci spinge ad andare avanti anche in momenti di forte crisi economica e lavorativa come quella che sta invadendo il nostro grande paese.
 
Forti di entusiasmo e motivati a nuovi traguardi, ci troviamo ad affrontare un piccolo ma per noi grosso problema che viene evidenziato nella mancanza assoluta di nuovi gruppi lavorativi ovvero giovani che hanno voglia di mandare avanti una tradizione antichissima e molto importante a livello turistico e commerciale per la nostra valle.
 
In questi giorni ormai vicini all'evento, ci troviamo tutte le sere presso il capannone dei carri messo a disposizione dall'amministrazione Comunale di Borgotaro in collaborazione con la proprietà per costruire i nuovi carri allegorici, ma guardandoci in torno vediamo solo e sempre le solite facce, un po più vecchie, con famiglia a carico, con responsabilità lavorative sempre più pesanti ma sempre presenti e disponibili a far divertire e svagare i nostri giovani che forse sono stati abituati fin troppo bene, perché si trovano tutto già fatto ed organizzato e non devono più “sbattersi” per crearsi il carnevale, si perché noi vecchietti o veterani del carnevale con alle spalle 15, 20 o più carri costruiti, il carnevale ce lo dovevamo inventare e costruire ed è per questo che si faceva tutti gli anni “il carro”, perché era prima di tutto bello trovarsi alla sera sfidando il freddo e la stanchezza del lavoro quotidiano in un capannone o garage improvvisato o fatiscente passando delle bellissime ore assieme alla tua compagnia, esprimendo nuove idee o azzardando su delle ironiche satire locali che quasi sempre facevano ridere ma sopratutto infuriare le persone prese di mira, ma era carnevale e ci si metteva sempre una pietra sopra, con la scusa del carro o l'entusiasmo della sfilata ci si programmava dove passare le serate della settimana grassa tra musica, vestiti e divertimenti sfrenati ma SEMPRE garbati.
 
Queste poche righe vogliono solo sollecitare e risvegliare quegli entusiasmi che cerano e dare un input alle nuove generazioni per far si che una meravigliosa tradizione non venga mai lasciata per far posto alla pigrizia.
 
http://www.carnevaleborgotarese.it .

Risposta di Patrizia 07:40 - 14/01/12

Lunga vita  al Carnevale, parte importante delle nostre radici, della nostra storia. Tanti e per tanti anni hanno lavorato per tenere viva questa tradizione. Lunga vita a voi che oggi avete preso il testimone con il giusto spirito e possiate con il vostro entusiasmo e la vostra capacità, farci ancora sorridere almeno in quei giorni in cui da sempre, da che mondo è mondo " licet insanire"

 
Risposta di Stefano 20:08 - 27/01/12

Quest'anno chi fa il GABIBBO? Dai Pesci prendila al balzo

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018