CHIEDO un piccolo contributo a tutti i lettori di FORUMVALTARO.IT

Sul sito on-line " il GIORNALE della VELA " si VOTA per designare il migliore VELISTA anno 2012.

Ci sono 12 partecipanti e fra essi la campionessa SUSANNE BEYER la cui madre, sign. Laura Federici, è originaria di ALPE di Bedonia.

Sul sito di ESVASO abbiamo a lungo parlato della sua impresa che l'ha vista impegnata, per 32 giorni di navigazione effettiva in SOLITARIA, dalla Francia al Brasile:
http://www.esvaso.it/post.php?id=549 . / http://www.esvaso.it/post.php?id=564 . /

E' sufficiente CLICCARE e votare SUSANNE BEYER a questo link:
 
http://goo.gl/G7XQ6 .

Grazie per la collaborazione. VOTATE ... dobbiamo recuperare alcune posizioni.

Risposta di Gigi Cavalli 10:10 - 13/01/12

Già fatto. Attualmente è in terza posizione...

Risposta di Marco Biasotti 22:04 - 13/01/12

fatto..... è prima con buon distacco.

 
Risposta di Marco Bertani 13:20 - 13/01/12

Fatto.

In questo memento è Prima.

 
Risposta di Marco B. 13:29 - 13/01/12

Fatto con piacere

 
Risposta di Remo Ponzini 14:55 - 13/01/12

Anche degli stupidi hacker contro la nostra SUSANNE BEYER. Hanno fatto di tutto per favorire illegalmente i suoi più diretti inseguitori ma i gestori del sito "GIORNALE DELLA VELA" si sono accorti del misfatto ed hanno provveduto ad azzerare le votazioni fasulle di ieri pomeriggio.

Ecco la notizia pubblicata sul sito delle votazioni:

" Le persone scorrette e antisportive ci sono (ahinoi) dappertutto, ma non ci saremmo mai aspettati di vederle all'opera in maniera così violenta (e stupida) nel corso delle votazioni per eleggere il Velista dell'Anno 2012. E invece? Solo ieri vi ringraziavamo per i 3000 voti ricevuti nei primi due giorni del sondaggio, che vedevano in testa Susi Beyer, seguita da Simone Pierotti, Francesco Bruni e Veronica Fanciulli.

Che cosa è accaduto nel pomeriggio? In poche ore 1035 voti si sono riversati sui nostri server. Un boom incredibile, ma... ma le bugie hanno le gambe corte e in breve ci siamo resi conto che qualcosa non funzionava. Tutti questi voti sono arrivati da soli 38 computer (beata informatica, che consente di tracciare gli indirizzi IP degli ingressi sul sito) e destinati a due candidati. Un vero e proprio attacco informatico (pure stupido, perché facile da scoprire) che ha sballato completamente le votazioni. Risultato: tutte le votazioni di ieri giovedì 12 gennaio sono state annullate (e ci dispiace per tutti gli onesti, che però da adesso hanno la possibilità di votare nuovamente) e da ora abbiamo anche eliminato la possibilità di dare le preferenze multiple. Per proteste, rivolgersi ai disonesti. Votate il vostro preferito! "

Giustizia è stata fatta e la SUSY, grazie al vostro onesto contributo, è tornata in testa alla classifica. Non si tratta solo di tifo paesano e personalistico ma quello che Lei ha compiuto Le da il diritto di occupare l'attuale posizione.
Mi sono preso la briga di andare ad indagare sull'operato dei suoi concorrenti. Sia ben chiaro che meritano tutti la nostra considerazione ed ammirazione ma quello che ha compiuto la SUSY è veramente superlativo ed unico.

Continuate a votarla con lealtà e con cadenza quotidiana. E' Lei la migliore.

Ecco di nuovo il link : http://goo.gl/9uIl2 .

 
Risposta di Patrizia 15:36 - 13/01/12

ho votato ora 

 
Risposta di Katia 15:59 - 13/01/12

Grazie per la segnalazione..... fatto

Risposta di Ruggero 17:33 - 13/01/12

Stiamo votando ma... Remo, mi preoccupo un po' perche' sembri George Clooney nel film "La Tempesta Perfetta".

http://www.youtube.com/watch?v=18VxPw-OCrc&feature=related .

 
Risposta di Claudio Agazzi 18:47 - 13/01/12

Fatto con grande piacere.

PS... ok che ci sono i disonesti ma anche quelli del sito a non prevedere ste cose... mah.

Ciao

Claudio Agazzi

 
Risposta di Remo Ponzini 00:14 - 14/01/12

O caro e tempestoso Ruggero,

mi sono stupito che tu non abbia scritto un rigo sul sito di Esvaso blog Befane. Eppure avresti avuto il modo di sfottere l'amico Gigi che è stato sbefanato persino dal sottoscritto. Ma fai ancora in tempo a riabilitarti. 

Come mai non ruggisci più ??? 

Ti stai intorpidendo ???

Tira fuori gli artigli e beaci con i tuoi turbolenti commenti. Non ti manca l'ardire e neppure il sagace sarcasmo. Destati e cerca di recuperare il tuo antico sfavillio. 

Ho guardato il video che hai postato. Mi piacerebbe essere un ardito come il George Clooney del film ma invece sono solo un codardo che guarda le imprese altrui (mi riferisco alla Susy) stando comodamente seduto in poltrona. Lei si, che si è trovata nelle stesse condizioni del George !!!!

Ti meriti certamente un plauso per averla votata e domattina sarò felice di offrirti un capuccione artistico. 

Mi sovviene solo ora che il Gigi caricherà, quello che sto scrivendo, solo domani a mezzodì. Dio ce l'ha dato e dobbiamo tenercelo così come ce l'ha confezionato. Tantè !!!

 
Caro Claudio,
anch'io ho pensato che avrebbero potuto prevenire il fattaccio con una più accorta gestione del sito. Quantomeno avrebbero dovuto proibire la doppia votazione per impedire gli accordi sotterranei che si sono verificati. Comunque è andata bene che se ne siano accorti per tempo evitando che si perpetrasse una grave ingiustizia a carico della Susy. Ricordati di rivotarla tutti i giorni sino alla stesura della classifica finale. Se lo merita questa ragazza dal cuore indomito. Avrai capito da come scrivo che sono un po' imbaciurlato dal vino ma sono appena tornato da una cena con amici e mi sento un po' intasato.

Visto che hai il week end imbalsamato da impegni di varia natura ci vedremo la prossima settimana. Ciao.

 

 
Risposta di Remo Ponzini 11:42 - 17/01/12

Un APPELLO urgentissimo a tutti i frequentatori del FORUM e di ESVASO.

La nostra SUSANNE BEYER che, grazie al vostro contributo, era salita saldamente in testa alla classifica, vede ora insidiato il suo trono dal concorrente Marco Nannini che ha avuto un recupero sensazionale in questi ultimi giorni.

E' necessario che venga VOTATA costantemente TUTTI i GIORNI.
Il sito GIORNALE del VELISTA non precisa quando avrà termine la competizione. Ecco perchè DEVE essere VOTATA con REGOLARITA' e SISTEMATICAMENTE.

VOTATE  SUSANNE BEYER  la velista dei nostri monti!!!!

Sono sufficienti cinque secondi.  Ecco di nuovo il link :

http://goo.gl/G7XQ6 .

Grazie per la collaborazione.

Risposta di Ruggero 14:30 - 17/01/12

Ordine eseguito...effettuato il voto per la seconda volta alla signorina "velista professionista" Susanne Beyer!!

Mi sembra pero' di aver letto che la CAPITANERIA DI PORTO DI LIVORNO non è riuscita a fare risalire a bordo della Costa Concordia il comandante Schettino, ma sembra fermamente intenzionata a non fallire nei riguardi del Sig. Remo Ponzini per ricondurlo sano e salvo a terra, avendo perso completamente la bussola, il nostro "apprendista velista" sta navigando a vista con sestante e carte nautiche!! Si spera quindi che in caso di naufragio non se ne esca pure lui con la frase:" Gli scogli non erano segnalati sulle carte", nonostante il potenziale pericolo di approdo del suo storico vascello direttamente dentro il Porto di Chiavari!!!

Poco prima di perdere i contatti il vascello del Ponzini navigava spedito in direzione della costa ligure e dalla radio di bordo si è sentito chiaramente che il capitano cantava ad alta voce: "Finche' la barca va lascia andareeeee!!!".

Accertata quindi l'euforia a bordo, si pensa che tutto sia sotto controllo anche se la ROTTA sembra completamente errata e si puo' gia' parlare di rotta di collisione inevitabile ormai impostata senza possibilita' di correzione!

Speriamo che la votazione finisca presto e vada a buon fine....

Risposta di Remo Ponzini 16:30 - 17/01/12

Caro Ruggente,
ti do subito una bella tiratina di orecchie. Sono ormai settimane che mi prodigo pro SUSANNE BEYER e tu, usando persino toni trionfalistici, asserisci di averla votata solo due volte ??? 

Devi cliccarLa sempre, sia nel Forum che su Esvaso. E' un ordine perentorio ed indiscutibile. 

Un super reattivo come te non dovrebbe impiegare più di due secondi.

E se sarai buono ed ubbidiente dirò al Capitano Susy di ospitarti, a bordo del TIRRENEA II, nel golfo del Tigullio. Ovviamente quando le onde del mare saranno alte almeno dieci metri. Io ti aspetterò in porto a Zoagli con una barella ed una ambulanza della Croce Verde di Chiavari.

Il nostro paese non ha dato i natali solo agli avi del Santa Santorum in odore di Presidenza USA ma anche a questa ragazza giovanissima e tosta che ha cavalcato gli oceani di tutto il mondo. Il minimo che possiamo fare è riuscire a farla eleggere migliore VELISTA dell'anno.

Il suo rivale Marco Nannini è in piena rimonta e La sta raggiungendo al vertice della classifica. Tu che sbarelli in Facebook vedi di coinvolgere tutti i tuoi gruppi di amici di di farla VOTARE in coro. 

Analogo invito anche a coloro che ci seguono con simpatia.

Grazie. Ecco di nuovo il link per votare : http://goo.gl/G7XQ6 .

 
Risposta di Remo Ponzini 21:14 - 18/01/12

La SUSANNE BEYER con i più grandi velisti italiani Giovanni SOLDINI, Mauro PELASCHIER e Pasquale DE GREGORIO, veleggia sulle onde della SOLIDARIETA'.

Ecco l'articolo tratto dal sito: www.zerogradinord.net dove viene riportato l'evento che mostra tutta la sua nobiltà d'animo.

Incollo:

VELA e SOLIDARIETA' - 10.000 VELE di SOLIDARIETA' IN ROTTA VERSO LA SECONDA BOA

Trieste – Prosegue a pieno ritmo anche nel 2012 l’impegno dell’Associazione 10.000 Vele di Solidarietà per la raccolta fondi a favore delle popolazioni liguri colpite dall’alluvione dell’ottobre scorso.

Il primo atto, svoltosi nel Golfo dei Poeti, si è concluso il 4 dicembre; l’evento nonostante le previsioni meteo sfavorevoli ha visto la partecipazione di ben cento imbarcazioni a bordo delle quali si sono ritrovati appassionati e grandi nomi del mondo della vela, tra i quali Mauro Pelaschier, Pasquale De Gregorio, Susanne Beyer e Giovanni Soldini.

La prima boa è stata raggiunta: hanno vinto tutti, nessuno escluso. In acqua la prima barca sul traguardo è stata quella della Sezione Velica della Marina Militare di La Spezia che ha ottenuto in premio un quadro del pittore spezzino Mimmo Ceccarelli. Il quadro, su proposta dei vincitori, è stato poi rimesso in palio per la tappa successiva.

Con lo svolgimento del primo atto sono stati raccolti ben ventiseimila euro. La somma è stata destinata all’acquisto di due furgoni a favore della Cooperativa Sociale Gulliver per il trasporto di bambini e disabili. Il primo dei due furgoni è stato già consegnato ai responsabili dell’Associazione, il secondo, già acquistato, sarà consegnato nelle prossime settimane.

Un vero e proprio villaggio della vela, aperto a tutti gli appassionati ed ai partecipanti è stato allestito all’interno delle strutture del Porto Mirabello, il quale ha concesso gratuitamente l’utilizzo dei propri spazi.

La rotta per il raggiungimento della seconda boa vedrà lo svolgimento della seconda veleggiata nel Golfo dei Poeti dal 7 al 9 aprile, in concomitanza al weekend di Pasqua. La flotta virtuale continuerà fino a Primavera il suo cammino, si invita tutti, pertanto, ad iscrivere online barche vere o di fantasia che siano per aumentare il numero delle donazioni ed aiutare chi è stato colpito da questo drammatico evento. Sul sito www.10000vele.it si possono trovare tutti i moduli d’iscrizione e tutte le informazioni sul progetto.

I fondi raccolti con le iscrizioni online alla regata e le donazioni volontarie non vengono utilizzati per coprire le spese organizzative, sostenute dall’impegno di numerosi volontari e aiuti degli sponsor.

Ricordatevi di continuare a VOTARLA. E'stata scalzata dal primo posto in classifica. Ha bisogno dell'aiuto di tutti per riconquistarlo.
VOTATELA tutte le volte che accendete il computer. Bastano cinque secondi.

Grazie.

Ecco di nuovo il link : http://goo.gl/G7XQ6 .

 
Risposta di Elena 18:29 - 19/01/12

Votata con piacere

 
Risposta di Remo Ponzini 23:28 - 19/01/12

Mi unisco all'appello di Nadia F. che ha scritto su Esvaso ed a quello di Elena.

Ho fatto tutto quello che era umanamente possibile per la Susy. Ho mandato e-mail a tutte le persone che conoscevo ed mi sono appoggiato ai navigatori di Facebook chiedendo il loro contributo. Devo ringraziare Gigi, Ruggero e Valeria in primis per il loro attivismo encomiabile.

La partita è ancora aperta e non sappiamo neppure quando verrà chiusa. Il sito Giornale della Vela non da informazioni al riguardo.
Nella tarda mattinata la Susy era balzata al primo posto ma c'è stata subito una controffensiva del suo rivale.

Le regole della competizione nessuno le conosce e risulta davvero difficile interpretare come ci si debba comportare.
L'unica deduzione scontata è quella di farla votare con assiduità sperando che non ci siano altri inciucci come quello che era stato individuato dagli stessi gestori del sito.

Navighiamo al buio anche noi come la Susy nello sterminato Atlantico. Forza e coraggio. Non bisogna mai demordere.
In questo momento abbiamo meno di due punti percentuali da recuperare. Con l'impegno di tutti possiamo ancora farcela.

Ripeto di nuovo il link :   http://goo.gl/xcx5o .

VOTATE senza sosta !!! Grazie.

Risposta di Marco Bertani 02:41 - 20/01/12

In effetti regole e modalità di voto non mi sembrano chiarissime (devo anche essere onesto nel riconoscere di non essermi spaccato la testa per farlo). Soprattutto non mi è chiaro quante volte si possa votare dallo stesso PC (una al giorno, una in totale, …)

Comunque, come si dice nella pagina in cui si vota.

"Potete votare fino alle mezzanotte del 25 gennaio, mancano ancora 6 giorni!"

Risposta di Remo Ponzini 10:57 - 20/01/12

 

Grazie Marco. L'intervento mi fa presumere che anche tu abbia dato sostegno alla causa di SUSY. 

Effettivamente non si sa quanto volte si possa votare in una giornata e questa è una lacuna che andava colmata per dare chiarezza e trasparenza.

Comunque ci hai dato una notizia che non sapevamo: che siamo agli ultimi sei giorni di votazione. Potevano evidenziarlo meglio.

Se tutti contribuiamo con determinazione abbiamo la possibilità di portarla alla vittoria. Lo scarto attuale è inferiore al 1%.


 

 
Risposta di Remo Ponzini 16:54 - 21/01/12

APPELLO URGENTISSIMO pro SUSANNE BEYER - Una NAVIGATRICE dei NOSTRI MONTI all'ultima DISFIDA.

Mancano pochi giorni (mezzanotte del 25/1) per designare il miglior VELISTA del 2012.

CHIEDO un ulteriore AIUTO  a tutti. In questo momento è in difficoltà ed ha bisogno del Vostro SOSTEGNO.

E' sufficiente cliccare e VOTARE SUSANNE BEYER a questo link tutte le volte che accendete in computer. Bastano pochi attimi. Grazie.

http://goo.gl/G7XQ6 .

Risposta di Francesca 11:58 - 23/01/12

L'ho votata ma l'ho vista persa tra le onde

 
Risposta di Monica 14:56 - 23/01/12

Fatto e grazie per l'audacia

Risposta di Remo Ponzini 17:04 - 23/01/12

Grazie ragazze. E' molto bella la condivisione che mostrate verso Susanne. In questo momento è davvero in balia di turbolenze ma non può accontentarsi di un secondo posto, anche se onorevolissimo. Ha compiuto una impresa strabiliante ed estremamente rischiosa. Continuiamo da darle il nostro supporto sino all'ultimo minuto. Anche le imprese impossibili si possono concretizzare. Lei ce l'ha dimostrato.

Mi auguro che ora questa competizione si stia svolgendo con lealtà. C'erano stati brogli informatici identificati e sventati dai gestori del sito. Speriamo che questi mistificatori non abbiano percorso altre sordide vie atte a sfalsare e/o favorire l'attuale leader sign. Marco Nannini che, essendo un grande campione, mai e poi mai vorrebbe vincere con slealtà. 

VOTATE con il solito entusiasmo la nostra SUSANNE BEYER.

Bastano sempre tre secondi. 

Ecco il link :   http://goo.gl/G7XQ6 .

 
Risposta di Marco Bertani 12:30 - 24/01/12

Non ci capisco niente!!!

Questa notte, ho provato a votare.

Con mia sorpresa Susanne era abbondantemente sopra il 40%, Nannini intorno al 37%. Ora la situazione è tornata ad invertirsi.

Anche il messaggio di ringraziamento dopo il voto era diverso, qualcosa del tipo “Thanks for voting” (per tutti i miei ripetuti tentativi), rispetto al solito che compare anche questa mattina “Thank you, we have already counted your vote”.

La mia prima ipotesi, più ottimistica, è che qualcuno, come ho fatto anch’io, abbia votato più volte, visto che il software di gestione dei voti ne dava la possibilità, e questa mattina qualcuno li abbia correttamente annullati. La seconda, che vorrei escludere, è che “c’è del marcio in Danimarca” …

Potrebbe anche essere, che visto il fuso orario, i tifosi di Susanne dall’altra parte dell’Atlantico, votino quando qui è notte, e alla mattina i sostenitori di Nannini lo facciano a loro volta, ma…

Tutte ipotesi senza nessuna coferma.

Risposta di Remo Ponzini 14:38 - 24/01/12

Caro Marco

Confermo interamente quanto hai affermato. Ho contribuito anch'io, votando ripetutamente, alla performance della Susy che era schizzata oltre il 40%.

Ovviamente anche i sostenitori del sign. Nannini potevamo fare altrettanto e quindi era tutto perfettamente lecito.

La sorpresa di questa mattina nel vedere la Susy soccombente di ben sette punti percentuali mi ha lasciato basito.

Le deduzioni che no ho tratto sono identiche alle tue. E' possibile che ci siano stati degli errori nella gestione della votazione ma a questo punto diventa "obbligatorio" pensare male. Il sito non riporta notizie al riguardo e non cita alcun regolamento a cui fare riferimento.

Non credo che dall'emisfero australe, dove il Nannini è impegnato nella Global Ocean Race, gli possano giungere voti significativi. Questa è una competizione per designare il miglio velista italiano ed anche i suoi supporter, esclusa qualche eccezione, non possono che essere nostri connazionali.

Il sospetto di possibili pastrocchi, che avevo molto discretamente sussurrato, mi appaiono ora più evidenti.

Incapacità, pressapochismo, approssimazione o favoritismi ???  Tutte ipotesi, d'accordo, ma a questo punto non escludo nulla.

Risposta di Marco Bertani 16:16 - 24/01/12

Ma... vedremo ...

Intanto proviamoci.

 
Risposta di Remo Ponzini 23:22 - 25/01/12

SUSANNE BEYER non ce l'ha fatta a vincere la competizione  e deve accontentarsi della piazza d'onore. Una sfida combattutissima che l'ha vista duellare con MARCO NANNINI, senz'altro un grande della vela, ma che non possiede ancora nel suo carniere una impresa epica e temeraria come quella della SUSY.

Intendo dire che la nostra velista aveva già dimostrato al mondo intero il suo valore mentre il suo avversario, per ora, possiede solo solide aspettative.

Andava premiata l'IMPRESA compiuta e non le ATTESE che ... potrebbero anche non concretizzarsi. 

Ed invece ne ha beneficiato un ottimo marinaio anzichè una autentica atleta che, oltre alla preparazione tecnico-professionale, ha dimostrato di avere un CUORE ALTO sino al cielo.

Sei tu, o SUSY, la degna vincitrice. Tu hai navigato da SOLA affrontando perigli inimmaginabili e mettendo in fila tutti gli altri concorrenti italiani, maschietti compresi. Bastava ed avanzava per collocarti sul gradino più alto del podio. Io non riesco a metabolizzare questo secondo posto perchè lo considero una mera ingiustizia. Le lacune sulla gestione di questa competizione le ho già espresse e non voglio ulteriormente infierire.

Comunque e sempre CUORI ALTI. 

A presto. 


 
Risposta di Claudio Agazzi 14:01 - 26/01/12

Ciao Remo.

Un peccato si ma non ti crucciare tanto. E' evidente che questa classifica sia figlia di un'impostanzione un po' improvvisata e maccheronica.

Comunque la Susanne per tutti noi è la vincitrice :)

A presto

Claudio Agazzi

Risposta di Marco Biasotti 22:09 - 26/01/12

....io ce l'ho messa tutta... votata ogni giorno, anche più volte, vabbè è andata così ma per noi la vincitrice è sicuramente lei.

 
Risposta di Remo Ponzini 15:41 - 27/01/12

Grazie Claudio e grazie Marco.

Mi sono fatto travolgere dalla passione per la vela e dal tifo acceso per questa ragazza che ho avuto l'onore di conoscere personalmente.

Le hanno assegnato il premio speciale " IMPRESA VELICA ANNO 2012 " e questo dovrebbe ripagarLa, almeno in parte, per un aver agguantato la prima e meritata posizione.

La cosa che mi ha stupito maggiormente è che la premiazione non avverrà in una località di mare ma in PARMA presso lo splendido AUDITORIUM  del CARMINE in via Eleonora Duse 1 A il giorno 9 Febbraio 2012 (sabato) alle ore 19,30.

Ecco il link del breve articolo apparso sul sito della Federazione della Vela:

http://goo.gl/UAc1J .

 
Risposta di Remo Ponzini 12:00 - 04/02/12

SUSANNE BEYER verrà premiata al TEATRO REGIO di PARMA il 9 Febbraio. Partecipazione gratuita. 

Per maggiori informazioni consultare il sito dello YACHT CLUB di Parma:

 http://www.yachtclubparma.it/it-IT/homepage.aspx .

Diversi giornali hanno parlato di Lei in questi ultimi giorni. 

Incollo un paio link per gli appassionati:

http://goo.gl/WRH6i .

http://goo.gl/hnxYC .

 
Risposta di Susy - Penelope 16:23 - 06/02/12

Carissimo Remo,
il tuo tifo sfegatato come al solito mi fa piacere, ma sei troppo di parte!!

La “competizione” è stata molto divertente e non credo affatto che il risultato sia un'ingiustizia. Marco Nannini sta facendo il giro del mondo – un sogno per molti di noi -, i suoi sostenitori sono moltissimi e gli  hanno fatto vincere il premio. Bravi! E bravo Marco.
Io sono un marinaio, come tanti altri. La Transat è stata dura, ma ci sono sportivi che hanno compiuto imprese molto più dure e faticose della mia (un giro del mondo non è uno scherzo).
Se tu mi elevi ad “atleta epica” è per affetto ed io lo ricambio, ma continui ad essere di parte!
A Parma ti farò conoscere qualcuno che ha fatto di molto peggio;))!

Fa tutto parte dello sport ed è bello così. Anche il fatto che tu – caro Remo – da tifoso ti dispiaccia per la sconfitta e a me fa solo che piacere.
Io credo – invece – che in questa occasione abbiano vinto in tanti: io ho portato a termine il mio progetto realizzando il mio sogno, Nannini sta realizzando il suo e gli auguro di concluderlo al meglio; lo sport della vela ha vinto! Nuovi appassionati come voi si sono interessati a questo mondo ed è una vittoria bellissima.
Tutti potremo condividere una serata insieme grazie a questa manifestazione! Cosa possiamo volere di più?!

Spero di vederti a Parma, insieme a tanti altri di questa bellissima “tifoseria montana”.

Grazie a tutti per il sostegno!

P.S. Come ci vengo io a Parma?!??! in slitta?!??!!

Susy

 
Risposta di Remo Ponzini 16:26 - 06/02/12

Ciao Susy,

sapevo che saresti riapparsa a farci un fischio. Avrei voluto intonare, insieme a te ed a tutti i tuoi sostenitori, la marcia trionfale della Aida ma, visto che il bruciore si è attenuato, ... ce la canteremo ugualmente. Magari al Teatro Regio di Parma dove verrai premiata sperando che non ci siano i "loggionisti" ad ascoltarci. 

So benissimo che il Nannini è un grande ma, visto che la sua impresa è ancora in corso,  avrebbe potuto aspettare il prossimo anno... perdio!!! E poi, forse, l'avrei votato pure io. Evidentemente disponeva di una rete fittissima di supporter che l'hanno sostenuto con una costanza ed una pervicacia inesauribile.  

Comunque hai raccolto una bella marea di voti. Un autentico spareggio, dall'esito incerto sino all'ultimo giorno. Solo briciole per gli altri dieci concorrenti anche se avevano evidenziato gesta molto apprezzabili. 

Come al solito sei più brava a lodare gli altri che te stessa. Anzi, tendi a minimizzare tutto quello che fai smussando e facendo apparire la tue imprese poco più che delle ordinarie scampagnate marine. Tu non sei un marinaio come tanti altri, sei un CAPITANO con i fiocchi ed con i merletti.  

Sappiamo tutti che ti sei accollata dei rischi considerevoli. Sappiamo tutti che per compiere attraversate oceaniche in solitaria occorre essere atleti veri. Inoltre bisogna disporre di forza fisica e psichica ed, ovviamente, di competenze tecniche ragguardevoli.

Ma non basta. Ricorderai quello che diceva Don Abbondio auto-riflettendo sul suo operato : "se uno il coraggio non ce l'ha, non se lo può mica dare". 

Contrariamente a lui tu hai dimostrato di averne avuto almeno tre cesti ricolmi... resto mancia.

Avrai letto dell'attivismo che abbiamo profuso per farti votare a man bassa. Tutti i lettori di Esvaso e di Forum Valtaro si sono prodigati in massa usando moltissimo le e-mail e facebook. Permettimi di citare Gigi, Ruggero, Valeria, Marco B., Claudio, Monica, Francesca Katia e tanti altri.

Per quanto riguarda la nostra partecipazione in Parma alla tua premiazione ho chiesto a Gigi ma è indisponibile per una vacanza già programmata.

Lancio un appello su questo blog per vedere se c'è qualche voglioso ... con la speranza che il tempo ci sia amico.

Mi farebbe proprio piacere farti un applauso al REGIO di PARMA.

Sempre e comunque CUORI ALTI.

Un abbraccio. Ciao.


 
Risposta di Remo Ponzini 18:47 - 06/02/12

Ecco altri due giornali che parlano dell'impresa di SUSY e della sua imminente premiazione in Parma:

http://goo.gl/ErBK8 . /  http://goo.gl/GCD8n .

Risposta di Claudio Agazzi 22:24 - 06/02/12

Ciao Remo e ciao Susy

Prima di tutto devo dire quanto sia bello leggere quello che ha scritto Susy. Non c'è la minima traccia di retorica o falsa modestia. Solo la bellezza del suo animo di combattente che sa rendere merito a chi come lei compie imprese straordinarie.

Per Giovedì sera, mannaggia. Sarebbe stata una bella occasione ma avendo mio figlio con me mi è difficile organizzare. Però se tu vai Remo fammi sapere.

Complimenti Susy.

PS una grande navigatrice però anche un grande tifoso :) Remo.

 
Risposta di Remo Ponzini 11:36 - 08/02/12

Ecco l'articolo di PARMA TODAY del 8.2.2012 relativo alla premiazione di SUSANNE BAYER come " MIGLIORE IMPRESA VELICA DELL'ANNO ".

 

Nulla di meglio per lo YACHT CLUB di PARMA che festeggiare una propria concittadina.

 

 

Lo YACHT CLUB di PARMA ospita il PREMIO NAZIONALE  " VELISTA dell'ANNO "  ParmaToday -

 

Giovedì 9, alle 19.30, al Ridotto del Teatro Regio: il vincitore Marco Nannini, presenti Susanne Beyer e Carlo Croce (presidente della FIV);ingresso libero. E'possibile accreditarsi sul sito www.yachtclubparma.it

di Federico Ranauro 08/02/2012

 

Per il secondo anno consecutivo, lo Yacht Club Parma è stato scelto per ospitare il prestigioso premio "Velista dell'Anno", indetto dalla rivista Il Giornale della Vela. In più, novità assoluta, sarà presente a Parma il presidente della Federazione Italiana Vela, Carlo Croce. Un altro grande passo in avanti per il primo club nautico della provincia, ormai affermatosi tra le maggiori realtà nazionali e voluto come ente organizzatore dell'evento per i meriti sportivi e divulgativi.

La cerimonia di premiazione si svolgerà giovedì 9 febbraio alle ore 19.30 al Ridotto del Teatro Regio: è possibile prenotare il posto accreditandosi sul sito internet www.yachtclubparma.it; ingresso libero dopo le 19.30, salvo disponibilità. Quest'anno la manifestazione riceve il patrocinio del Comune di Parma e ancora una volta, grazie al contributo di Schiatti Class e Fidenza Village, viene offerta con accesso gratuito a tutti i parmigiani, appassionati e praticanti.

Velisti di livello elevatissimo si sono contesi l'ambito premio nazionale. Alla fine l'ha spuntata Marco Nannini, 33enne torinese, al momento l'unico italiano impegnato con buon grado di competitività nelle regate oceaniche che tradizionalmente vedono imporsi francesi e inglesi. È lui, dunque, il "Velista dell'Anno". Basti dire che ha preso un anno di aspettativa dal suo lavoro nel cuore della finanza londinese ed è partito per la Global Ocean Race, la regata attorno al mondo con i Class 40.

A SUSANNE BEYER, 33enne originaria di BEDONIA con papà tedesco, andrà invece il premio per LA MIGLIORE IMPRESA VELICA DELL'ANNO, avendo partecipato in solitario alla Mini Transat, regata transatlantica per barche di 6,5 metri, nella quale ha battuto gli altri italiani (tutti uomini): 4.200 miglia da sola in 32 giorni di navigazione.

Per lo Yacht Club Parma, affiliato alla Fiv (Federazione Italiana Vela) e riconosciuto dal Coni, è il primo evento del 2012. Assegnato dai lettori de Il Giornale della Vela, il "Velista dell'Anno" è già stato appannaggio di personaggi molto popolari quali Paul Cayard (1992), Giovanni Soldini (1994), Francesco De Angelis (1995), Alessandra Sensini (1996, 2000, 2004 e 2008), Tommaso Chieffi (1997) e, un anno fa a Parma, Alessandro Di Benedetto che nel 2010 aveva compiuto il record di circumnavigare il mondo in solitario (e senza scalo) su una minuscola barca.“


 
Risposta di Remo Ponzini 12:08 - 10/02/12

Un autentico tripudio per SUSANNE BEYER al REGIO di PARMA. 

La navigatrice più famosa d'Italia, che in solitaria ha attraversato gli oceani dalla Francia al Brasile, ha ricevuto il premio come : MIGLIORE IMPRESA VELICA DELL'ANNO.

Nella fastosa cornice di uno dei più noti teatri del mondo, questa ragazza di 33 anni, originaria di Alpe di Bedonia, è stata festeggiata con il massimo degli onori. Una sacrosanta legittimazione, una gratificazione immensa ed una apoteosi di riconoscimenti meritatissimi che Le sono piovuti a scroscio da ogni dove.

Erano presenti Il Presidente della Federazione Italiana Vela, Il Presidente dello Yacht Club di Parma che ha organizzato l'evento, l'intero staff giornalistico di Giornale della Vela, i campioni premiati negli anni precedenti, varie testate specialistiche e non, TV ed un pubblico festoso che l'ha sommersa di applausi incessanti.

E' stata Lei la protagonista in assoluto della serata ed è riuscita ad attrarre l'attenzione di tutti. E non per campanilismo, in quanto le sue radici non sono state citate, ma per quello che ha compiuto.

 Una marea di persone competenti che ha riempito in ogni ordine di posto tutta la sala. Mi ha veramente sorpreso che la nebbiosa città ducale, lontana dai mari, potesse avere tanti appassionati di vela. 

Perchè è stata scelta Parma ???  Senz'altro per l'attivismo del Yacht Club locale ma anche, come è stato affermato con un pizzico di umor, perchè è equidistante tra il mare Adriatico ed quello Ligure.

Un paio d'ore trascorse in un lampo a seguire, su uno schermo mega, alcuni scorci della sua navigazione tempestosa inframezzati a spaccati di vita personale che la riprendevano quando, ancora piccina, scorrazzava con la sorella su MAREA imbarcazione velica di famiglia.

Brava SUSANNE !!! Ti hanno stordito con gli applausi e con gli encomi. Premiata sul palco ma anche da tutta la platea. So che ci regalerai altre emozioni. 

In bocca alla balena.

Ciao.

PS: un grazie anche all'amico Davide che mi ha accompagnato in questa trasferta cittadina. 


 
Risposta di Remo Ponzini 11:09 - 19/02/12

Il più grande velista del mondo GIOVANNI SOLDINI (amico dI SUSANNE BEYER) ha rilasciato una intervista a Daniele Mastrogiacomo estremamente interessante.

Da La REPUBBLICA del 18.02.2012 :

Il velista e quei lunghi periodi sulla barca senza vedere nessuno

“Ti abitui ad un altro ritmo che aiuta a sentire altre cose”

L’ORIZZONTE DI SOLDINI “LONTANO DAL MONDO VICINO A ME STESSO”

«La cosa più bella ? Al­cu­ni co­lo­ri. Li ve­di so­lo in ac­qua. A cer­te la­ti­tu­di­ni co­gli del­le sfu­ma­tu­re che ti sem­bra­no qua­si ir­rea­li. Ve­ri qua­dri». Gio­van­ni Sol­di­ni vol­ge lo sguar­do al­l’o­riz­zon­te. Cer­ca il fo­to­gram­ma che gli è ri­ma­sto im­pres­so nel­l’a­ni­ma. Quel­lo che non lo ha mai più ab­ban­do­na­to e che lo ac­com­pa­gna in ogni av­ven­tu­ra in gi­ro per i ma­ri del mon­do. So­lo, con la sua bar­ca a ve­la. Si vol­ta, ti­ra l’en­ne­si­ma boc­ca­ta al­l’en­ne­si­ma si­ga­ret­ta, e con­clu­de: «Sì, è co­sì. Il ver­de del­la Pa­ta­go­nia, il bian­co ghiac­cia­to di Ushua­ia, da­van­ti a Ca­po Horn. Ec­co, so­no lu­ci e om­bre che non tro­vi al­tro­ve. Ti riem­pio­no lo spi­ri­to, re­sti­tui­sco­no un sen­so al­l’e­si­sten­za. Ti fan­no su­pe­ra­re la tua so­li­tu­di­ne». Il ve­li­sta ita­lia­no più fa­mo­so del pia­ne­ta va per ma­re da quan­do ave­va 16 an­ni. Spes­so in so­li­ta­rio. Una con­di­zio­ne dif­fi­ci­le, qua­si im­pos­si­bi­le. «De­vi tro­va­re un tuo equi­li­brio», spie­ga, «de­vi met­ter­ti in pa­ce con te stes­so. L’a­dat­ta­men­to non è sem­pli­ce ma al­la fi­ne ci rie­sci. Cer­to, di­pen­de mol­to dal tuo ca­rat­te­re. Quan­do stai in ma­re ti mi­su­ri e ti sfi­di. Pau­re? Mol­te, è nor­ma­le. Co­me gli at­tac­chi di no­stal­gia, i mo­men­ti di so­li­tu­di­ne for­tis­si­ma che ti ag­gre­di­sco­no e ti sfian­ca­no».

«Sei sot­to­po­sto a con­ti­nue pro­ve di re­si­sten­za — am­met­te Sol­di­ni — Ma è una co­sa mol­to bel­la. Si crea un rap­por­to spe­cia­le tra te e la bar­ca. Fai tut­to tu, nel tuo mo­do, la­sci an­da­re le co­se. Di­ven­ti mol­to me­to­di­co e in­sie­me mol­to sen­si­bi­le. Im­pa­ri a sen­ti­re la bar­ca, ascol­ti la sua vo­ce. En­tri in sin­to­nia e fi­ni­sci per sta­bi­li­re un rap­por­to che non è so­lo ma­te­ria­le. An­che quan­do sei mez­zo ad­dor­men­ta­to, stra­vol­to dal­la stan­chez­za, quan­do cu­ci­ni sbal­lot­ta­to dal­le on­de, quan­do ti chiu­di sot­to co­per­ta, con lo sca­fo che sfrec­cia a 20 no­di, e leg­gi qual­che pa­gi­na di un li­bro. Ec­co, in quei mo­men­ti sen­ti di non es­se­re so­lo. Lei, la bar­ca, è sem­pre lì, con te. È una per­so­na. Si la­men­ta, si en­tu­sia­sma. E ti aiu­ta. Mi è ca­pi­ta­to spes­so di af­fron­ta­re ma­ri in bur­ra­sca, av­vol­to dal­la for­za del­la na­tu­ra e sen­ti­re uno stra­no ru­mo­ri­no. Sco­pri­vo ma­ga­ri che c’e­ra un ti­ran­te che si sta­va rom­pen­do.

Qual­co­sa di im­por­tan­te, im­pos­si­bi­le da ca­pi­re nor­mal­men­te. Era lei, la bar­ca, che mi av­ver­ti­va. Mi sal­va­va la vi­ta. Co­me una per­so­na ».

Sol­di­ni ha mo­glie e quat­tro fi­gli. Ma que­sto non cam­bia la sua con­di­zio­ne di na­vi­ga­to­re so­li­ta­rio. «È chia­ro che pen­so al­la fa­mi­glia. Ma an­che lo­ro ne han­no trat­to dei van­tag­gi: mi han­no se­gui­to via ter­ra spes­so e han­no avu­to oc­ca­sio­ne di ve­de­re po­sti che, for­se, non avreb­be­ro mai vi­sto. Il ma­re, so­prat­tut­to la ve­la, ti è com­ple­men­ta­re.

Ti av­vol­ge, ti for­ma, ti aiu­ta, ti ac­com­pa­gna. Ser­ve a ca­pi­re, te stes­so e gli al­tri».

Sol­di­ni sor­ri­de, pri­ma di ri­pren­de­re la sua cor­sa in­fi­ni­ta. An­nui­sce, ec­ci­ta­to co­me il pri­mo gior­no. Sa­lu­ta con la ma­no. Si ag­grap­pa al­le sar­tie, don­do­la: «Fa par­te del­la mia vi­ta. Mi sen­to for­tu­na­to.

Non ne pos­so più fa­re a me-no. Di­ven­to suo pri­gio­nie­ro e mi la­scio por­ta­re». Og­gi, mil­le av­ven­tu­re do­po, scal­pi­ta sul suo nuo­vo sca­fo co­me fos­se il pri­mo gior­no. Ep­pu­re ha vin­to e fat­to tut­to: due vol­te il gi­ro del mon­do a tap­pe in so­li­ta­rio, una vol­ta la Qué­bec- Saint Ma­lo. E poi in­fi­ni­te tra­ver­sa­te atlan­ti­che, la Vol­vo Ocean ra­ce. Da so­lo, con equi­pag­gio, in cop­pia, in re­ga­ta, in cro­cie­ra. «Ogni vol­ta sem­bra la pri­ma», spie­ga do­po l’en­ne­si­ma sfi­da con la qua­le ha bat­tu­to il re­cord a cui pun­ta­va: 10 gior­ni, 23 ore, 9 mi­nu­ti. Da Ca­di­ce, in Por­to­gal­lo, a San Sal­va­dor, nel­le Ba­ha­mas. Un bel pro­get­to, il co­ro­na­men­to di un so­gno in­se­gui­to sin da quan­do era ra­gaz­zo. Ha for­ma­to un team tut­to ita­lia­no. Con al­tri no­ve na­vi­ga­to­ri sta già pen­san­do al­le due pros­si­me sfi­de. La pri­ma, da Mia­mi a New York, a mar­zo. E poi, la se­con­da, ad apri­le, for­se la più am­bi­zio­sa: bru­cia­re il pri­ma­to che ha re­si­sti­to per un se­co­lo e che ades­so è in ma­no ai fran­ce­si. La tra­ver­sa­ta del­l’A­tlan­ti­co. Ma da Ove­st a Est: da New York a Ca­pe Li­zard, il pun­to più a sud del­la Gran Bre­ta­gna, una pe­ni­so­la che si af­fac­cia sul­la Ma­ni­ca. Cer­can­do il re­cord.

Il sim­bo­lo del­la ve­la ita­lia­na rac­con­ta lo sca­fo su cui don­do­la in mez­zo ai Ca­rai­bi. «È un Vor 70. Un mo­no­sca­fo di 20 me­tri. Un al­be­ro di 30 in car­bo­nio. Ap­par­tie­ne al­la clas­se con cui si cor­re la Ocean ra­ce. L’ab­bia­mo mo­di­fi­ca­ta: una chi­glia ba­scu­lan­te che pos­sia­mo sol­le­va­re su un la­to quan­do la bar­ca si pie­ga. Ve­lo­ci­tà rad­dop­pia­ta. E poi tec­no­lo­gia in­ter­na mol­to so­fi­sti­ca­ta, al­tre due de­ri­ve mo­bi­li a prua che si pos­so­no al­za­re e ab­bas­sa­re, pan­nel­li so­la­ri per ali­men­ta­re la stru­men­ta­zio­ne e il mec­ca­ni­smo ro­tan­te. Il re­sto, l’in­ter­no, è com­ple­ta­men­te vuo­to. Ab­bia­mo so­lo lo stret­to ne­ces­sa­rio: per­fi­no il ci­bo è lio­fi­liz­za­to. Pe­sa di me­no: non stia­mo fa­cen­do una pas­seg­gia­ta, ab­bia­mo dei re­cord da bat­te­re».

Il no­me è già un pro­gram­ma: Ma­se­ra­ti. Non è so­lo il tri­bu­to al­la no­ta ca­sa au­to­mo­bi­li­sti­ca, tra gli spon­sor; è un au­gu­rio, una pre­mes­sa, un obiet­ti­vo. «Que­sta è una bar­ca che sfrec­cia fi­no a 40 no­di. Di me­dia fa i 26. Si la­vo­ra co­me paz­zi, si dor­me po­co e ma­le su del­le bran­di­ne du­re co­me un sas­so. Non tut­ti se la sen­to­no. Ma è la più bel­la av­ven­tu­ra del­la vi­ta». Il Vor 70 è di John El­kann, il pre­si­den­te del­la Fiat. «I sol­di», rac­con­ta Sol­di­ni, «li ha mes­si lui. Di ta­sca pro­pria. Sia­mo sta­ti in­sie­me du­ran­te una tra­ver­sa­ta tra le Ca­na­rie e i Ca­rai­bi. È ve­nu­to da so­lo, ha fat­to i suoi tur­ni. Con lo Steal­th, la bar­ca del­l’Av­vo­ca­to ».

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018