Non nascondo un velo di tristezza, forse un po’ più di un velo. Perché devo essere io a scrivere questa cosa? Perché nessuno sente il desiderio di metterci qualche cosa di suo per far si che questo paese possa migliorare?

Quando finirà questa triste situazione? Quando si inizierà a vedere che gli esseri umani di questa valle non pensano solo al loro portafoglio? Quando si apprezzerà qualcuno che sfidando le regole della legge mafiosa accetta di mettersi in gioco e denuncia le cose che non vanno pubblicamente con lo scopo di far capire all’amministratore che il cittadino è attento e pretende? Quando?

Io, come tanti, pago le tasse in questo comune e pretendo che i miei soldi siano spesi al meglio. Ma non è solo questo il tema che fa intristire questo post, il tema è anche quello di vedere il disinteresse dell’amministratore in tutto quello che è la cura del paese.

VOGLIO ESSERE CHIARO.
Non parlo nello specifico di questa amministrazione e non parlo solo degli amministratori politici. Ci sono anche quelli in pianta organica fissa, anche loro sono preposti al controllo.

Ieri l’altro sono andato al cimitero e per la prima volta sono entrato dall’alto nella nuova costruzione da poco realizzata. Le foto fanno vedere benissimo in che stato è già. L’intonaco, la parte superficiale e quindi la pittura si sta staccando tutta.
MA COME E’ POSSIBILE? Fatto da poco. Ma come è possibile che si verifichi la stessa cosa delle tribune del campo sportivo e delle balaustre nell’entrata al parco della Peschiera? Ma possibile che se le cose le fa un privato siano fatte bene se le fa il pubblico siano fatte in questo modo?

Oggi passo davanti al campo Breia e le foto mettono in evidenza che la tinta data sul muro vecchio sta venendo via tutta. E’ stata data per bellezza? Solo per l’inaugurazione? Si sapeva che sarebbe durato un anno?

La tristezza è tanta, vedere il poco amore delle cose comuni. La comunità le dovrebbe trattare con il massimo rispetto perché sono di tutte, perché le possono godere tutti e invece…

Allora lo faccio io. Denuncio io questa situazione e chiedo Al Sig. Sindaco Carlo Berni e All’Ing. Capo del Comune di Bedonia di provvedere, se non l’hanno già fatto e in quel caso mi piacerebbe ci mostrassero gli estremi, per cortesia con le verifiche del caso e chiedere il ripristino dei manufatti come da capitolato. Non ce l’abbiano a male coloro che ci hanno lavorato ma la stessa cosa la chiederei se fosse casa mia e siccome Bedonia E’ CASA MIA e pare solo mia a questo punto, sono qui a chiederlo.

Sarebbe bello che qualcuno oltre al sottoscritto mettesse CORAGGIOSAMENTE il proprio nome e cognome altrimenti il velo di tristezza diventerà ancora più pesante e la sensazione di convivere in un sistema mafioso e di sole persone interessate al proprio orticello certezza.

Cordialmente

Claudio Agazzi

Particolare cimitero
Particolare cimitero
Particolare campo Breia
Particolare campo Breia
Risposta di Marco Biasotti 18:24 - 10/04/12

Muro di gomma, Claudio,...muro di gomma!

Risposta di Camila Parada 18:46 - 10/04/12

Mi pare una giusta segnalazione.
E' stato fatto male il lavoro? Magari, invece, il lavoro è stato fatto bene, ma per risparmiare sono stati usati materiali scadenti?
L'ufficio tecnico prenda a bene questa denuncia ed indaghi per sapere perchè si deve correre ai ripari così presto. Poi chi deve farlo: ripari.

Risposta di Marco Biasotti 21:30 - 11/04/12

Caro Remo, con "muro di gomma" intendevo quello dell'amministrazione, non solo di Bedonia, sia chiaro....
Ci sbatto spessissimo anche a Borgotaro, cerchi di fare proposte senza chiedere la luna... ma nessuno ti c.ga, è un dato di fatto, purtroppo.
Continuiamo... ma comincio a pensare che sia inutile.
Ciao

 
Risposta di lorella aviano 20:10 - 10/04/12

Firmo anche io questa "petizione" e vorrei cortesemente sapere anche il nome dell'azienda che ha eseguito i lavori

Risposta di LUCA PARDINI 07:23 - 11/04/12

Non da residente ma da ahimè frequentante il cimitero di Bedonia denuncio anche io questa situazione.

 
Risposta di Remo Ponzini 23:51 - 10/04/12

Caro Claudio

Hai fatto una disanima completa sviscerando e ponendo l'accento su una problematica che affligge da sempre i Comuni quando deliberano l'esecuzione di opere di pubblica utilità. Si deve sempre partire dai capitolati che oltre a dettagliare i lavori da eseguire ed i materiali da utilizzare, devono anche prevedere le penali a carico dell'appaltatore in caso di esecuzioni non conformi. Sto dicendo cose ovvie e che tutti conoscono ma le foto che ci hai mostrato documentano inequivocabilmente che nella catena dei compiti ci sia stata un po' di approssimazione.

Spero che le evidenze poste all'attenzione non vengano interpretate come un attacco all'attuale amministrazione. E' un concetto che ripeto spesso ma purtroppo vado sempre a sbattere contro questo scoglio. Quello di essere male interpretato.
Quando si mette in evidenza qualche manchevolezza, pur senza scopi reconditi, capita sovente di subire i mugugni ed i risentimenti di qualcuno che ci governa. Sia ben chiaro che io apprezzo molto di più quelli che contestano pubblicamente (questo forum mi sembra il luogo adatto) che quelli che mugugnano subdolamente dietro le scrivanie.

Resta il fatto che la valutazione della qualità è un problema irrisolto da sempre e che spesso non viene posto nella dovuta attenzione. Raramente ci capita di vedere lavori eseguiti con accuratezza. Nel caso specifico, oltretutto, si parla di opere ultimate recentemente. Se poi qualcuno che occupa i palazzi verrà a dirci che sono già in corso contestazioni atte a risolvere queste manchevolezze tanto meglio per tutti. Sarebbe quello che auspichiamo.

Ma tu Claudio nel titolo ci hai fatto chiaramente intendere che non ami i monologhi e che non puoi essere sempre e solo tu ad evidenziare le magagne che gravano sull'intera comunità. Un chiaro invito ad abbandonare l'atteggiamento omertoso che presidia nelle menti di tanti nostri concittadini. Mi riferisco al timore molto diffuso di fare pubbliche critiche indicando il proprio nome e cognome. Nessuno vuole esporsi. Chi per una sorta di deferenza, chi per servile accondiscendenza, chi per sudditanza di stampo medioevale, chi per velata viltà o altro.

Ma questa volta sei stato premiato. La Camila Parada e la Lorella Aviano sono venute a manifestarti condivisione e sostegno. Veramente c'è anche Marco Biasotti ma io non ho capito che cosa intendesse per : muro di gomma. Può essere che per l'età e la tarda ora la mia mente sia un po' obnubilata ma me lo farò spiegare alla prima occasione.
Comunque, o Claudio, qualcosa hai smosso. Io non ci contavo.

Ciao.

 
Risposta di Comitato per la resistenza dell'Alta Valle del Taro 10:36 - 11/04/12

Caro Remo, aggiungiamo anche il buon Pardini che sta nella stanza vicino la mia eheh.

Hai reso bene l'idea più di una volta. Lo diciamo continuamente che non è un attacco a questa amministrazione e che anzi se possiamo essere utili siamo qui. Io personalmente l'ho detto più volte.

Ringrazio tutti coloro che hanno sottoscritto questo post, grazie davvero ma è un piccolo cerino acceso in una grande grotta buia.

Guardando fuori dalla finestra in questo momento c'è buio, piove. Ebbene l'immagine mi porta a quella valle. Credo che ormai sia al buio e i pochi lumicini accesi piano piano si vanno spegnendo. Non ci vuole molto. Non si parla di fare rivoluzioni o miracoli. Si parla di cambiare un po' l'atteggiamento: BASTA omertà, basta complicità, basta sudditanza, basta menefreghismo e un po' più di partecipazione gioiosa. Aggiungo gioiosa perché la critica deve essere così. Non spinosa, cattiva, malevola.

In questo caso poi era trasversale su tante amministrazioni e soprattutto anche in capo ad organi non politici del Municipio.

Di recente tu Remo hai lodato alcuni lavori fatti a Bedonia, potature e cose simili. Mi sono associato anche io. Continuamo a dire quanto sia difficile amministrare e personalmente non credo che questa amministrazione sia colpevole di chi sa che cosa, ma se si mette in evidenza che su 4 opere pubbliche realizzate, tutte e quattro hanno gli stessi problemi, che tutte e quattro sono state pagate con i soldi dei contribuenti, che si chiede all'Amministrazione e al tecnico di chiedere un atto riparatore come qualsiasi persona chiederebbe, beh... non credo che ci si debba nascondere, vergognare, oppure temere chissà quale congiura.

Quindi cittadini dell'Alta Valle del Taro che siete lì dietro la porta, che state spiando tra le fessure delle assi, che parlate sottovoce all'angolo del bar, che discutete animatamente durante i pranzi in famiglia, che criticate l'amministratore solo perché è tale, che invidiate la qualifica di consigliere senza conoscerne il peso, che non avete mai fatto nulla, neppure pensato per la comunità, ebbene cari cittadini provate per un attimo a staccare la spina, fate due passi per i vostri paesi, cercate di immaginare come erano e come sono adesso, controllate quante case sono abitate e quante deserte, chiedetevi dove sono i figli dei vostri amici se non lontanto dai vostri paesi a lavorare, chiedetevi come mai girando per i vostri paesi non vedete più quelle belle comitive di adolescenti che per il solo piacere di essere con amici già sorridevano ed erano felici. Fatevi un po' di domande e chiedetevi se vi sta bene continuare ad aspettare la vostra (e nostra) dipartita così supinamente, nel triste di un paese disabitato, grigio, silenzioso, troppo silenzioso.

Se vi sta bene. STATE ZITTI!

Claudio Agazzi
Comitato per la resistenza dell'Alta Valle del Taro

Risposta di Fabio 18:37 - 11/04/12

Un testo che bene ci rappresenta..ascoltiamolo e cerchiamo di farlo arrivare bene ai nostri amministratori..

http://www.youtube.com/watch?v=14lkY83djDA .

 
Risposta di Carlo Berni 22:41 - 16/04/12

Caro Claudio,
resto sempre dell'idea che se sta a cuore la vita del paese, alcuni interventi sul forum potrebbero essere sostituiti da una mail all'amministratore amico (inteso nel vero significato della parola), o da una telefonata per segnalare o per avere spiegazioni sulle diverse problematiche. 
Il voler invece denunciare, nel miglior stile giornalistico, queste cose, rischia talvolta di fare disinformazione o di creare allarmismi a chi legge.

Prendiamo il cimitero. Il giorno dopo l'intervento sul forum,era già intervenuta l'impresa locale che aveva eseguito il lavoro dell'intonaco per iniziare a porvi rimedio. Non lo aveva fatto prima, perchè le temperature in montagna si sà che sono rigide durante l'inverno. Lavoro sul quale non è stato firmato il certificato di regolare esecuzione, sul quale è stata trattenuta la relativa fidejussione bancaria e sul quale la ditta non è stata totalmente pagata. Dico subito un'altra cosa: che finito questo primo intervento avremo altri problemi sull'intonaco e che la ditta, senza costi aggiuntivi per l'Ente, dovrà intervenire.

Poi dispiace anche a noi amministratori, forse più che a te, ma sono mesi che ci siamo accorti del problema, e vedi che ci siamo tutelati.
Pensa se analogamente fosse stato fatto così negli anni passati, per l'intonaco delle tribune, per le balaustre all'ingresso della Peschiera (già rifatte una volta) o per il marciapiede di via Aldo Moro ( e mi fermo). 

Il muretto del Breia fotografato non fa parte degli ultimi lavori appaltati, si tratta di smalto messo direttamente dal Comune per cercare di migliorare esteticamente l'inserimento dei plinti della recinzione sul vecchio manufatto. A differenza del cimitero, ritengo faccia parte di ordinaria manutenzione, e nella logica delle priorità cercheremo in futuro di migliorare la soluzione.

Cerco di rispondere anche al precedente intervento sulla scala che collega il Breia a P.zza De Gasperi. L'intonaco cadente di cui si parla si riferisce ad appalti sempre precedenti, sui quali l'attuale Amministrazione non ha neppure pensato di intervenire, per l'onere troppo elevato che comporterebbe e ritenendo di avere altre priorità. La cartaccia sugli scalini... è un pò come "sparare sulla Croce Rossa" se permettete, soprattutto alcuni giorni dopo una nevicata e dopo il Carnevale. Ma in ogni caso fotografie di mozziconi di sigaretta o di bicchieri di carta a terra le possiamo fare in ogni momento e, credo, in ogni paese o in ogni città. L'importante è che il Comune lavori, sia presente, e abbia un proprio servizio di spazzamento delle strade, di svuotatura dei cestini, di controllo del Parco Giochi e di manutenzione del verde, organizzato ed efficiente. Ed in queste cose Bedonia, è unanimamene riconosciuto, è cresciuta molto negli ultimi tempi.

Non entro nel merito dei giudizi sugli amministratori della vallata o del clima che si respira. Dico solo di non commettere l'errore di chi parla sempre e solo male della montagna e dei montanari. La critica sia costruttiva e l'analisi capace anche di evidenziare che questo è paese di imprenditori capaci, sede di molte associazioni di volontariato estremamente dinamiche, con decine di giovani che fanno sport o musica, dove sono nate nuove attività commerciali e dove trovi servizi sociali, sanitari e scolastici (peraltro in aumento). Essere negativi e basta, oggi è sin troppo facile. Lo potrei fare anch'io nei confronti dei Governi, o nei confronti di chi mi ha preceduto, ma il mio compito e di lavorare, di fare il mio dovere e cercare di dare una risposta, insieme agli altri ragazzi, ai cittadini.         
Un saluto a tutti, alla prossima risposta... ma non domani.  

 
Risposta di Claudio Agazzi 15:23 - 17/04/12

Ciao Carlo

Che gran brutto attacco caro mio. Davvero non dovevi iniziare così. O forse l’hai fatto deliberatamente per farmi uscire di senno e rispondere con cattiveria alla tua lettera :).

Ma non ci casco dai. Lo so benissimo che anche tu sei conscio che il mio amore per Bedonia è grandissimo confronto al tuo. Ci mancherebbe che non fosse così. Mi chiamo Agazzi, sono nato in Via Vittorio Veneto, in casa. I miei genitori, i miei nonni, i miei bisnonni e così via fino almeno al 1.500 sono di Bedonia.

Sono uno dei pochi che ritorna ogni week end a Bedonia, sono uno dei pochi che ha investito a Bedonia.

So benissimo che scherzavi :) Tranquillo. E’ un po’ come se mi dicessi che io amo Albareto più di te, ma dai.

Oh almeno che tu intendessi che sono talmente stolto e cieco da far del male a Bedonia scrivendo su questo forum. Beh in quel caso perdonami ma continuerò a farlo nel mio modo. Come ho fatto da sempre, come ho fatto con “Il Mio Paese” quando lo pubblicavo e come forse tornerò a fare. Già il titolo ti dovrebbe far pensare.

Risolta credo questa cosa dell’amore verso il paese (ti prego però la prossima volta di non scherzare su questo tema, ho capito che hai senso dell’humor :).

Io penso tu abbia un concetto tutto tuo di informazione, concetto che stride totalmente con il mio. Che ci vuoi fare, mi dovrai sopportare. Per te informazione è parlare sempre bene, raccontarsi le cose nei salotti, in privato mentre per me informazione è condivisione e soprattutto trasparenza.

Adesso ti insegno come evitare la prossima volta un rompicoglioni come il sottoscritto.

Quando farai fare come Amministrazione un lavoro e vedrai che palesemente viene male e crea un disservizio alla collettività (siamo tutti noi Carlo la collettività) tu scrivilo pubblicamente. Potrebbe suonare più o meno così:

“Signori cittadini. Abbiamo stanziato 200.000 Euro per la realizzazione dell’opera x, il lavoro se l’è aggiudicato la ditta y che ha fatto il migliore ribasso tra le ditte a,b,c,d. )Magari spieghi come mai la ditta (a) che aveva il ribasso più alto è stata esclusa così la gente è informata prima e non si crea dei dubbi.) Ebbene cittadini, la ditta y ha eseguito il lavoro non conformemente al capitolato che i nostri tecnici Gino e Pino hanno preparato (alleghi il capitolato), abbiamo provveduto a bloccare i pagamenti (alleghi la lettera che hai mandato alla ditta y), abbiamo utilizzato la fideiussione che avevamo (alleghi la lettera di richiesta alla banca) e abbiamo chiesto alla ditta y di provvedere in xx giorni al ripristino del manufatto”
(il testo è indicativo e i riferimenti sono puramente casuali)

Stai sicuro che in questo caso, il rompicoglioni di turno non scrive su un forum pubblico e anzi ti apprezza e ti vota o ti sponsorizza alle prossime elezioni.

Si chiama trasparenza ma mi rendo conto che sia una visione tutta mia. Cosa faccio Gigi, smetto di scrivere, vado dallo psicologo?

Carlo, soffri un po’ anche di miopismo, permettimi di dirlo. Personalmente ho scritto più volte dicendo che il vostro è un lavoro difficile, ho scritto più volte delle cose positive che avete fatto. La cura in certi casi del paese, ho detto che contrariamente a tanti penso che l’opera del Breia sia ben fatta, ho detto che sono contento del successo dell’enogastronomico e che vi va dato atto d’averci creduto (pur non condividendo totalmente la scelta o meglio l’accordo con Borgotaro).

Ho lanciato una serie di spunti su questo forum per iniziative che possono essere prese. Ho dato la mia disponibilità a finanziare alcune opere di restauro come il ponte sul fiume Pansamora.
Ho dato la mia disponibilità qui e a te direttamente per consulenze gratis per quanto riguarda il mio lavoro.
Tutte cose offerte e mai accettate.

Mi spiace questo tono dell’uno contro l’altro. Io sono con te e la tua amministrazione e quando vedo la Pia, Lodovico, e gli altri sono con loro e credo che chiunque debba dare una mano.

Quindi, se posso darti un consiglio da amico, ma davvero, spingi perché ci sia più gente come me che ti pungola e ti loda quando è il momento e che magari ti offre il suo aiuto disinteressatamente piuttosto che pensare al male ovunque.

Carlo, il pistolotto finale è un’altra cosa fuori luogo se detta a me. Se c’è uno che è positivo sono io ma non sono cieco.
Bedonia nel 1990 contava 4.886 abitanti
Bedonia nel 2011 contava senza contare gli stranieri 3.427 abitanti (con gli stranieri 3.701)

Ebbene in 21 anni sono venute a mancare il 30% della popolazione, 1.459 persone.

Immagina come se con un click cancellassi tutta la popolazione di Tornolo, Tarsogno, Santa Maria. Non si tratta d’essere pessimisti in questi casi ma realisti. Si tratta di guardare in giro e vedere cosa siamo diventati. TU NON HAI NESSUNA COLPA DI QUESTO e anzi stai facendo quello che puoi e bene.

Carlo sei un validissimo amministratore. Io ti vorrei un GRANDE amministratore.

Con affetto
Claudio Agazzi

ps.
ci sarebbe anche l'altro post, quello della scelta di non investire nella piscina e nel recupero del centro storico
:) Sto rompi... che sarei io.

ps. del ps.
17 43 43 22 11 3 sono i numeri che usciranno alla prossima estrazione del superenalotto. Cavolo visto che indovino sempre qual è il giorno prima del ripristino delle cose malfatte vuoi vedere che becco anche questi :)

Risposta di Remo Ponzini 17:52 - 17/04/12

Bravo Claudio,
non usi i linguaggi dei politici, non ti arrochi come loro a difendere a priori lo scranno che occupano e non hai mai fini reconditi. Ma questo consideralo un grande complimento. Ci accomuna una particolarità: quando facciamo rilievi, pur in ottica costruttiva, veniamo considerati degli indesiderati e dei guastafeste. Permane questo sottile velo di diffidenza ma penso sia superabile.

Mi ha fatto molto piacere la lettera pubblica che il Sindaco Berni ti ha inviato. Ci sono ancora delle smussature da levigare ma si è aperto un dialogo schietto, leale, collaborativo. Per ora il Comune di Bedonia è l'unico della nostra vallata ad aver instaurato un rapporto web (su sito neutrale) con la popolazione e questa disponibilità, sia a dialogare che ad informare, sarà apprezzata da tutti indipendentemente dalla fede politica che ognuno professa.

Taglio corto per compensare il tuo chilometrico post ma sappi che me lo sono "bevuto" in un lampo e con grande soddisfazione.
Grazie a te, al Sindaco ed agli assessori che si rendono disponibili.

Risposta di Claudio Agazzi 13:04 - 18/04/12

Ciao Remo.

Si, dobbiamo ringraziare l'Amministrazione comunale di Bedonia ma c'è ancora tanto da fare.
Questa partecipazione è ancora indotta e invece dovrebbe essere spontanea. Arriverà, con il tempo arriverà e tutti potremmo coglierne i benefici.

Più dubbioso sono sui tempi di "recupero" della mentalità bedoniese "i se rangeran". Ecco qui vedo ancora molte difficoltà. Ricevo spesso complimenti per la strada da persone che a volte non conosco ma di gente che osi un po' di più ne vedo poca.

Ci vuole tempo. Non è colpa di qualcuno in particolare ma di decenni di tarpatura delle ali al cittadino medio.

A presto
Claudio Agazzi

Risposta di Aiutaci Signore. 18:04 - 18/04/12

Aspetti di vedere i prossimi probabili candidati alla carica di Sindaco di Bedonia e vedrà che chiuderà le ali pure lei, Sig. Claudio!!!
I nomi che girano tra gli addetti ai lavori, politici e politicanti fanno gridare : " Ma per l'amor di Dio.... aiutoooooo!!!!"
Meglio tenersi stretto Berni!!!!!
I dati dell'emigrazione verso la bassa in particolare verso Collecchio che sale di circa 200 unità all'anno dal 2001 sono destinati a salire.....

http://www.comuni-italiani.it/034/009/statistiche/recenti.html .

Risposta di Camila 14:02 - 19/04/12

Fuori dalle polemiche…
Sono molto rassicurata dalla risposta del sindaco. Mi fa piacere sapere che la situazione non solo era nota ma era anche sotto controllo. Mi fa piacere anche che il sindaco abbia risposto.
Effettivamente fare prima una telefonata o un giro in Comune per avere ragguagli su ciò che si vuol segnalare servirebbe a capire la situazione in maniera completa. Dopodiché non metto in dubbio che le osservazioni vadano fatte, per i miei gusti magari con meno polemiche o lamenti.
Io chiamo per telefono l’ufficio tecnico quando i bidoni della differenziata di Montarsiccio sono pieni. Preferisco infatti fare una telefonata che avere camion in giro a zonzo per la vallata per raccogliere due sacchi. Altri invece si scandalizzano per i bidoni non svuotati perché girano poco i camion. Questione di punti di vista. Vi assicuro però che con una semplice telefonata, quelle volte che è stato necessario, ho sempre visto il problema risolto in tempi sensati.
:)
Camila

 
Risposta di Claudio Agazzi 08:02 - 21/04/12

Buongiorno

Mi ha intristito Camila.

La credo una persona davvero speciale, capace di andare oltre le apparenze e avere una visione un po' più ampia della media, ma in questa sua mail purtroppo non l'ho riconosciuta.

Ma ha capito cosa ho fatto in questo mio post?
Ha capito che, cosa mai fatta da nessuno, mi sono messo in gioco, GRATUITAMENTE E SENZA INTERESSI, anche per lei?
Ha capito che mi sono bruciato una decina di saluti da persona che conosco da una vita?
Ha capito che era un tentativo per far scalfire quella gabbia di omertà in cui vive Bedonia?
Ha capito che era rivolto a tutte le amministrazioni e a coloro che dovevano controllare e non a Carlo Berni?
Ha capito che c'è un popolo silente che per timore o per piccole grazie ricevute non oserebbe mai dire/denunciare alcuna cosa pubblica?
Ha capito che i soldi spesi male sono anche soldi suoi e della collettività ed è un nostro dovere civico denunciare?
Ha capito che io per poter mettere la testa fuori sono stato costretto a rimpinguare il mio "arsenale di armi", metaforicamente parlando, per prevenire gli attacchi che sicuramente subirò?
Lo sa che le scaramucce le ho già ricevute?

Ho paura Signora Camila, dalla sua risposta confezionata alla Gianni Rodari, che non l''abbia capito.

Di una cosa però sono contento. Del fatto che ancora ci siano persone sane, belle, pure, che credono alle favole.... un po' come quelle che scriveva il grande Gianni Rodari.

Cordialmente
Claudio Agazzi

Ps. e tanto per essere chiari, tanto per farle capire che non è una questione nè ideologica nè di spiccio potere locale aggiungo che anche l'opposizione di questo comune dovrebbe farsi sentire di più, usare i mezzi di informazione che la tecnologia ci mette a disposizione e su quei mezzi svolgere il proprio lavoro, scrivere, proporre, denunciare. Purtroppo questo sistema grigio non risparmia nessuno.

Risposta di Ki bus a sto convento 09:41 - 21/04/12

Sig. Agazzi per alcuni l'ideologia politica marcata fa oscurare la differenza tra cose positive e negative nella gestione della cosa pubblica...... la Sig.ra Ranieri ne è un esempio, può aver capito ma forse fa finta di non aver compreso il suo intervento......

Risposta di Camila Parada 15:50 - 21/04/12

Sig. Agazzi,
mi dispiace e mi dispiace davvero che abbia preso così il mio commento. Volevo solo manifestare la mia opinione sulla gestione del problema del cimitero perché anch’io avevo chiesto una risposta sulla questione, proprio perché condividevo la sua richiesta di soluzione e spiegazioni. Ribadivo comunque l’importanza di fare queste osservazioni e a lei dicevo solo che mi piacerebbe un flusso di domanda/risposta più concreto e meno polemico (come anche lei, tra l’altro, ha più volte chiesto agli amministratori). Io non so (ne intendo sapere) che storie ci siano fra lei e il sindaco o altri. Come ha visto, se condivido l’iniziativa, non ho problemi ad appoggiare le sue campagne per apportare migliorie al paese (perché ho anche capito che è quello il suo sincero intento).
Le assicuro che ho capito tutto ciò che lei ha detto e che su ciò che riguarda il suo spirito propositivo per il bene della comunità mi troverà favorevole. Non vedevo la necessità di ribadirlo, ma vedo che avrei dovuto farlo.
C’è, fra quelle dette però, una cosa che in effetti non avevo capito o che non avevo valutato nelle proporzioni che lei ci racconta. E’ vero, mi riesce difficile pensare che ancora oggi ci sia chi toglie il saluto a chi pubblica le proprie idee! Un conto è se qualcuno è stato offeso, ma qui non mi pare il caso. Mi dispiace che lei sia vittima di un affronto del genere, ma mi spiace di più per chi le ha tolto il saluto che manifesta così solo pochezza di spirito, sia chi sia. Voglio continuare a pensare che sia chi non saluta più a sbagliare e non chi dice le sue idee.
Prendo le sue parole come un complimento, le leggo espresse con cordialità. Non mi offende affatto rimanere una sognatrice e il confronto con Gianni Rodari non può che onorarmi ;-)
Le ripeto che non volevo sminuire le sue iniziative nè tessere infondate lodi all’amministrazione. Mi ha fatto piacere che il sindaco rispondesse. Così come mi ero indignata per la sua segnalazione e ho chiesto spiegazioni al comune ho ringraziato per la risposta. Tutto lì.
Spero possa anche lei leggere queste parole con la cordialità con cui le ho scritte.
Sursum corda, Claudio!
Camila

Risposta di Camila Parada Raineri 16:06 - 21/04/12

@ Ki Bus
Ci conosciamo?
Non ho mai negato e mai nasconderò il mio pensiero politico e se un giorno cambierò idea chi mi circonda lo saprà, per me è un fatto di onestà intellettuale. Chi mi conosce sa come sono e come la penso. Ho la fortuna di avere amici che permangono nel tempo anche in quei casi in cui abbiamo ideologie politiche diverse, che per varie circostanze di vita e di famiglia, non sono pochi. Personalmente trovo più triste incontrare persone che nascondono le proprie idee, con ipocrisia in tanti casi.
Seppur ho una chiara denotazione ideologica non credo di essere accecata dalla politica. In ogni caso, mi rendo conto che alcune persone non sono abituate a vivere il pensiero politico, inteso come scelta di strade e comportamenti, come componente naturale e necessaria alla crescita personale e sociale. Ma lei la pensa diversamente. La lascio pensare ciò che vuole su di me. Se un giorno vorrà conoscermi mi faccia sapere e ci incontriamo.
Comunque non si pre/occupi troppo della mia esistenza che appena smetterà di piovere non mi vedrà più da queste parti.
Saluti.
Camila Parada Raineri

Risposta di Ki bus a sto convento 17:55 - 21/04/12

Tranquilla Sig.ra Raineri, le assicuro che nonostante io abbia scelto un nickname copiando una frase fantozziana, Lei non la considero certo racchia come la Sig. Pina dei film del famoso ragioniere, La prego quindi di abbassare i toni perchè non era mio intento di offendere il suo credo!!!
Stiamo vivendo un momento politico tragicomico e vedere una donna che scrive con la bandana in testa di un chiaro colore......fa sorridere.....
Basta leggerLa per capirlo Sig.ra Rainieri.
Chiedo venia se l'ho offesa, non era mio volere, mi creda.
Distinti saluti.

 
Risposta di Claudio Agazzi 18:32 - 22/04/12

Buonasera Camila

Posso dirle apertamente che la sua mi è davvero piaciuta e rinfrancato. La ringrazio anche perché un po' di incoraggiamento non fa male.

Per chiarezza volevo dire che non ho nessun tipo di problema con Carlo Berni, si discute, anche con toni a volte caldi, ma credo sempre civilmente e quando ci si vede un sorriso, una battuta, non manca mai.

Grazie ancora.

Saluti
Claudio Agazzi

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018