Il 9 Novembre 1989 crollava il muro di Berlino, ma non solo, con lui si disintegrava l’ideologia comunista e la contrapposizione storica tra Stati Uniti e Russia. Mi piacerebbe sapere se quel giorno ai “Compagni” di casa nostra, quelli che negli anni ’80 partivano per “visitare” Mosca e poi se tornavano tutti soddisfatti in occidente, con tanto di colbacco di pelliccia o con il cappello di Astrakan, sarà dispiaciuto o avranno gioito come altri milioni di persone? Posso immaginare che per questioni anagrafiche non tutti potranno avere un PC e rispondere direttamente, lascio quindi la parola ai loro successori, magari per sapere cosa ne pensano oggi, vent'anni dopo.

Risposta di michele porcari 06:33 - 09/11/09

io conservo in casa un pezzettino di muro, piccolo piccolo ma ha un significato immenso, peccato che i compagni ancora oggi dopo tanti anni non abbiano ancora capito il male e il dolore che hanno provocato a tanta gente della DDR. Oggi purtroppo questi muri sono eretti in Cina dove i diritti umani non esistono, pero' va bene cosi' .....mah

Risposta di xxxx 12:34 - 09/11/09

anche in Isdraele

 
Risposta di Emanuele Mazzadi 14:46 - 09/11/09

Anche io, che avevo 8 anni non ancora compiuti, ricordo.
Un amico di mio zio, Steve, era là anche lui, con un martello.

Sapendo quanto già mi piacessero le notizie dall'estero mi fece un regalo meraviglioso.. mi inviò una bustona (allora mi sembrava enorme) con dentro due album di foto e un piccolo pezzo di muro. Non sono un feticista, ma quello è uno degli oggetti più importanti che possiedo.

Del concerto dei Pink-Floyd (vedi Esvaso) non ho invece nessun trofeo.. non è che a qualcuno avanza un plettro di David Gilmour?

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018