Riguardo all'annuncio sulla Gazzetta di Parma del 17/12/2012 in cui il Consorzio della Bonifica Parmense effettua una ricerca di mercato per l'acquisto della nuova sede dei propri Uffici.
Sono a fare una PROPOSTA che mi sembra conveniente.
Perchè il Consorzio di Bonifica Parmense, per la sua parte Montana, non si insedia nelle sedi della Comunità Montana delle Valli del Taro e del Ceno (Palazzo Tardiani e Palazzo delle Poste), ente destinato a prossima chiusura.
Questo può avvenire, per il Consorzio, prendendo due piccioni con una fava.
La fava sarebbe il misero costo di due edifici ormai inutili.
I piccioni sarebbero, l'inserimento del Consorzio al centro del territorio, ampiamente e profiquamente servito, e le missioni non più pagate ai dipendenti (tecnici altamente qualificati) ampiamente e settimanalmente presenti in zona (con mezzi propri e pasti lautamente rimborsati).

Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018