VALTARO VIVA vuole accentuare l’attenzione dei cittadini sulla costruzione di 9 pale eoliche di enorme dimensione sulla costa del Santa Donna nel comune di Borgo Val di Taro.

In questa occasione non vogliamo entrare nel merito della opportunità o meno di tale impianto, ma far emergere l’anomalia amministrativa di questa vicenda: visti i costi, la dimensione e l’impatto paesaggistico, il Comune di Borgotaro (maggioranza e minoranza) non ha mai promosso tra la cittadinanza una discussione franca per poter valutare la complessità dell’ impianto stesso e soprattutto i vantaggi concreti per la collettività.

VALTARO VIVA conosce bene il modo di operare che hanno avuto le amministrazioni comunali di Borgotaro negli ultimi 20 anni: le questioni più importanti, gli affari finanziari, le convenzioni urbanistiche, le cave, le vendite di patrimonio immobiliare, i lavori pubblici, le problematiche relative alla discarica sono sempre state decise da pochissime persone e poi approvate da consiglieri talvolta molto distratti o poco informati.

La comunità di Borgotaro però ne è stata penalizzata e anche oggi a Borgotaro è in atto una partita a scacchi molto rischiosa. Maggioranza e Minoranza si fanno l’occhiolino, i partiti politici, non più espressione della cittadinanza ma del potere municipale, tacciono, i cittadini borgotaresi appaiono poco interessati al proprio futuro e alla gestione della cosa pubblica, in contro tendenza con la voglia di partecipazione e cambiamento che avviene invece a livello nazionale. E’ auspicabile che anche a Borgotaro questo vento nuovo arrivi e spazzi via una classe politica inadeguata, che non è in grado di progettare il futuro. Del resto alle ultime elezioni comunali abbiamo assistito, con la complicità dei dirigenti provinciali, ad un tacito e nefasto accordo tra il pd e il pdl, dal quale si è generato un consiglio comunale non rappresentativo degli interessi dei borgotaresi, ma solo di un ristretto gruppo di potere.

VALTARO VIVA è favorevole alle energie alternative, e anche all’eolico, ma la recente vicenda del re dell’eolico Vito Nicastri ci ammonisce che gli interessi economici di pochi non possono prevalere sul bene collettivo della comunità. E’ pertanto indispensabile che Borgotaro tutta sia bene informata sul progetto eolico del duo Rossi-Ferrari come era stata vigile per la centrale turbogas del duo Oppo-Rossi. Noi di Valtaro Viva chiediamo perciò che l’Amministrazione, prima di decidere, faccia un Consiglio comunale aperto al pubblico, dove ci sia un confronto vero con tutti gli interessati, nel massimo grado di trasparenza e di coinvolgimento della cittadinanza.

Borgo Val di Taro, 04.04.2013
Valtaro Viva

Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018