Buon giorno

Lo so, non vedevate l’ora di leggere altre statistiche. Che ci volete fare. A volte parlare, parlare e ancora parlare senza avere uno straccio di supporto numerico è davvero poca cosa.
Anche con i numeri davanti si fa fatica ma almeno si ha una traccia.

Allora premettiamo che questi dati provengono principalmente dal sito demo.istat.it e in parte da tuttitalia.it.
Premettiamo che potrebbero esserci degli errori di trascrizione dei quali chiedo fin d’ora scusa (perché se siete arrivati a leggere fino qui vuol dire che siete interessati e allora le scuse sono d’obbligo).
Premettiamo che non sono un sociologo e uno statistico e quindi quello che scrivo vale per quello che vale.
Premettiamo che non avendo interlocutori non saprò mai se sono bravo o no... va beh.

Allora

Caso Bedonia.

Popolazione residente 1° Gennaio 2012: 3618 (di cui 242 stranieri, senza stranieri 3376)
Popolazione residente 31 Ottobre 2012: 3576

Nati nel periodo: 21
Deceduti nel periodo: 57

Iscritti all’anagrafe nel periodo: 87
Cancellati all’anagrafe nel periodo: 93

SALDO TOTALE: -42 persone

Calo percentuale -1,16%


Caso Compiano.

Popolazione residente 1° Gennaio 2012: 1119 (di cui 48 stranieri, senza stranieri 1071)
Popolazione residente 31 Ottobre 2012: 1128

Nati nel periodo: 0 (ho scritto ZERO)
Deceduti nel periodo: 15

Iscritti all’anagrafe nel periodo: 55
Cancellati all’anagrafe nel periodo: 31

SALDO TOTALE: +9 persone

Aumento percentuale +0,80%


Caso Tornolo.

Popolazione residente 1° Gennaio 2012: 1096 (di cui 32 stranieri, senza stranieri 1064)
Popolazione residente 31 Ottobre 2012: 1059

Nati nel periodo: 4
Deceduti nel periodo: 26

Iscritti all’anagrafe nel periodo: 22
Cancellati all’anagrafe nel periodo: 37

SALDO TOTALE: -37 persone

calo percentuale -3,38%


Caso Albareto.

Popolazione residente 1° Gennaio 2012: 2157 (di cui 64 stranieri, senza stranieri 2093)
Popolazione residente 31 Ottobre 2012: 2163

Nati nel periodo: 7
Deceduti nel periodo: 33

Iscritti all’anagrafe nel periodo: 71
Cancellati all’anagrafe nel periodo: 39

SALDO TOTALE: +6 persone

Aumento percentuale +0,28%


Caso Borgotaro.

Popolazione residente 1° Gennaio 2012: 7294 (di cui 626 stranieri, senza stranieri 6668)
Popolazione residente 31 Ottobre 2012: 7243

Nati nel periodo: 48
Deceduti nel periodo: 91

Iscritti all’anagrafe nel periodo: 140
Cancellati all’anagrafe nel periodo: 148

SALDO TOTALE: -51 persone

Aumento percentuale -0,70%


Conclusioni: non le scrivo perché ci vorrebbe troppo tempo, solo qualche spunto: fin troppo facile far notare come la popolazione sia in continua diminuzione. Non traggano in inganno alcuni dati positivi, spesso frutto di migrazione locale: un bedoniese che va a vivere a Sugremaro ad esempio anche se è un dato che il singola amministratore dovrebbe osservare. Considerevole l’inversione di tendenza di Borgotaro che segna un - 51 dopo anni di crescita a danno dei comuni vicini. Impressionante il dato di Tornolo, in soli 10 mesi ha perso il 3,38% della popolazione con un -37.

Ovviamente non c’è da preoccuparsi. Continuate con la vostra apatia che andiamo bene. Un po’ di chiacchere al bar, ma anche qui sta cambiando. Adesso va di monda non vedo, non sento, non parlo anche nella pubblica piazza, va beh.

Tanto per continuare a tranquillizzarvi amici baristi, negozianti, trasportatori della valle. Vi do anche il dato d’insieme dei 5 comuni così tirate un sospiro di sollievo.

Caso 5 comuni.

Popolazione residente 1° Gennaio 2012: 15284 (di cui 1012 stranieri, senza stranieri 14272)
Popolazione residente 31 Ottobre 2012: 15169

Nati nel periodo: 80
Deceduti nel periodo: 220

Iscritti all’anagrafe nel periodo: 375
Cancellati all’anagrafe nel periodo: 348

SALDO TOTALE: -115 persone
Aumento percentuale -0,75%

Tutto questo in 10 mesi.

Dai va beh. I se rangeran, a mi che cazzu min freiga. Claudiu ma ne te ghe miga gniente da fa?

Buona notte

Claudio Agazzi
Coglione Illuminato

Risposta di ValeBD 22:26 - 29/04/13

si potrebbero dire mille cose ma temo che sarebbero inutili... non possiamo negare l'evidenza ed è ora che "lassù" qualcuno si svegli!

Risposta di Claudio Agazzi 17:43 - 02/05/13

Cara Valeria e invece sarebbe meglio dirle queste cose, queste mille cose da dire.

Ho la sensazione, la certezza che questo sia diventato un paese di pagliacci. Sai cosa succede ai pagliacci?

Piove e loro si bagnano.
Il cane ci piscia contro e loro la prendono.
Il merlo ci caga sopra e loro non si muovono.
Il vento li sfigura e loro si fanno sfigurare.

Incuranti di tutto quello che capita loro intorno. Non consapevoli, come i pagliacci, che prima o poi spariranno e con loro i figli dei pagliacci.

Mi è capitato tra le mani il libro di Lagasi, Il mio paese. Uomini così non ce ne saranno più ma non potranno più esserci perché i pagliacci non li sanno riconoscere.

Ho scritto delle cose alluncinanti: decremento a Tornolo di oltre il 3% in 10 mesi... -47 persone a Bedonia e siamo ancora qui a NON vedere un cambio radicale di rotta, a NON vedere il mettere da parte fazioni, famiglie, partiti e cominiciare veramente a LAVORARE per il proprio paese e per la propria valle...

Caro Gigi mi sa che hanno ragione loro: quelli che fanno i cazzi propri. A te ti fanno divertire. Ti concedono il giochino, tu lo fai con amore, susciti emozioni, ti incazzi ma tanto LORO i costruttori di pagliacci sanno benissimo che prima o poi morirai sfinito.

Condogliarmente
Claudio Agazzi

Risposta di Gigi Cavalli 19:43 - 02/05/13

Ciao Claudio,
ce la metterò tutta per sopravvivere e continuare a far riflettere, ti ci puoi giocare i maroni!
Proprio ieri sera, in una cena a Parma tra bedoniesi, ho letto questa tua analisi, nessuno dei commensali si aspettava questi numeri... ma "carta canta" !
Ho anche aggiunto che tu hai valutato i nostri cinque comuni, ma se avessi analizzato anche Valmozzola, Bardi e Varsi in Valceno i dati sarebbero stati ancor più demoralizzanti.

Tanto per farti capire su che strada siamo... oggi a Borgotaro hanno aperto un negozio (sigarette elettroniche) e a Bedonia ne hanno chiuso un altro (videoteca).
Per ora, ma solo per ora, non voglio toccare il triste tasto del decadimento bedoniese, ma prima o poi sarà inevitabile pigiarlo.

A presto...

Risposta di Claudio Agazzi 19:31 - 03/05/13

"Ecco succintamente indicato quanto io vagheggio per il futuro sviluppo del mio paese. Mi auguro che per avvenire qualche volenteroso voglia e possa tradurre in realtà quanto io per la mia pochezza, ho dovuto forzatamente mantenere allo stato di cara aspirazione"

Queste parole le ha scritto il Geometra Carlo Rapeti a Bedonia il 27 Giugno del 1933.

Si riferiva al suo progetto di sviluppo urbanistico di Bedonia. Sul libro Il Mio Peaese per quei pochi (credo nessuno) che hanno voglia di guardarlo c'è anche il progetto, molto lineare, e alcuni suggerimenti.

Quest'uomo pensava che questo paese avrebbe trovato in futuro delle menti intelligenti, capaci, amorevoli, dedite. Menti che avrebbero aiutatato la crescita del paese del suo paese.

Lungo questa relativamente lunga strada (80 anni dopo) qualcuno si è distinto per intenzioni, ma si contano sulle dita di una mano. Per il resto molti pagliacci.

Cordialmente
Claudio Agazzi



Risposta di Mimmo 21:39 - 07/05/13

In effetti ciò che Lei asserisce, sebbene in termini di tempo più lunghi, è visibile agli occhi di tutti.

Ma soluzioni?
Le pubbliche Amministrazioni, neanche quelle più in pianura, non brillano certo per le casse piene di soldi da investire in incentivi per chi vuole trasferirsi in val di taro, quindi cosa esattamente si può proporre a una P.A. (perché credo che la spinta più grande debba partire da loro) per cercare di invertire la rotta con quei pochi euro a disposizione?
Non so... ma credo che in un paese come l'Italia che è seconda in Europa (solo dopo la Romania) come paese di emigranti (soprattutto tra i giovani) ci sia poco da fare in val taro, forse sono pessimista, un po' lo sono di carattere.

Saluti.

Risposta di Claudio Agazzi 22:01 - 08/05/13

Buonasera Mimmo

Le soluzioni, se ci sono, non sono dietro l'angolo. La bacchetta magina non ce l'ha nessuno e quindi neppure l'amministratore che spesso è da ringraziare per il tempo che dedica alla collettività.

Detto questo Sig. Mimmo preferisco fermarmi. Sono sinceramente un po' stanco di fare quello che "pungola" e non sempre in senso negativo il lettore. Vede lei è una mosca bianca. Se pur non firmandosi almeno ha scritto evidentemente preoccupato del problema.

La quasi totalità preferisce il silenzio.

Su questo forum sono state scritte negli anni tante proposte, tantissime. Non mi pare ne sia stata valutata alcuna da parte degli amministratori. Forse perché si tratta di farina di altri sacchi? Il dubbio viene spontaneo.

Cordialmente

Claudio Agazzi

Risposta di ValeBD 07:05 - 11/05/13

Hai ragione Claudio, infatti siamo qui a parlarne.....ma mi trovi un periodo in cui sono fortemente delusa dai valligiani e in cui davvero non trovo piu ne forze ne parole....sono arrivati anche a dirmi che lavorando a Parma sono come una villeggiante per cui non vivo la valle tutta la settimana e non posso capire....secondo te a parte incazzarsi ecc cosa si puo' fare? è l'ennesima volta che sento questa frase e ormai mi viene voglia di rispondergli: ma arrangiatevi! Ma poi pian piano trovo la forza di lottare, almeno è sempre stato cosi e spero che lo sarà ancora.....questo per sottolineare quello che hai detto tu, sono dei pagliacci! Spesso, in campo nazionale e riferendosi alla situazione della nostra Italia, sento politici e gente che dicono che bisogna rifare l'Italia, mentre io sono fermamente convinta che prima di fare l'Italia c'è da rifare gli Italiani; stesso discorso vale per la vallata...:(

 
Risposta di Ernesto 17:21 - 09/05/13

Si, sono contento di avere messo al mondo (o megio contribuito) i miei due figli 26 e 23 anni orsono, non potrei farne a meno, come tutti i genitori.

Spesso mi chiedo se alla data attuale (ma con l'età di allora ovviamente) sarei in grado di deciderlo così spontaneamente come successe allora....

Si sono lietissimo di averli qui, oggi!!!!

Ciauz

Risposta di Piero 14:22 - 12/05/13

Ragazzi sembra che aprano un esercizio di pompe funebri in via Garibaldi.......qualcuno se n'è accorto che un business potenziale esiste.....il vero dramma è che i numeri di Agazzi tornano!!!!!!

Risposta di Fede 13:06 - 13/05/13

Confermo a tutti l'apertura in piena via garibaldi del nuovo punto vendita di onoranze funebri
chissà che discussioni davanti le vetrine che si faranno
brutto segnale ragazzi molto brutto

 
Risposta di Bedoniese di Parma 14:51 - 21/05/13

Signor Agazzi qui a leggere questi dati sulla Gazzetta di Parma la situazione sembra diversa

A BEDONIA IL TURISMO TIRA

Undicimila turisti hanno soggiornato in alberghi, ostelli, case in affitto e agriturismo nel 2012 a Bedonia, un incremento pari a circa il 50% in più rispetto all’anno prima. Questi dati hanno fatto segnare un piccolo record per il territorio del comune dell’Alta Valtaro.
Queste cifre, fornite nei giorni scorsi dagli uffici specializzati della Provincia, hanno gratificato l’impegno profuso dall’amministrazione, dalle associazioni e dagli operatori del settore commerciale che si sono in questi ultimi tempi battuti per un rilancio turistico-culturale della vallata.
«Certamente questi dati sono segnali più che positivi per l’economia del nostro territorio», ha spiegato il sindaco Carlo Berni nella conferenza stampa che si è tenuta nei giorni scorsi in municipio alla quale hanno partecipato anche l’assessore alla cultura e al turismo Maria Pia Cattaneo e l’assessore allo sport Lodovico Molinari.
Le presenze sono dovute soprattutto all’indovinata operazione campi sportivi estivi e alla riscoperta dei valori naturali che offre la nostra montagna, in primis il grande lavoro del Cai con l’apertura del primo rifugio, quello dei tre comuni sul Monte Penna.
Gli incontri, le continue marce ed escursioni organizzate hanno davvero rilanciato la montagna. Queste iniziative hanno dato e stanno dando ottimi risultati, mai si era verificato tanto interesse per il nostro territorio e per l’ambiente in particolare.
Bedonia grazie agli impianti sportivi e della piscina del Colle San Marco, delle due palestre attrezzate e dal campo di calcio Gianfranco Gandi, da qualche anno ospita le giovanili della Sampdoria durante il «Samp Camp» con tre settimane di corsi, aperti anche ai ragazzi della Valtaro, di perfezionamento tecnico del gioco del calcio per ragazzi e ragazze dai sei ai sedici anni seguiti dagli istruttori della squadra di serie A.
Non sono mancati i ritiri di preparazione estiva di altre società e gruppi sportivi provenienti da altre regioni della penisola e gran parte di questi hanno già rinnovato l’appuntamento per questa stagione.
Intanto l’amministrazione comunale sta mettendo a punto una locandina e gli ormai indispensabili cartoncini pieghevoli dove saranno segnati tutti gli appuntamenti programmati nel periodo estivo: una lunga e variegata lista delle manifestazioni che si svolgeranno da giugno a novembre non solo nel centro di Bedonia ma anche nelle frazioni.

Risposta di Bedoniese di Bedonia 18:10 - 21/05/13

Questo intervento sulla Gazzetta di Parma a poche ore dall'incontro televisivo di questa sera.......puzza di mossa politica.....astuta ma un pò tardiva.......senso di persecuzione o paura di nuovi personaggi pronti per la ribalta politica?????

 
Risposta di Claudio Agazzi 08:36 - 22/05/13

Buongiorno Bedoniese di Parma

Ma perché non firmarsi, soprattutto per un argomento di questo tipo? Boh

Ha fatto bene a dire forse. Ha però sbagliato argomento. Qui si parla di decremento.

Le rispondo comunque rimandandola a quello che avevo già scritto ben prima dell'articolo apparso sulla gazzetta di Parma. Così trova tra le righe una mia interpretazione.

http://www.forumvaltaro.it/post.php?idforum=20769

Tra le altre cose mi pare ci sia un evidente errore. Non si tratta di oltre 11.000 turisti ma di notti passate in valtaro. I turisti mi pare siano circa 2.900 come singole persone.

Detto questo non vorrei passasse il messaggio di un mio dispiacere nel vedere aumentare i turisti a Bedonia e in Valtaro, tutt'altro.

Lo rimarco ancora una volta, sia le iniziative private, private/pubbliche che quelle pubbliche sicuramente hanno aiutato un ritorno di presenze in Valtaro.

Cordialmente

Claudio Agazzi

Risposta di Claudio Agazzi 13:00 - 23/07/13

Buongiorno

Piccolo aggiornamento statistico.

dati a confronto:

31 gennaio 2013 rispetto al 1 gennaio 2012 (13 mesi)

Albareto: +5
Bardi: -22
Bedonia: -59
Berceto: -1
Bore: 0
Borgotaro: -92
Compiano: +2
Tornolo: -37
Valmozzola: +2

Emergono grossi problemi per Tornolo, Bedonia e Borgotaro.

Claudio Agazzi

Risposta di Lorella Aviano 10:49 - 25/07/13

Buongiorno, io sono una di quelle famiglie di Bedonia che da due è diventata singola residente.
Mio figlio per poter svolgerer praticantato a Milano ha dovuto cambiare residenza.
Si va dove si trova in questo periodo.
E sinceramente in questi giorni sono molto demoralizzata anche io: per rimanere qui un periodo piuttosto lungo con mia mamma che necessita di esami del sangue periodici ogni mese, c'è da fare un iter da urlo.
Borgotaro e Bedonia, dice il numero verde regionale, non accettano prenotazioni di esami via telefono ma solo se si va personalmente allo sportello del CUP (poi dopo varie telefonate sono riuscita ad avere un numero telefonico e ringrazio tantissimo la gentilezza della signora che ha risposto e che mi ha permesso di evitare un viaggio a Borgotaro solo per prenotare l'esame).
Ma se chiedi informazioni in Croce Rossa non sanno dirti nulla, in Comune non c'è un minimo cartello che indichi dove puoi telefonare... e ci meravigliamo del continuo decremento della popolazione? Ma qui siamo ancora ante Meucci, chi rimane è uno stoico!

Risposta di Stefano 07:45 - 15/09/13

Anche in Lunigiana la tendenza è la stessa, con l'aggravante che la situazione economica forse è ancora peggiore.
Fintanto che a livello di scelte politiche si continuernno ad avvantaggiare i grandi gruppi e anche tra i cittadini non ci sarà una svolta culturale non ci sarà nessun futuro per le nostre splendide valli. Scusate se appaio un po' pessimista ma qui da noi sembra che noi stessi facciamo la corsa a portare risorse e denaro fuori dalla nostra terra. Il calo demografico è solo compensato dagli stranieri che colgono la qualità della vita dei ns posti rispetto alla vita assurda delle grandi metropoli.
Stefano

 
Risposta di Claudio Agazzi 21:52 - 30/12/14

Buonasera

Aggiornamento statistico.

Sono usciti i dati della popolazione straniera residente al 31 dicembre 2013.

In sintesi, preocupante calo della popolazione di cittadinanza italiana a Borgo Val di Taro:

Popolazione 31 dicembre 2012: 6620
Popolazione 31 dicembre 2013: 6490
Differenza: - 130
Differenza percentuale : - 1,96 (in un solo anno)

Drastico anche il calo percentuale a Compiano del 2,89% (da notare però un recupero di residenti nel 2014 per nuove iscrizioni da altri comuni).

Più contenuto il calo negli altri comuni.
Bedonia - 0,42%
Albareto - 0,14%
Tornolo - 0,29

Sempre su Borgotaro da notare che dal 31 dicembre 2013 al 31 luglio 2014 c'è stato un ulteriore calo 71 unità.
Impressionante il numero dei nati nei primi 7 mesi 2014 pari a 15 unità rispetto ai 62 morti. Anche il saldo tra iscritti e cancellati da altri comuni è negativo per 24 unità.

Curioso il dato della natalità a Bedonia nei primi 7 mesi con 12 unità, 3 in meno di Borgotaro che però ha almeno il doppio della popolazione.

Buona meditazione.

Claudio Agazzi


 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018