L' ECONOMIA U.S.A. VOLA . P.I.L. + 4,1% e DUE MILIONI DI POSTI DI LAVORO IN PIÙ. Mentre l'Europa viene declassata dalla agenzia di rating Standard & Poor’s che la priva della tripla A.

I "maghi" di Bruxelles ci stanno mettendo il cappio al collo.


Ecco l'articolo di Federico Rampini da Repubblica on-line. Incollo solo l'inizio perchè è molto lungo:



Pil +4,1%, vola l’economia Usa Obama: 2014 anno della svolta
dal nostro corrispondente FEDERICO RAMPINI
NEW YORK
«GIÀ due milioni di posti di lavoro in più nel 2013, e ora è certo che il 2014 sarà l’anno della svolta. Per molte famiglie americane, questo Natale ci saranno motivi importanti per festeggiare».
DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
NEW YORK
BARACK Obama può aprire la conferenza stampa di fine anno con una notizia eccellente. “Wow!” (uau!) è l’esclamazione con cui la Cnn saluta il dato strepitoso della crescita economica. Più 4,1% è una velocità pre-2007, cifre da Età dell’Oro. Giornali, tv e agenzie stampa Usa impietosamente accostano il Pil americano con la notizia del simultaneo declassamento che Standard & Poor’s infligge all’intera Unione europea togliendole il rating “tripla A”. Quest’ultima notizia è per lo più simbolica (la Ue in quanto tale emette pochissimi titoli, in confronto ai paesi membri) e i mercati non reagiscono, impegnati come sono a festeggiare il boom americano. La coincidenza tuttavia ricorda le traiettorie divaricate delle due sponde dell’Atlantico: ripresa di qua, ristagno di là. E riconduce alle ricette opposte che sono state applicate durante la crisi.
La poderosa revisione al rialzo del Pil americano chiude l’anno con nuovi record di Borsa. L’indice più ampio di Wall Street, S&P 500, con oltre il 27% di rialzo mette a segno una performance che non si vedeva dal 1997. Cioè appunto dall’ultima Età dell’Oro, la New Economy di Bill Clinton e Al Gore. Il Dow Jones raggiunge un massimo storico “reale”, cioè depurato dall’inflazione, quindi il vero record di tutti i tempi. L’exploit di quest’anno coincide con una presidenza Obama che la destra repubblicana – e i suoi finanziatori – avevano denunciato come “socialismo”.

Risposta di Stefano 09:47 - 23/12/13

… con immancabile pessimismo, nonostante il Natale alle porte, credo che l’effetto contagio farà una fatica improba a superare la linea Maginot eretta con grande “perizia” dalla nostra pletora di disgraziati appollaiati nei palazzi romani !!!

Nonostante quello che succede nel mondo i problemi dell’Italia secondo loro (sono solo esempi e la lista naturalmente e ben lungi dall’essere esausitiva anzi è solo un incipit),
• sono il pagamento percentuale della differenza tra aliquota base ed aliquota massima dell’IMU per quei comuni che hanno adottato aliquote più alte (ed intanto la Fiat non vende auto),
• penalizzare i comuni che hanno adottato misure restrittive nei confronti delle slot machine (ed intanto l’ILVA perde quote di mercato e favolose commesse),
• non risolvere il problema dei 20 (venti) milioni di euro degli affitti dei palazzi romani (ed intanto ogni giorno leggiamo di aziende che attendono anni ed anni per una licenza edilizia od un’autorizzazione ad avviare una produzione)
• non risolvere il problema della legge elettorale (ed intanto i marò se ne stanno in India ed i criminali vanno in licenza premio)

Come fa il contagio a superare simili barriere … secondo me le nazioni vicine (a torto o ragione) ne ergeranno altre, di barriere, al fine di non essere loro contagiate da cotanta ignoranza e disonestà !!! !!! !!!

Buon Natale …?!?
Stefano

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018