Salvare Soprip per salvare i creditori e la continuità aziendale senza danneggiare il Comune è la parola d’ordine dell’assessore al Bilancio del Comune di Parma Marco Ferretti. La società destinata a promuovere imprenditoria e sviluppo economico nel nostro territorio sta infatti cercando un accordo con i creditori e secondo il delegato al controllo dei conti della giunta guidata da Federico Pizzarotti eviterebbe di mettere a rischio la realtà del territorio senza drammi per il Comune.

Sull’argomento Ferretti era stato chiamato a rispondere ad una interrogazione del consigliere di Forza Italia Paolo Buzzi che, a dire il vero, sembrava avere nel mirino più che la partecipata il suo amministratore Alessandro Cardinali, attuale segretario del Pd e considerato tra i papabili per la Regione. La società, ricordava Buzzi nella interrogazione, è indebitata per 28 milioni di euro,e d il Comune, socio per il 2%, potrebbe doverne rispondere. “Ci sono 26 soci – replica Ferretti – Tra questi la Provincia di Parma, vari Comuni del territorio e alcuni istituti di credito. Per quanto riguarda il Comune di Parma, l’attuale partecipazione è del 1,91%, e nel caso peggiore, con la procedura concordataria non approvata, il Comune potrebbe essere chiamato ad un esborso di 60.750 euro, se andasse a buon fine l’esborso sarebbe invece di 90mila euro”.

Sempre da Forza Italia, e sempre da Buzzi, richieste di chiarimenti sulla nomina del nuovo direttore generale del Comune. Da tempo se ne parla, anzi, se ne era parlato subito dopo l’insediamento del sindaco Federico Pizzarotti, quando la possibile nomina del ferrarese Valentino Tavolazzi era stata bocciata dal “niet” di Beppe Grillo, mentre ora il nome più probabile pare essere quello di Marina Restori, che dovrebbe ricevere uno stipendio di 150mila euro più un premio di risultato pari a 60mila euro. Pizzarotti, per ora, rimane sul vago. “Era uno dei candidati che hanno inviato il curriculum – si limita a dire – Restori è in possesso di due lauree e ha esercitato la professione in diversi enti comunali e provinciali italiani”. Per quanto riguarda il premio, ci si giustifica dicendo che è dovuto ai dirigenti. Nessuna conferma però sul nome, e nemmeno una parola sulla data di nomina: il giallo continua.

Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018