Forse non ce ne siamo ancora accorti (nemmeno io fino a tre settimane fa) ma l'Italia unita GIA' DA ORA non esiste più: abitiamo di fatto in uno Stato formato da Regioni federali (almeno per quanto riguarda la sanità).

Io che sono residente a Bedonia non ho diritto ad avere un consulto con un medico di base residente in Lombardia (non importa se sono temporaneamente domiciliata in Lombardia per dare assistenza ad un genitore non autosufficiente ed ho l'altro in fin di vita) – la grande e civilissima Lombardia, se non ho un lavoro o non sono qui per motivi di studio, mi nega la tessera sanitaria provvisoria; evidentemente l'Italia è solo un segno sulla cartina che non ha più nessun valore. Se ho bisogno di un consulto del medico di base devo pagare in anticipo, farmi fare fattura, poi presentare la fattura allo sportello della mia regione per ottenere il rimborso.

Mi chiedo: ma che senso ha? Cosa sono questi cavilli burocratici? Ma da quando hanno deciso che la sanità è regionale?? Allo sportello ASL lombardo mi hanno detto: ma cosa si lamenta, il rimborso sarà totale... si, ma il tempo che perdo a presentarmi allo sportello per il rimborso..chi me lo rimborsa?

Attenzione perchè mi sa che di questo passo tutti i servizi saranno regionali (i cittadini prima pagheranno..poi spenderanno tempo e denaro per fare file, compilare moduli e presentare documenti di spese sostenute). Ma questo servirà a fermare lo spreco di soldi pubblici? Servirà a bloccare i traffici e le collusioni tra mafia e istituzioni? Mahh... io ho i miei dubbi..

Il governo farà bene a non fare nemmeno un accenno ai festeggiamenti per i 150 anni dell'unità d'Italia... perchè è una bufala!... l'Italia, forse non ce ne siamo accorti, ma già non esiste più.

Risposta di Fausto 22:37 - 10/09/10

Lorella, innanzi tutto, ti auguro veramente di cuore che la situazione possa migliorare perchè per quello che ho avuto il piacere di conoscerti sei una persona vera e come tale meriteresti il meglio.

Però per quanto riguarda lo pseudofederalismo mi permetto di entrare nelle sfumature della tua segnalazione.

Per cominciare non è detto che una legge di stampo federalista sia giusta a priori e come tale può e deve nel tempo subire i giusti emendamenti. perciò se ci sono delle storture è giusto sistemare.

Però non sottovalutiamo che proprio perchè siamo in Italia (unita sotto questo punto di vista)... capita spesso che se si lasciano le maglie delle legg troppo ampie si finisca per vanificarne il fine.

Mi spiego meglio, la tua condizione mi sembra un'eccezione e come tale dovrebbe essere trattata. Perciò la legge dovrebbe prevedere dei permessi temporanei dovuti a cause certificate come la tua. Una sola richiesta fino a quando serve. Risolto il problema delle code.

Pensiamo però ad un esempio da furbetti (non è chiaramente il tuo caso) uno ha una casa a Milano dove risiede fisso ma si prende la residenza ad Albareto (dove ha la seconda casa) per non pagare il tesserino dei funghi. Pensi che non ce ne siano di casi del genere? E in tanti altri ambiti?

Da quando non si paga l'ici sulla prima casa... sai quante donazioni ci sono state?!?

Detto questo, in quei casi non permanenti come il tuo, non vedo dove sia il problema a dover fare una coda per un rimborso, perchè comunque il diritto alla sanità gratuita viene comunque riconosciuto e fare una coda ogni tanto non penso sia un dramma, tanto ormai, con la posta che abbiamo, siamo abbituati...

A parte le differenti vedute comunque mi ha fatto piacere risentirti, e ti faccio veramente un grande in bocca al lupo di cuore.

Tra l'altro ho scoperto che siamo anche Corregionali....!!!! Ma come vedi... hai scelto la Regione sbagliata ehehe.

Ciao e a presto.

Fausto

Risposta di lorella aviano 21:49 - 11/09/10

Fausto, grazie.
Vi seguo (e ti seguo con grande interesse!) anche se non sempre ho tempo e modo di partecipare alle discussioni.

Vedi, io sono convinta che il male del federalismo sia che ci porta sempre più verso una posizione di egoismo personale.
Abbiamo paura che i nostri soldi siano sperperati o dati a persone che noi non consideriamo meritevoli mentre li vorremmo tutti per noi. Invece di stanare i malfattori che si appropriano dei soldi di tutti, che agiscono solo per profitto personale, ci chiudiamo a riccio tagliandoci le gambe da soli. In questo atteggiamento di chiusura nei confronti degli altri non ci vedo nulla di buono, anzi, sono convinta che sarà la causa della nostra stessa distruzione: è come curare il cancro uccidendo il malato .. non so se mi spiego.

La nostra società è una società malata di cancro; ogni individuo decide di fare di testa sua, non è più importante il funzionamento dell'intero organismo, ma solo il proprio benessere, solo la propria espansione, anche a discapito di tutti gli altri.."che gli altri si arrangino": non andremo avanti molto se continuiamo a pensarla così.

Poi, Fausto, davvero tu metteresti il problema "tesserino funghi" alla stessa stregua della sanità? Non so, io li vedo su due piani diversi..quindi sarebbe giusto che abbiano due trattamenti diversi.

Ci vedo tutto di male a dover fare una coda (inutile) per un cavillo amministrativo tra due regioni che potrebbero benissimo fare a meno di tediare il cittadino con giri puramente contabili..forse perchè non sono abituata a fare le code: alle poste ci vado molto raramente, faccio tutto via internet (bollettini, raccomandate, telegrammi, pagamenti vari..perchè dover perdere due o tre ore del mio tempo quando posso fare la stessa cosa nel momento che più mi aggrada, con l'utilizzo di un semplice pc?)

Ecco un altro problema..internet, da voi sembra un gingillo..una cosa in più, che serve per passare il tempo o che viene utilizzato solo per lavoro, invece tutti, ma proprio tutti, potrebbero trarne giovamento .. non dico che non se ne può fare senza, ma sicuramente ti semplifica la vita! Ma è chiaro che l'utente che non ha mai provato la sua potenzialità non può sapere cosa si perde..

Perchè dici che ho scelto la regione sbagliata? Perchè ho scelto l'Emilia al posto della Lombardia? Come ti sbagli Fausto! Io sono fiera di aver scelto l'Emilia!! Ecco, forse è proprio qui il vostro errore.. non vi rendete conto di quale tesoro avete sotto i vostri piedi; non fraintendermi, sono grata a Milano per tutte le possibilità che mi ha dato e forse la cosa più grande e importante è stata proprio quella di farmi capire, immersa in casermoni e asfaldo fino al collo, quanto importante sia il contatto vero con la terra e i suoi frutti. Capisco che chi ha sempre vissuto una vita dura e difficile non abbia questa visione..ma è proprio quando qualcosa ti manca che ti rendi conto della sua importanza!

Risposta di Remo Ponzini 15:32 - 13/09/10

Cara Lorella,
il tuo caso è un esempio tipico di disservizio della pubblica amministrazione.
E' assurdo che due  Regioni non riescano a compensare fra loro, come sarebbe ovvio e naturale,  queste semplici prestazioni sanitarie costringendo, il solito e vituperato cittadino, a pratiche disagiate ed a perdite di tempo assurde.
E questa volta non concordo affatto con il Fausto che, molto gentilmente, ti ha detto di metterti in coda allineata, coperta e senza protestare.
E non credo neppure che questi disguidi si possano imputare al nascente federalismo. A me sembrano semplicemente della dislessie burocratiche.
In questo modo si scaricano sull'utente le incombenze che sarebbero proprie e di competenza degli Organi Pubblici.

Ma è così difficile collocare il cittadino al vertice della piramide ???

La tua visione elegiaca ti porta a biasimare ed a censurare l'atteggiamento egoistico che pervade da tempo l'intera società.
E' un dato di fatto incontestabile e, purtroppo, anche incontrovertibile. Non ci resta. ahimè, che conviverci.

Nella mia personale percezione del federalismo, senz'altro meno verginea della tua, trovo che il realismo sia necessario e doveroso.
Non è più possibile dispensare senza limiti e senza fine ingenti risorse, a fondo perduto, a favore del meridione.
Mi può stare bene che ci sia una stanza di compensazione a favore di quelle più povere, ma con limiti pre-delineati ed invalicabili.
E' assurdo che la spesa sanitaria pro-capite nel Sud sia contemporaneamente la più elevate e la più scadente.
Laggiù devono capire che lo Stato non ha risorse inesauribili e che la mentalità parassitaria di cui sono permeati non è più tollerabile.

Convengo con te sull'utilizzo ottimale del web.
Spesso ci permette anche di baipassare la burocrazia.
Ho ridotto notevolmente l'invio e la ricezione della posta cartacea, le code agli sportelli ed altri alambicchi che mi complicavano la vita.
Mi permette di dialogare con te e con chiunque sia raggiungibile.
Trovo che sia una forma di libertà insostituibile.

Ciao.
A presto.
Remo Ponzini.

Risposta di lorella aviano 09:18 - 14/09/10

Ciao Remo,
perdonami ma sull'egoismo non sono d'accordo. Scegliere di educare le nuove generazioni a considerare l'egoismo incontrovertibile è completa responsabilità degli adulti di oggi.
L'egoismo è una scelta consapevole che ognuno di noi ribadisce ogni volta;
poi non ci si può lamentare se ad essere egoisti saranno gli altri, semplicemente prima o poi ci ripagano con la stessa moneta.

Spero che i giovani di oggi non assimilino gli egoismi del passato anche se in fondo è la nostra generazione che gli prepara la strada. Spero che abbiano la forza di tracciare una strada diversa se capiscono che quella tracciata è sbagliata .. non potrò che essere al loro fianco.

Per quanto riguarda nord e sud l'unico motivo di consolazione è perlomeno avere la coscienza pulita di essere stata trattata dalla "civile Lombardia" senza privilegi di sorta sia che io provenga dall'Emilia, dalla Sicilia o da un paese extracomunitario.  

Risposta di Remo Ponzini 17:26 - 14/09/10

Cara Lorella ,
ti stupirai ma sono contento che tu non condivida la mia visione individualistica del federalismo.
Non pensare che io abbia così velocemente cambiato opinione ma il tuo post trabocca di generosità e di nobiltà d'animo che ho molto apprezzato e che ti fa senz'altro onore.
Il tuo non è il solito buonismo a basso costo e di agevole smercio molto in uso sia in campo politico che ecclesiale.
Da te traspare una bontà spontanea e tangibile che non può che essere sincera.
Ti leggo ormai da molti mesi e quindi ho avuto modo di scandagliarti e conoscerti un pochino.
In precedenza non abbiamo mai dialogato direttamente in quanto entrambi arroccati su posizioni contrastanti ed in antitesi ma devo ammettere che avresti meritato più comprensione ed attenzione.

Mi è molto piaciuta questa tua frase : " l'egoismo è una scelta consapevole che ognuno di noi ribadisce ogni volta  ".
Fa riflettere e meditare; i commenti sono superflui.

Invidio il tuo idealismo che io invece, impattando con la realtà, ho perso per strada da molto tempo.

Vedi di preservarlo.
Ciao.    

Risposta di lorella aviano 19:52 - 16/09/10

Grazie Remo per ciò che hai scritto, mi hai lasciato un pochino senza parole :) mi rendo conto che questi scambi di opinioni alla fine, se sinceri, avvicinano le persone invece di allontanarle e questo mi fa molto piacere.

A presto 

Risposta di Fausto 18:36 - 18/09/10

Sorry ma ero via... preciso solo alcuni punti perchè mi sa che non sono stato chiarissimo.

1) io ho detto che una legge sbagliata è una legge sbagliata, sia che tenda al federalismo che se non lo fa... è da correggere e stop.

2) non ho invitato la Lorella a mettersi in coda in quanto ho detto che per casi eccezionali, come il suo, ci vorrebbe un permesso unico che duri nel tempo, perciò caro Remo credo che tu abbia frainteso le mie parole.

3) io sono il primo sostenitore di una società altruista in cui il più debole debba avere condizioni agevolate per poter vivere al pari degli altri. Ma con questo non giustifico, e non lo farò mai, i comportamenti parassitari che caratterizzano troppe realtà in Italia. Chi ha bisogno deve essere più che supportato ma non cadiamo in discorsi demagogici per piacere... allora il terzo mondo dove lo mettiamo? Ti assicuro Lorella, senza entrare nei dettagli, che molto spesso mi sono trovato in imbarazzo nel modo in cui gente della valle e per giunta di sisnistra si comportava nei confronti degli stranieri. E ti assicuro che ho molti amici veri sia tra gli extra comunitari che tra i meridionali. Perciò ti prego di non farti un'idea sbagliata della mia persona in quanto la mia determinazione si accanisce solo nei confronti dei fannulloni e dei furbetti, ma mi sembra di capire che anche tu la pensi così...

4) detto questo... resto dell'opinione che la tua opinione sia degna del massimo rispetto, ed è un bene che ci siano persone che credano ancora nella "favola" perchè la favola fa parte della speranza umana e senza quella davvero diventiamo troppo aridi. Però io non me la faccio mettere nel di dietro in nome e per conto di chi la sfrutta sta favola... ci marciano in troppi. Le persone vanno responsabilizzate e ritengo che l'unico modo per responsabilizzare la parte dell'Italia che viaggia a traino sia di staccare il gancio.. vedi che dopo pedalano... ed iniziano a sfruttare le risorse che hanno... stesso discorso vale per la Valtaro.

5) sul fatto della Regione giusta ovviamente scherzavo, ogni regione è giusta quando si trovano le persone giuste...

Per il resto ti invito a continuare a sognare perchè c'è bisogno di gente che sogni, ma se mi posso permettere anche di gente che si assuma delle responsabilità e faccia gli interventi necessari ad un cambio di rotta.

Ciao

Fausto

Ps. ma per internet... non c'era un fenomeno che te lo doveva portare il giorno dopo il tuo esposto??? non ti ha più fatto sapere?

 

Risposta di Remo Ponzini 10:55 - 20/09/10

Caro Fausto,
non credo di averti male interpretato sul caso di Lorella. Tu avevi scritto esattamente così   " non vedo dove sia il problema a dover fare una coda per un rimborso, perchè comunque il diritto alla sanità gratuita viene comunque riconosciuto e fare una coda ogni tanto non penso sia un dramma, tanto ormai, con la posta che abbiamo, siamo abituati.. ". 

Io nella mia risposta ero stato un po' enfatico ma sostanzialmente penso di aver ben compreso.

Al di la di questo singolo caso che non è affatto grave, volevo solo sottolineare che non è giusto scaricare sui cittadini quelle incombenze che sono tipiche degli Enti Pubblici.

Se vogliamo raggiungere un livello qualitativo accettabile, dobbiamo pretendere che vengano curati anche questi particolari.

Sul federalismo, sul Berlusconismo ed altro vedo che condividiamo le idee, gli intenti ed anche il senso critico. Anche a te piace la gente operosa e dinamica; quella che i problemi li risolve.

Ed invece non facciamo che assistere a montagne di vacue promesse con il risultato che, per dirla alla  Mourinho, di avere " zeru tituli ".

Servirebbe con la massima urgenza una riforma costituzionale che , tra l'altro, dovrebbe separare i compiti della Camera e del Senato.

Andrebbe snellito il percorso legislativo smagrendo e sburocratizzando anche il regolamento del ns. Parlamento.

Ma mi fermo qui perchè se dovessimo scrivere tutto quello che non va dovremmo frantumare cento tastiere.

Mi rendo però anche conto che la ns. proiezione, eccessivamente raziocinante, potrebbe condurci, usando un tuo aggettivo, ad essere " aridi " e gretti.

Ecco perchè un po' di condivisione con il pensiero e la rappresentazione idealistica della Lorella non potrebbe che giovarci; quantomeno ci sgrosserebbe e, forse, ci potrebbe ingentilire un pochino.

A presto. Remo Ponzini

 

Risposta di Fausto 13:55 - 20/09/10

Remo macaco, non farai mica come i giornalisti d'assalto che copiano solo i pezzi che gli interessano...

allora ti riporto la frase che non hai copiato... Mi spiego meglio, la tua condizione mi sembra un'eccezione e come tale dovrebbe essere trattata. Perciò la legge dovrebbe prevedere dei permessi temporanei dovuti a cause certificate come la tua. Una sola richiesta fino a quando serve. Risolto il problema delle code.

Di conseguenza mi auguravo che una persona nella condizione di Lorella dovesse fare una sola coda e non 100.

Comunque mica me la prendo sai, anzi i botta e risposta sono il pane del dialogo.

Per restare comunque in tema di eventi straordinari... la scazzottata del Borgo ai tempi in cui tutti avevano le stesse radici culturali non c'è mai stata.

Al massimo se le davano in disco ma non in centro paese. Ormai c'è gente che non ha nulla da perdere e certi episodi stanno diventando comuni anche da noi.

Comunque per evitare di cavalcare l'onda dello scandalo per questa volta non entro nel merito e segno solo un altra tacchella negli eventi che sono di straordinaria gravità sociale (e che prima non si verificavano).

Comunque continuo a farmi da tempo ormai la solita domanda e nessuno mai mi da una risposta... quale sarebbe il motivo per il quale avremmo questo smodato bisogno di importare culture differenti? E come la nostra società in questi anni è cambiata (in meglio) grazie a questo confronto?

Per come la vedo io abbiamo aperto la porta in cerca di caldo ma di caldo se ne è visto poco...

Il vero federalismo poi andrebbe fatto accorpando tutto in due uniche Regioni, perchè mi spiegate a che cavolo servono tutte ste regioni che ci sono in Italia, ma ci vogliamo rendere conto che si tratta di un paese piccolissimo? Frammentato in troppi segmenti.

Regioni del Nord e Regioni del Sud. Stop. troppo semplice per poterci sguazzare dentro però..

Ciao Remo e non dimenticarti di bacchettarmi che ogni tanto ci vuole...

Risposta di Remo Ponzini 11:20 - 22/09/10

Caro Fausto.
Nessun problema e nessun rimbrotto. Solo precisazioni marginali che non vanno ad intaccare la sostanza delle cose.

Effettivamente ci sono dei permessi, che vanno rinnovati annualmente,  e che consentono a persone residenti in una regione ma domiciliata in un'altra, di usufruire dei servizi sanitari senza troppi intoppi. Diventa però complicato per coloro, come la Lorella, che alternano frequentemente la loro allocazione.

E questo perchè per le Regioni o sei di qui o sei di la. Ma queste distonie burocratiche le devono risolvere al lor inteno e non scaricarle sui cittadini.

Ciao 

Risposta di Fausto 16:21 - 22/09/10

Ma anche se fosse... rimbrotta pure, perchè da persone che stimo i rilievi li prendo più che volentieri.

Uno dei miei Maestri è stato proprio il nostro Rodolfo... e non è che mi abbia mai fatto degli sconti particolari soprattutto nel tennis... nel latino è stato un pò più magnanimo...

Il mio problema è che più vado avanti e meno ne stimo. Perchè ho sempre creduto nella buona fede delle persone ma piano piano mi sto ricredendo.

Per questo motivo, anche se di sicuro ho vedute differenti da Lorella, mi piace proprio come persona perchè la vedo vera.

Comunque ho capito anche che quelli che mi vanno di traverso alla fine vanno di traverso anche alla maggior parte della gente.

Ciao

Risposta di lorella aviano 09:35 - 07/10/10

Mi scuso per il ritardo con cui rispondo.
Per quanto riguarda l'adsl a mio avviso si potrebbe fare molto .. non tanto per pretendere una connessione subito in zone ancora scoperte ma perlomeno per offrire a tutti i cittadini almeno un minimo: ormai non crescono solo tanti funghi a Bedonia ma anche tanti soggetti (pubblici e privati) che si rendono visibili su facebook o in altro modo in rete.

Non vorrei essere troppo critica e poco costruttiva ma io come soggetto pubblico, se decido di rendermi visibile in internet dovrei anche cercare di arrivare a chi non può esserci; qui a Milano è un pullulare di connessioni wireless offerte dalle biblioteche, nei parchi e nelle zone adiecenti al Comune piuttosto che nei bar: anche a Bedonia si potrebbe - in fondo il centro è ormai connesso - invece la mia sensazione è che ci si preoccupa si, di attivare una pagina per la propria visibilità al popolo della rete, ma non di gettare l'occhio a chi non riesce ad esserci non per volere suo. Risultato: qui (Milano) vado in biblioteca, al parco e in tantissimi bar e ho connessione wireless senza problemi..qui che non ne ho bisogno perchè ne ho due attive a casa! Lì che me ne servirebbe una miseranda (anche solo per controllare la posta) il vuoto! Davvero il vuoto, perchè se non è cambiato nulla da luglio ad adesso, l'unica connessione che offre un privato alla modica somma di 5 euro per 24 ore..non funziona (sono disposta a fornire maggiori informazioni in privato)

Risottolineo che non vorrei fosse preso come uno sfogo personale, in fondo, per indole, se un problema è insormontabile non me ne cruccio più di tanto: non c'è internet? se ne fa a meno..prima o poi si risolverà, altrimenti ci si sente come tanti Don Chisciotte contro mulini a vento che risultano immaginari per le altre persone.

Fausto, poi permettimi di dissentire con te quando parli di risolvere il tutto con regioni del nord e del sud: sulla base di cosa, questa divisione? Ero con te quando parlavi di partito di montagna, partito del mare e partito di pianura (perchè si possono avere in comune problemi legati alla morfologia del territorio) la divisione semplicistica nord/sud mi sembra serva solo ad alimentare concezioni fuorvianti e che ormai dovrebbero andare superate. Non esiste una mafia del nord e una mafia del sud..esiste una mafia. Punto.

Per quanto riguarda la tessera sanitaria con rinnovo annuale per i non residenti, Remo, ne sono a conoscenza e ne ho usufruito gli anni precedenti ma proprio per questo ho messo tra virgolette la parola CIVILE Lombardia - quando avevo un lavoro qui a Milano ne avevo diritto, quando invece ho dichiarato di essere presente in Lombardia per curare un parente stretto che aveva bisogno di assistenza 24 ore su 24 (certificabile) non c'è stato verso (non rientra nei motivi che ritengono validi) Eppure la persona che io mi sono presa incarico di curare è residente a Milano .. forse la mia assistenza continuativa non vale proprio nulla e se invece prendo un'infermiera, e la pago, allora vale?? mah..

Mi scuso ancora se intervengo così a singhiozzo e vi ringrazio molto perchè mi da comunque sollievo aver letto i vostri pareri .. a presto 

Risposta di Fausto 13:37 - 07/10/10

Intendiamoci, quando io stesso faccio di tutta l'erba un fascio lo faccio per generalizzare e come mi si insegna la generalizzazione non è la base per uno sviluppo equilibrato.

Ho parlato, tuttavia, di due macro realtà perchè di fatto le sono... ci sono differenze culturali e territoriali che permettono di compiere questa distinzione in maniera abbastanza chiara.

Ma mi sono esentato da fornire giudizi (non mi sembra di aver parlato di mafia) perchè non entro nel merito di quale tradizione sia migliore o peggiore. E' ovvio che mi ritrovo meglio con mentalità più schematiche ma non entro nel merito se sia meglio una cosa piuttosto che un altra.

Il mio ragionamento parava sul fatto che sono troppi gli Enti Regione nel momento stesso in cui si considera l'Italia per quello che è... un puntino.

Perciò dicevo... se proprio non si può avere una gestione unitaria... allora al massimo si divida in 2.

Il discorso del partito della montagna può essere limitaro solo ad una gestione politica... non estendibile ad una gestione amministrativa.

Avrei 2 comuni limitrofi con amministrazioni differenti?

Spero di aver chiarito meglio la mia posizione anche se non mi smuovo di un millimetro relativamente ai miei pensieri generalizzanti (ma certo ripeto quelli li tengo per me perchè non sono dati oggettivi e probabilmente si basano pure su preconcetti).

Ma sono umano e "diverso da tutti gli altri" e come tale posso anche sbagliarmi.

Ciao
Fausto

Mi dispiace per la tua connessione perchè si vede che quel famoso politico influente... non influiva poi tanto...

 

Risposta di Remo Ponzini 15:15 - 07/10/10

Un piccolo inciso circa la problematica del SSN che hai manifestato. 

Per superare lo scoglio del permesso devi andare a Milano dal tuo medico e chiedere che devi risiedere in città per motivi di salute perchè non tolleri l'aria di montagna. O viceversa se il problema è opposto.

Capisco che una ragazza linda come te di fronte a questi espedienti si trovi quantomeno a disagio ma di fronte al becerismo di questa burocrazia assurda avremo o no il diritto di difenderci ???

Ciao.

Remo Ponzini


Risposta di lorella aviano 07:52 - 10/10/10

Forse perchè, Fausto, non riesco a dividere gestione politica da amministrativa :) ce le mostrano separate ma per me son la stessa cosa: stesse forze in gioco, stessi strumenti

Remo..sigh!!

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018