Signor Prefetto,
sono molto preoccupato, come Sindaco, delle modalità con cui siamo informati delle allerte. Lo scorso anno questi avvisi arrivavano, in tempo reale, anche con un sms, sul mio cellulare privato. Ora invece arrivano solo attraverso posta certificata. L’esempio dell’ultimo avviso è emblematico. Sabato 8 novembre alle ore 15,45 e 32 secondi è arrivata, come posta certificata, al Comune di Berceto, l’avviso d’allerta inviato dalla Prefettura. L’allerta scattava dalle ore 19 di domenica 9 novembre. Ebbene, come Sindaco, responsabile quindi della Protezione Civile del mio Comune, ho potuto apprendere, ufficialmente, di questa allerta oggi, lunedì 10 novembre, alle ore 8,39 I motivi sono semplici. La posta certificata, in Comune, arriva a un addetto che segue il protocollo. Non può, insomma, arrivare in tutti gli uffici. Ci deve essere un responsabile. Gli impiegati comunali, com’è risaputo, soprattutto al sabato, chiudono l’ufficio alle ore 13 e riaprono al lunedì alle ore 8. Potrebbe, inoltre, capitare che l’addetta potrebbe essere, improvvisamente, a casa per malattia e allora la posta verrebbe aperta, da un sostituto, piu’ tardi anche al lunedì mattino. Preciso, inoltre che, in tutti i giorni della settimana, fatta esclusione del lunedi’ e giovedì in cui c’è l’apertura pomeridiana, gli uffici sono chiusi dalle 13.
Per fortuna, nel mio caso, il costante rapporto con l’ing. Gabriele Alifraco, mi permette d’essere informato in tempo reale.
Ancora una volta chiedo se non è possibile tornare ad utilizzare anche l’sms del mio cellulare 348 2905306 e anche la mia e-mail privata stupendaberceto@libero.it
Avere informazioni utili e in tempo, infatti, è essenziale per assumere decisioni in favore delle popolazioni.
Si ringrazia per l’attenzione. Luigi Lucchi Sindaco di Berceto

Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018