Nell'ottobre 2014 alle scuole elementari si è sfiorata una tragedia con il crollo di un pezzo di soffitto in aula, dall'altezza di 4,5 metri, durante le lezioni.
Fatto facilmente ipotizzabile vista la situazione degli edifici scolastici pubblici in Italia dove si sono verificati numerosi crolli.

Il crollo alla Anna Frank è ancora più grave e largamente prevedibile in quanto un distacco simile si era già verificato in precedenza nel bagno.
In quell'occasione il meglio di sé lo ha dato Omar Olivieri, Assessore pagato con soldi pubblici, che ha impedito a Tv taro di riprendere la scena.

E’ LA SCUOLA ETICA DEL PARTITO PER I GIOVANI ASSESSORI AFFINCHE’ IMPARINO IL MESTIERE SE VOGLIONO ANCORA CANDIDARSI: INFATTI...

Il PD É BELLO ANCHE A ROMA, LODI E BRESCELLO .

Siamo stati i soli a denunciare pubblicamente questo grave fatto con il volantino nel quale si notava che gli amministratori avevano speso, negli anni, centinaia di migliaia di euro per andare a ballare e mangiare a Londra e a New York. Il falsetto-furbetto Di Ego dichiarava a tv taro che non è vero che ha speso soldi pubblici, in quanto non esistono Delibere che stanziano i soldi. Ignorante, falso furbetto e bugiardo. La prova dei suoi balli a Londra con soldi pubblici: Determina n. 200/2011. Vedi foto 1 allegata.

Ignorante perché dopo anni di Vicesindaco e Assessore al bilancio, anche alla Comunità Montana, non sa che quelle spese sono decise con le Determine e non con le Delibere; ignorante!

Non sa o fa finta di non sapere; il suo dire-non dire dice tutto della sua statura politica clientelare.

Bugiardo perché di bugie si nutre e ne produce in continuazione.

Il giorno 11/8/2011 ho detto in Consiglio che avevano stanziato diecimila euro di soldi pubblici (Delibera 170 del 24.11.08) nella denuncia contro la minoranza; alquanto irritato e saltellando sul trono che fu di Pierluigi Primo ha detto:
"non è così non è così dice delle falsità perché sono delle falsità ... dice sapendo di dire delle falsità ... può esprimersi ma tenga conto di come lo fa"
La citata Delibera, che avevo in mano, dimostra chi diceva il falso davanti al Consiglio; e tutti tacciono, anche la finta opposizione. La denuncia alla minoranza nel 2008: la prova del falso: Vedi foto 2 allegata.
E tanto basti a qualificarlo, per ora.

Il DECLINO DELL’INNOMINATO

Ferrari é stato confinato nelle foreste delle Comunaglie, o meglio, nei bilanci superattivi delle stesse.
Il suo declino ha dato i primi segni tangibili con le primarie PERSE del suo portaborse Barilli.
" ... L'amico Claudio per (soli) 40000 euro all'anno si alza presto tutte le mattine per recarsi a Parma a fare il consulente in Provincia"
Parole del Sindaco Oppo in Consiglio, sdegnato dal fatto che in Provincia qualcuno ha osato ipotizzare, con una interrogazione, di poter fare il suo lavoro con personale interno.

Ma torniamo al PD. Da molti anni il Dottor Giovanni Scagliola leader indiscusso, elegante, sobrio, presente, ma sempre un po’ in ombra, lunghissima militanza nel Partito e nel Sindacato e membro del Direttivo, elaborava una strategia per scalare il PD. E diciamolo é dal dopoguerra che il PCI subiva lo strapotere democristiano, un atto di moderata vendetta ci voleva!
La sua idea: un CAVALLO DI TROIA per entrare nelle stanze del potere da sempre democristiano.
L'obiettivo era modellare un militante alle sembianze democristiane per introdurlo piano piano e farlo sembrare un compagno in crisi che si avvicina alla dottrina clientelare di Pierluigi.
La sua prima scelta cadde sul Compagno Giuseppe Delnevo, Stalinista fedele.

Dopo numerose sedute di scuola di partito, i tentativi di formazione alla finta gentilezza, alle movenze non proprio da metalmezzadro, fallirono miseramente: il Vigore militante non si piegava alle esigenze strategiche. Sibilii di Partito riferiscono che la elaborazione del piano è durata diversi lustri.
Inoltre (Sempre fonti di Partito) di fronte alla rigidità del Compagno Giuseppe, gli ha fatto una foto spietata: vai a Comandare in Montagna 2000; (risultato una montagna di debiti); Vai a comandare da Assessore ai lavori Pubblici!
(Risultato: le condizioni del porfido nel centro storico sono la sua immagine)
Occupati di Passi carrai! (Risultato 3 posti in meno nel parcheggio pubblico a causa di un passo carraio agevolato: il suo)
Ad ogni buon conto ... Lasciatemi fare questa considerazione… Grande il Dottor Giovanni!

A molti militanti vennero fatti test attitudinali per recitare la parte di compagno pentito, innamorato della politica di Piero Luigi, ma senza risultato.
Stava quasi per cedere quando, come per magia, appare sulla scena un giovane militante ideologicamente ben temperato allo stalinismo, ma dalla postura e dalla figura adatta al ruolo di attore che poteva fingere l'innamoramento per la politica dell'ex fascista, ora democristiano Ferrari.
Ecco il cavallo, anzi il cavallino di Troia per emarginare Pierluigi, pensava, non ci stanno dentro molti soldati ma... e progettava e pensava e ripensava e progettava: sceglieva.
Diego Rossi è il cavallo adatto!
Scuola di Partito tutti i giorni e senza grandi difficoltà. Ha imparato a dire come sta, a sorridere a ciclo continuo e a mettere la cravatta di partito.
É noto che il Compagno/Amico Di Ego impara cose così complesse anche in meno di un anno.
A dire il vero qualche sospetto di questo blitz era passato per la mente di Pier. Nel timore di trovarsi il cavallino di Troia in Via Mazzini aveva spostato i migliori agenti dei suoi servizi segreti da via Nazionale. Ma il/la ... della intelligence, allontanandosi per non perdere un cliente, ha fatto perdere a Piero Luigi il controllo del Partito. In realtà era un falso cliente; un uomo del regista mandato appositamente.

Con una operazione degna del Presidente Putin e ispirandosi ai servizi di INTELLIGENCE SOVIETICI é riuscito a scalzare Pier dalla politica locale.

Sembra che Pier, oltre al bagno a secco nei dorati bilanci delle Comunaglie, si stia consolando, talvolta, immergendosi in una delle sue ultime creature: il Bacino Imbrifero del Taro, ed è certo che, come Presidente e ibridatore del consorzio del pomodoro, si è immerso nella ricerca; la sua mission: creare il pomodoro nero per ricordare la sua giovinezza giovinezza.
Sembra fantapolitica, ma è cruda realtà.
Come é stata possibile una operazione del genere degna di un grande Generale?
Sussurri di Partito e ben informati sostengono che, nel tempo, il Dottore Giovanni, ha saputo guadagnarsi la fiducia dei cittadini e in particolare dei commercianti; la sua base elettorale.
Da almeno 5 anni é noto che Rossi non è altro che l'uomo di Scagliola e lo troviamo sempre seduto al suo fianco. Povero Pier, non ha fatto il Senatore, non controlla più il Partito, ma ci lascia un grande dono:
la Discarica di Tiedoli che ci costa solo 110.000 euro all'anno per gestirla.
Meno male che la sua fedelissima Sandra (lottizzazione Bassa Cavanna) con il suo fascino politico e matematico, "60 su 120 non è un aumento del 50% perché la matematica non è un'opinione", ha sedotto (politicamente) l'Amico Bocci con qualche apericena mirato: il potenziale neoPier. I Bocci vanno sempre dove il miele è più dolce; dalla D.C. di Fanfani alla D.C. di Renzi.

UN ACCORDO DA IMPUGNARE

Vecchia Ceramica/Conad: una scelta sbagliata.
Dopo anni di abbandono la Maggioranza (Daffadá Assessore entusiasta) ha approvato la Delibera di Giunta n.2 del 19/1/2015.
L'accordo urbanistico e la variante al Piano Regolatore prevedono scarse compensazioni a fronte di regali alla proprietà dell'area e alla Conad.

1) In Consiglio la Maggioranza ha argomentato che si risolve il problema delle coperture pericolose
Non è vero; la proprietà, visto lo stato di degrado dell'eternit, era comunque obbligata dal punto di vista sanitario ad intervenire.
2) Hanno detto che verrà costruita una rotatoria per l'accesso all'area Commerciale!?
Come può un supermercato così grande e in quella posizione fare a meno di un accesso agevole?
I vantaggi, in realtà, sono tutti per la Conad, che, con questo accordo, ottiene un aumento della superficie totale da 1600 metri quadri a 2500.
E, cosa ancora più importante, la superficie di vendita da circa 900, con l'accordo passa a 1500 metri quadri. Un aumento di ben il 66%.
É evidente che questa operazione é a vantaggio della Conad per l'aumento della superficie di vendita.

>Questo altera profondamente gli equilibri commerciali esistenti, a danno del commercio nel centro storico.
Il centro, lo ricordiamo, é il nucleo più importante di aggregazione e di offerta commerciale che non può permettersi di perdere potenziali clienti, pena la chiusura di attività, anche a causa di una tassazione complessiva insostenibile.
Ciò aggraverebbe ancora di più la crisi generale che si manifesta anche con un calo fortissimo delle persone che frequentano il centro storico. Un simpatico Signore anziano mi ripete ad ogni incontro: ma c'è il coprifuoco ... che non c'è più nessuno in giro. Forse "quelli che ci comandano " non sanno che il turismo che frequenta le nostre valli non viene per andare a fare la fila al supermercato.

La Società proprietaria dei terreni, ottiene ancora di più. La variante al Piano Regolatore prevede oltre alla trasformazione da area industriale ad area direzionale e commerciale (area Conad) anche una parte edificabile per 5426 metri quadri. Ossia 50 alloggi previsti dalla Proprietà.
Questo senza che sia previsto il versamento anticipato a favore del Comune, degli oneri di urbanizzazione, che, da valutazioni professionali, ammontano a circa 200.000 euro .
E’ possibile che l'attuale area Conad con tutte le attività presenti subirà un grave danno e degrado.
Tutti i titolari di imprese che ho sentito mi hanno detto che il Comune non li ha nemmeno avvisati!
La Lista Civica per Borgotaro é stata l'unica a votare contro questo accordo; la finta opposizione, si è allineata con la "sua" maggioranza.

Noi siamo favorevoli ad un accordo che prevede compensazioni di valori equivalenti, come la costruzione di un vero PONTE che collega la rotatoria con l'area del macello.
Ció ridurrebbe il traffico sul Ponte di S. Rocco a vantaggio della fluidità degli spostamenti e dell'ambiente.
La nostra lista ha scritto sul programma che verificherà tutte le possibilità di rinegoziazione con le controparti al fine di fare VERAMENTE l'interesse generale dei cittadini del nostro Comune.

Giuseepe Toffanin
Loc. Costella 56
Borgotaro
info: 3496975446
toffanin8giuseppe@gmail.com
seguici anche su facebook

giuseppe toffanin è l’unico responsabile di questo scritto


Risposta di IO, TU E LE ROSE 18:23 - 19/05/16

LA SATIRA, SPECIALMENTE POLITICA, E' NATURALMENTE, FORMA D'ARTE, DI TRADIZIONE MILLENARIA;
BASATA SULLA DISSACRAZIONE, SULLO SBEFEGGIAMENTO DI PERSONAGGI PUBBLICI.
DELICATO, IL CONFINE ETICO, CHE PUO' DIVENIRE CONFLITTO TRA LA SUA RAGION D'ESSERE E I DIRITTI COSTITUZIONALI DEL PERSONAGGIO PRESO DI MIRA.
LA SATIRA NON VUOLE DARE NOTIZIE, NON LE IMPORTA DIRE LA VERITA', SUO COMPITO E' CREARE UN PRODOTTO ARTISTICO, PIU' O MENO FRUIBILE DAL PUBBLICO.
LlA SATIRA POLITICA PUO' ESSERE TANTO BELLA QUANTO PERICOLOSA PER QUANTO MI RIGUARDA ( MA E' UN MIO LIMITE, UNA MIA DIFFICOLTA') NON AMO LA SATIRA QUANDO PRENDE DI MIRA DIFETTI FISICI.
TOFFANIN E' UOMO DI CULTURA E D'ARTE, PECCATO CHE SIA ANCHE POLITICO

Risposta di Giuseppe Toffanin 02:06 - 20/05/16

Grazie per le osservazioni.
Quando in Consiglio comunale una persona eletta dai cittadini viene definita "quaquaraquà", e che "gli trema la voce", che "starnazzare in Consiglio da inizio mandato", che "non capisce niente", che "é un dramma sociale" dal Segretario comunale con la condivisione del Sindaco, e, che "é un maleducato e un vagabondo", dal Vicesindaco, credo che scrivere di Rossi che saltella sul trono che fu di Pierluigi Primo non arrivi alla metà del "valore" delle ingiurie subite.
Questo anche perché chi starnazza, specie se di continuo, non appartiene tassonomicamente alla specie umana ma ai gallinacei. Il Sindaco non solo condivide: incoraggia.
In una occasione, ho detto a Rossi "ma vi rendete conto che avete scritto su una Delibera della Repubblica che un Consigliere "Starnazza in Consiglio da inizio mandato", risposta: "ma lei starnazza"!
Grazie ancora, sono un politico mio malgrado perché c'è un limite alla sopportazione dell'ingiustizia e del malaffare, io credo.
Giuseppe Toffanin

Risposta di Io tu e le rose 15:48 - 20/05/16

cioè
mi aspettavo una risposta un pò diversa
un pò più epica

che mi si parlasse,semmai,di quanto è pressante e incontrastabile la passione politica
come BENE supremo
e mi si citasse,come minimo,Antifonte e Aristotile
e prima ancora Platone
e la COSA che sa garantire l'autosufficienza della polis

Il fatto è che pare aver ragione Freud ,quando sostiene che
educare
curare
e governare
sono attività impossibili

solo se c'è scambio,alla pari,tra le parti,possono essere attuate
autoeducazione
cura di sè
e autogoverno

e danzare insieme
Spero,dottor Toffanin che anche lei vorrà spendere una parola per ricordare il grande uomo che ci ha appena lasciato,
grande esempio di politico non corrotto e non corruttibile e che ha pagato sulla sua pelle ,le sue battaglie per la civiltà e il diritto

Risposta di Felice 12:37 - 25/05/16

Una domanda Toffanin. In questi 5 anni eri a Borgotaro ?????

Risposta di PK 16:45 - 25/05/16

faceva proprio il pensiero di vita di Razzi:

 
Risposta di Giorgio B. 18:12 - 20/05/16

Per la serie quando la realtà supera la fantasia: verrebbe quasi da sorridere leggendo delle varie vicessitudini e magheggi esposti nello scritto, poi ripensando a chi paga poi lo scotto di tutto questo, l'atteggiamento cambia drasticamente, certi "giochi di ruolo" vanno bene finchè li fanno i bambini, quando si tratta di gestire la cosa pubblica e meglio usare risorse e intelletto per il bene conune non per un vaquo ed effimero prestigio personale, quel prestigio che comunque è ottenibile anche solo chercando di fare onestamente e con perizia il propio lavoro e con il rispetto per gli altri anche se hanno idee diverse dalle propie.

Risposta di Giuseppe 19:58 - 20/05/16

Grazie a entrambi.
Rispondere a io tu... richiederebbe troppo tempo e non so se ne sarei capace.
Posso solo dire la passione non è travolgente ma l'amore per la verità si.
A Giorgio posso solo chiedere di essere più chiaro a causa del fatto che non sono mai riuscito a leggere tra le righe quello che non c'è scritto nelle righe. Questo ovviamente non vale in assoluto e per tutto lo scritto, che, a mio parere, ondeggia un po'.
Grazie ancora.
Giuseppe Toffanin, Lista Civica per Borgotaro.

Risposta di Giorgio B. 08:27 - 21/05/16

Per evitare fraintendimenti: nel mio post precedente l'intenzione era quella di ricordare a chi amministra la cosa pubblica
il rispetto delle regole e il propio ruolo di servizio verso la comunità che lo ha eletto, non c' era per altro alcuna intenzione
di mettere in cattiva luce chi comunque ha il coraggio, facendo anche della discreta satira, di mettere nero su bianco le "marachelle" dei potenti di turno.

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018