Il Gruppo Missionario della Parrocchia di Bedonia in collaborazione con l’Istituto Zappa-Fermi di Borgotaro e la Caritas diocesana di Piacenza-Bobbio organizza per il giorno sabato 9 ottobre alle ore 21 presso la palestra comunale di via Deledda, la terza edizione di “Note di speranza – concerto per condividere immagini, parole e testimonianze”.

L’idea del concerto, nasce dalla volontà di porre all’attenzione di tutti le drammatiche situazioni vissute in molte parti del mondo.
Infatti, mentre nella nostra ricca Europa , nonostante la crisi, viviamo un eccesso di disponibilità alimentari o di beni materiali, altrove si sperimenta ancora la fame, la mancanza di cure adeguate, la guerra, lo sfruttamento. Vittime sono  soprattutto i giovani e i bambini che facilmente vengono schiacciati e sfruttati.
In particolare questa edizione ha come tema l’acqua. Questo bene, così prezioso, è oggi sempre più all’attenzione di governi, opinioni pubbliche e mezzi d’informazione. Non esiste infatti bene naturale così importante che sia più sfruttato, inquinato ed oggetto di dispute politiche ed economiche.
D’altronde la mancanza d’acqua o la sua scarsa qualità condizionano sia la presenza stessa della vita umana in un determinato territorio sia il possibile sviluppo delle popolazioni.
Le polemiche, anche italiane, sulla possibile privatizzazione dell’acqua, hanno recentemente rilanciato una campagna internazionale per dichiarare l’acqua un bene comune e un diritto inalienabile per tutti gli uomini della terra.
Diversi i gruppi musicali giovanili che si alterneranno sul palco insieme con i veterani del folk Valtarese, i Pangea.
A questi momenti musicali si alterneranno momenti di riflessione culturale e spirituale presentati da noti personaggi locali.
A precedere ed accompagnare il concerto è stata allestita, presso il salone parrocchiale di Bedonia la mostra “Acqua di tutti, acqua per tutti”, indirizzata soprattutto ai più piccoli ma con notevoli spunti di riflessione anche per gli adulti. Essa sarà aperta da sabato 2 ottobre a domenica 10 ottobre.  
Per dare risultati tangibili e concreti ai concerti, ogni anno vengono raccolte offerte che vanno a favore di vari progetti.
Quest’anno si vuole sostenere l’opera di Roberto Gandolfi, un missionario laico piacentino che da vent’anni opera in Uganda presso l’ospedale di Matany in una delle zone più povere del mondo. Roberto, un agricoltore che ha scelto la missione, con la sua inventiva ha progettato fra le altre cose, alcuni sistemi di raccolta delle acque che permettono la sua conservazione a favore dell’ospedale e di un grande frutteto posti in una zona dalle caratteristiche predesertiche.

Il ricavato del concerto, dato il tema, sarà perciò devoluto a sostenere interventi di  preservazione e accumulo dell’acqua

Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018