Zum Zeri è una realtà sciistica a due passi dalla Valtaro. Solo 12 km di strada, tutta in comune di Albareto. I primi 4 km sono asfaltati, i rimanenti 8 km sono sterrati e quindi male percorribili, specie in inverno. È facile capire quanto vantaggioso, non solo per Albareto, ma per tutti i 5 comuni dell'Alta Valtaro, sarebbe una strada agevole che attraverso i magnifici boschi da Albareto raggiunga Zum Zeri.

Quante famiglie di sciatori potrebbero passare il weekend o la notte negli alberghi o agriturismi dei 5 comuni della Valtaro e al mattino raggiungere in soli 10 minuti d’auto i campi da sci. Urge quindi asfaltare i rimanenti 8 km e sistemare ed abbellire il più possibile tutti i 12 km di strada.
Perché la Comunità Montana, organo chiave di quest’opera, langue? Questa nuova via di comunicazione, non dovrebbe avere priorità assoluta, specialmente in questi tempi di "magra"?

Foto tratte da Valtaro.it
Lavori risalenti al Gennaio 2006
Risposta di Nicola 15:01 - 05/10/10

Sottoscrivo e do la mia disponibilità a pagare un pedaggio se servisse per finanziare l'opera... sono arciconvinto che sarebbe un passo avanti senza alcuna controindicazione...
Io immagino quanti con la vecchia casa di famiglia, o la seconda casa in valle avrebbero lo stimolo a fare un week end in più qui anche d'inverno sapendo che in 15 minuti da Albareto (o in 25/30) da Bedonia e Borgotaro potrebbero farsi una mezza giornata sugli sci magari fermandosi poi a mangiare qualcosa lungo la strada ecc.ra...
Ovviamente sono altrettanto pronto a ascoltare le motivazioni per il no... però avendola percorsa prima in bici, e poi in jeep e avendo potuto usufruire degli impianti di Zum Zeri, davvero mi chiedo perchè con un ritardo di 30 anni e più siamo ancora qui a parlare di una cosa che serve più alla valtaro/valgotra che alla Lunigiana che ha già il Cerreto più raggiungibile e più esteso...
Non estendo poi il discorso alla ovvia possibilità di creare piste e rifugi anche sul versante nosto, ma questa è una storia ulteriore che al momento mi pare utopia pura...

 

Risposta di Fausto C. 22:11 - 05/10/10

Peccato davvero peccato , inconcepibile , ogni anno è un anno mancato  in particolare perchè nelle nostre zone nel periodo invernale vi è un crollo dell'afflusso turistico .

Forse se si abolissero un pò di enti ( province , comunità montana , montagna 2000 , consorzio delle comunalie ed in particolare fare un raggruppamento dei comuni montani ) ci sarebberò più soldi anche per questi progetti e meno burocrazia , a mio avviso vi sarebbero i soldi anche per una piscina coperta a bedonia e per le piste anche sui nostri versanti.

Purtroppo arriveremo a questi tagli non per scelta ma per necessità , la cinghia si sta stringendo sempre di più... 10  anni e sarà inevitabile .

 

 
Risposta di Boletus 22:21 - 05/10/10

Ma lo avete visto lo scempio che hanno fatto le ruspe in quel tratto di appennino immacolato? Siete tanto convinti che il futuro sia questo, che il progresso consista di sventrare castagneti e faggete? Quei boschi da qualche anno non sono più gli stessi, hanno perso quelle affezzionate persone che li frequentavano durante la stagione dei funghi,per delle semplici passaggiate in mezzo alla natura. Fermiamoli! Fermiamoli!    

Risposta di Rodolfo Marchini 17:57 - 09/10/10

Vorrei far notare al buon Boletus (non so se edulis o satanas) che la strada di collegamento è sempre una buona cosa. Che poi ne sia discutibile il progetto, questa è un'altra storia.
Ora dobbiamo cercare di utilizzare al meglio ciò che c'è. Ed è indubbio che, come sostengono Gigi e Fausto, una sua funzionalità nei mesi invernali darebbe un po' di ossigeno ai nostri alberghi e ai nostri agriturismi. forse ci sarebbe anche un certo interesse per qualche seconda casa e per qualche chalet. Senza tener conto del vantaggio per i praticanti dello sci.
A mio parere l'Unione e la fusione dei comuni dell'alta Valtaro servirebbe proprio per condividere queste decisioni e per finanziare le opere comuni, come questa. La Comunità Montana? Mah, a mio parere, come ho già sostenuto è ormai un Ente che ha perso la sua "forza propulsiva" e bisogna pensare ad altro.
Ecco i comuni devono mettersi insieme per fare qualcosa che sentono loro. In questo caso Albareto ne avrebbe il vantaggio maggiore, ma i benefici ci sarebbero anche per gli altri comuni dell'alta valle.

Risposta di Fausto 22:02 - 09/10/10

Boletus, mi sbaglierò sicuramente, ma secondo me avete perso il senso delle dimensioni...

Una strada come quella che è stata costruita non può essere considerata impattante perchè il verde che rimane intorno ad essa... tende all'infinito. Se la guardi a livello di panoramica non si vede neanche e poi prova a pensare a quanti miliardi di chilometri deve fare uno a piedi, per poterla calpestare durante una escursione in quei boschi.

Io sono contro la deturpazione dell'ambiente, ma una strada nel deserto non può essere considerata deturpante perchè il deserto rimane!!! Il rapporto tra il verde e la striscia di asfalto non è proprio considerabile a mio avviso.

Ho l'impressione che a te rompa le scatole il fatto che tante persone possano transitare nei terreni che per anni sono stati considerati ad uso esclusivo di una cerchia di persone.

Hai paura che diventi troppo facile arrivare e cammuffi questa paura prendendo una posizione da ambientalista estremo.

A me fa molto più schifo l'espansione delle zone industriali a Borgotaro, a fronte del fatto che le industrie chiudono.

Pensa piuttosto alla nuova lottizzazione vicino al capannone che è andato a fuoco poco tempo fa.

Sarei proprio curioso di sapere perchè viene cementificata una zona del genere quando le voci che circolano fanno presagire invece che alcune delle principali industrie locali chiuderanno.

Questo si che è un paradosso, si costruisce quando l'industria è in crisi. E ti assicuro che se lo vedi dalla strada vecchia della bertorella quello si che è "impatto ambientale evidente" e a livello di panoramica questo si che incide .

Risposta di michele porcari 08:22 - 12/10/10

ti quoto al mille per cento FAUSTO ...pero' attenzione ai furbetti del bosco ,nuova categoria presente solo nei boschi dell'alta   val taro

Risposta di Andrea Dellanzo 16:54 - 12/10/10

Parlo da persona affezionata al luogo e che ricorda cosa c'era prima della Strada per Zeri.

La strada e' parecchio impattante, questo e' un dato di fatto innegabile.

Però ormai c'è, è inutile non usarla.

Questione ex area fornace: l'area e' adibita ad industria (prima fornace, poi segheria, poi qullo che è adesso) da molti anni, quindi in zona mi sembra la più adatta per fare capannoni, considerando che non c'è altro posto(per colpa dell' Edilcuoghi) e che è una zona acquitrinosa in disuso agricolo da sempre.

Riguardo alla crisi bisogna pensare che se uno compra un capannone vuol dire che vuole fare "impresa", non credo proprio che qualcuno sia tanto sciocco da costruire dei capannoni e tenerli vuoti, se ci sarà la crisi e nessuno vorrà costruire l' area penso che rimarrà con i soli marciapiedi per lungo tempo. Dire che non si possono fare fabbricati artigianali e' uccidere definitiamente il futuro della valle.

La questione per me è un altra: da noi i capannoni industriali fanno schifo. Recentemente sono stato in Alto Adige (Colle Pietra-Steineg)e ho visto capannoni che si possono definire belli con finiture e copertura in legno, con un impatto minimo. Dovrebbero obbligare i costruttori a fare qualcosa di più consono al contesto rispetto ai soliti cubi in Cemento precompresso.

Per l'edilizia residenziale sono d' accordo con Fausto, si è costruito troppo ma soprattutto male e disordinatamente. Se si guarda Borgotaro dai monti la prima cosa che si nota è il disordine geometrico dei "Piloni" e delle "Pezze".

Come per la strada ,ormai ci sono le case bisogna tenersele.

Risposta di Faggio Grosso 22:25 - 19/10/10

Costruire una strada che collega Albareto a Zeri è utile come il ponte sullo stretto di Messina! chi semina cemento e catrame raccoglie traffico! Le strade vanno mantenute in buono stato e i nostri amministratori non sono in grado di mantenere nemmeno quelle che ci sono di già... Cerchiamo di spedere i soldi per opere utili alla collettività e non per 4 sciatori in croce. Rilanciare il turismo con la costruzione di una strada è la più grossa str.....a che abbia mai sentito. spero solo che la natura ritorni a vincere su certe teste d'asfalto.

Risposta di Incredibile Hulk 11:07 - 20/10/10

Ma come si fa a dire che le strade non servono per favorire il Turismo??? Abbiamo la possibilita' di avere  a due passi una Stazione sciistica che non sara' Madonna di Campiglio, ma e' sempre meglio di niente.
Perche' non sfruttare la possibilita' di andare in pochi minuti a farsi una sana sciata?  Non sara' che tu sei uno di quelli che ci vanno con la motoslitta? 

Risposta di walter 13:19 - 20/10/10

vorrei intervenire nella discussione analizzando la cosa dal punto di vista turistico sportivo.

Il comprensorio sciistico di Zum Zeri ,volendo essere obbiettivi non si presta assolutamente ad un turismo di weekend o settimane bianche in quanto gli impianti sono assai limitati(una seggiovia con portata limitata e con un intermedio assurdo,uno skilift che serve le stesse piste della seggiovia e con questo contribuisce ad affollare le stesse piste) per un turismo SOLO giornaliero.

Certo che l'affermazione MEGLIO CHE NIENTE non è da persona che ama la montagna e la propria valle in quanto è innegabile che la strada dal punto di vista paesaggistico è di quanto peggio si poteva fare.............

Mi chiedo invece se nessun sciatore tornando a casa la sera in questa strada vedendo il paesaggio circostante non abbia pensato :NE VALEVA LA PENA di tutto questo????????????????

UNO SCIATORE
Walter

Risposta di Faggio Grosso 13:57 - 20/10/10

Caro Hulk io non sono uno sciatore e tanto meno possiedo motoslitte, anche se le proverei volentieri.

Risposta di Incredibile Hulk 11:01 - 21/10/10

Cari Walter e Faggio Grosso,senza voler alimentare sterili polemiche vi faccio solo un piccolo esempio dell'utilita' del collegamento. L'anno scorso, se non sbaglio, una scuola di un Comune della alta Valtaro ha fatto una convenzione con i gestori degli impianti di Zum Zeri e ha portato i ragazzi a sciare facendo il giro da Pontremoli impiegando un'ora e mezza ad andare ed altrettanto a tornare. Se fosse asfaltata la strada basterebbe mezz'ora. Vi ricordo che se c'e' stato danno ambientale la causa e' stata la costruzione della strada  e non certo il suo completamento. Comunque,non insisto oltre, tanto sono certo che ognuno di noi rimarra' sulla propria posizione.

Risposta di walter 12:29 - 21/10/10

Bene l'osservazione di Hulk???? ma precisiamo: bene se la scuola di Bedonia è andata a Zeri, io da Bedonia sarei andato a Santo Stefano d'Aveto che è piu vicino......... se invece la scuola è di Borgotato io consiglierei gli organizzatori  ad andare a Sestola(Tempo di percorrenza 2,10 ore, 70 km di piste impianti super moderni (grande la regione emilia romagna!!!) Detto questo da sciatore, invece  non capisco la tua affermazione che  l'errore della strada stata la costruzione e non il suo completamento ???????????

Io dico che il tracciato dal punto di vista orografico era quanto di meglio si poteva realizzare e ti spiego il perchè : 

Il versante scelto dal progettista dove insiste la strada in inverno e inizio primavera è l'unico angolo di bosco dove fà capolino il sole che con i suoi raggi stempera la neve ed il fondo stradale tale da renderla meno pericolosa .

Il versante interessato agli sbancamenti era e rimane con il suo deposito glaciale uno strada compatto e duro adatto per la fondazione stradale peccato che in certi punti togliendo più di 10 metri di deposito hanno costruito l'ossatura stradale sul "Tarso" detta comunemente ARGILLA che è stata poi la causa delle numerose frane che hanno prosciugato il FINANZIAMENTO.....................

Ma tutto questo comunque esula dall'aspetto turistico sportivo dei potenziali fruitori della stazione zum zeri ai quali dovresti chiedere:vi siete divertiti?????

Risposta di Incredibile Hulk 09:34 - 27/10/10

Scrive Walter:

"io consiglierei gli organizzatori  ad andare a Sestola (Tempo di percorrenza 2,10 ore, 70 km di piste impianti super moderni (grande la regione emilia romagna!!!)"

E' come dire che non servirebbe la PISCINA COPERTA in VALTARO perche' ce ne sono di piu' belle a Parma!!!

Ciao a tutti.

 
Risposta di Luciano 09:48 - 16/11/10

La Comunità Montana non dovrebbe essere mantenuta per agevolare queste iniziative economiche e culturali tra le nostre povere valli?!?! Sono sempre più convinto che serva solamente ai giochi politici, alle poltrone, ai finanziamenti per sperperare!!! Chiudiamola!!!!  

 
Risposta di Marco Zecca 14:47 - 21/11/10

La funzione di oggi della Comunità Montana qual'è? Cosa fa per i cittadini? Questo non sarebbe un progetto con una priorità assoluta? Se dobbiamo manterli tutti tantovale chiuderla, almeno risparmiamo soldi e arrabbiature!

Risposta di Nicola 15:56 - 23/02/11

Segnalo che sono aperti gli impianti di Zeri... oggi mezz'ora da Borgotaro... 25 persone a sciare... andate a provare e poi ditemi se non merita un collegamento solo lievemente migliore... nn chiederei molto... poi certo se uno scia solo sulla Gran Risa o sulla Danterceppies o sull TRETRE allora non va bene... ma per gli sciatori medi, per i bambini ecc.ra è perfetta secono me... a voi la sentenza!

E' aperto anche Santo Stefano d'Aveto... certo ci vuole mezz'oretta in più da Borgotaro... ma begli impianti e piste piacevoli anche li...

aiutiamo chi ha investito andando a farci una sciata in più sui nostri monti e una in meno sulle alpi!

 
Risposta di D. Dellaturca 16:14 - 13/06/11

Noto che i lavori sono proseguiti e che la strada e' stata aperta...... fate pieta'!!! Qualcuno mi da ragione logica sulla vera funzione della comunita' montana?

Risposta di è lo stesso 05:14 - 17/06/11

Volevo far notare a quelli che hanno scritto su questo argomento ed in particolare a Zecca, Fausto C, Luciano, Dellaturca che in questo caso la Comunità Montana a solo costruito la strada (male) ma la competenza della manutenzione spetta al Comune di Albareto in quanto proprietaria e responsabile del transito poichè trattasi di VICINALE Pubblica.

La Comunità montana ha curato il progetto e l'esecuzione dei lavori e per ultimo ha trovato il finanziamento per la costruzione...................

 
Risposta di Albaretese 16:14 - 05/05/13

Alla luce dei fatti successi quest'opera non è e non fù ambientalmente impattante a paragone dello scempio (a suol dire) dell'eolico vento di zeri............. caro gigi cavallo......

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018