Quando uno scontro etnico vuol tirare dentro tutti? Ecco dove sta ancora il problema di questa Europa! Il calcio solo un pretesto!

Risposta di Ruggero 11:08 - 13/10/10

La loro mentalita' ho avuto possibilita' di conoscerla direttamente in una gita di scuola a Ragioneria tanti anni fa! Andammo 5 giorni in Jugoslavia, dalla Slovenia a Nord fino a Dubrovnic piu' a Sud, ed ogni sera che si usciva si rischiava sempre la rissa per stupidi motivi! A Dubrovnic ci fu un tentativo di due teppisti di prendere sotto con la loro auto due insegnanti e un autista del nostro pulmann con una scena da film d'azione!

Si chiamava "Yugo" ed era un' auto simile alla Fiat 127, misero in moto in fretta e addirittura raschiando le storiche mura di cinta della citta' a velocita' folle, cercarono di investire una parte del nostro gruppo che si stava recando a prendere il pulmann di ritorno dalla serata a Dubrovnik! Chiaramente poi rischiarono il linciaggio perche' la nostra gita era numerosa (eravamo infatti tre pulmann pieni!). Con un gesto d'istinto e fortunato l'autista tiro' a se i nostri due insegnanti oltre un muretto e scanso' lo scontro con l'auto! Da li' inizio' un vero e proprio inseguimento tra l'auto e i pullman fino all'hotel dove poi i due delinquenti si diedero alla fuga braccati (si fa per dire!) dalla polizia con un altra auto ridicola! L'hotel dove alloggiammo allora è stato poi raso al suolo durante i combattimenti del recente conflitto! Fu l'immagine della guerra in Yugoslavia che piu' mi e' rimasta impressa!

Oggi la situazione secondo me in quella regione è ancora molto instabile proprio perche' da sempre c'è una fusione forzata di etnie e religioni che non promette niente di buono se non scontri futuri! La Serbia non digerira' mai l'indipendenza del Kossovo che ritiene da sempre sua regione anche se a maggioranza albanese! Lo hanno infatti definito uno "Stato fantoccio" per cui ritengo che dietro l'esposizione mediatica di Ivan (il capo tifoso con passamontagna di ieri sera aggrappato alla recinzione) ci sia invece una direzione orchestrata direttamente da Belgrado per fare vedere al mondo intero che la situazione non è cosi' calma e serena come l'ONU vuol fare credere! Il calcio è un ottimo veicolo pubblicitario per cui ieri è successo qualcosa di preoccupante per il futuro, quando l'ormai gia' famoso Ivan (capo Ultras Stella Rossa) ha bruciato la bandiera e inneggiato con le tre dita si è capita la matrice politica del voler bloccare la partita!

A militare ho avuto la fortuna di conoscere il Maggiore Maccanti che è stato mio comandante di Caserma e che essendo un Lagunare in carriera aveva avuto esperienze di comando durante la guerra in Bosnia e aveva conosciuto da vicino le capacita' e le atrocita' delle famose " Tigri di Arkan" perche' aveva fatto molti scontri a fuoco nelle citta' per rendere in sicurezza i convogli umanitari e Maccanti che era davvero grande e grosso come Ivan era solito non fare mai racconti di quanto aveva fatto e visto ma ci disse per sedare le nostre curiosita':" Quella gente sa fare tre cose: Giocare a basket,calcio e fare la guerra! E quest'ultima la sanno fare bene perche' da sempre ci sono abituati mentre noi la vediamo solo nei film!". Per la cronaca il Maggiore Maccanti era stato messo in punizione in una caserma non operativa come la nostra perche' aveva ecceduto negli ordini NATO in una battaglia urbana a Belgrado per cui mi sono sempre immaginato cosa diavolo puo' aver visto durante quella guerra!

La partita Italia-Serbia di ieri voglio solo sperare che non sia l'inizio di altri scontri nel cuore di quella regione, quelle tre dita al cielo fanno davvero paura, qui il calcio non centra proprio un bel niente, molto piu' pericolosa è invece la fusione a sfondo ultranazionalistico delle tifoserie di Stella Rossa e Partisan con i gruppi piu' violenti della periferia di Belgrado, da li' prese i suoi uomini il temuto Arkan, quello che ha combinato poi lo abbiamo visto! Questi 300 delinquenti sono stati aiutati per arrivare indisturbati in Italia e secondo me la nostra polizia si è comportata egregiamente, perche' poteva finire molto peggio a Genova!

 

Risposta di Tifoso 14:03 - 13/10/10

Ruggero, ho letto pero' anche di motivi politici interni alla base del caos di ieri sera che tirano in ballo la loro federcalcio Serba?!

Risposta di Ruggero 16:44 - 13/10/10

Mah, io penso che su quello che ha detto Sasha Djordjevic bisogna fare una lunga discussione, soprattutto alla luce del fatto che a meta' intervista afferma che i tifosi del Partisan Belgrado sono i migliori del mondo!!!

Sasha è stato un fenomeno del basket ma non ha molta memoria, perche' ha gia' dimenticato che nella partita tra Partisan e Tolosa del settembre dell'anno scorso un tifoso francese fu ucciso in maniera selvaggia a sprangate e gettato da un altezza di 10 metri!! In relta' non ha scordato i suoi inizi a basket proprio in quella squadra di Belgrado anche se in uno sport diverso dal calcio!

E' pur vero che un altra spiegazione dell'accaduto deriva dagli attriti e nervosismi interni tra ultras e federazione Serba dove il presidente non è ben visto dalle frange della Stella Rossa perche' troppo legato ancora ai colori del Partisan di cui e' stato presidente in precedenza e quindi non sarebbe garante di imparzialita' nel campionato interno! Fare quindi quel caos in campo internazionale potrebbe dargli un danno d'immagine per spingerlo alle dimissioni! La sua colpa è infatti aver cambiato Antic che era il precedente allenatore della nazionale e molto amato dai tifosi!

La politica comunque conta perche' i fatti degli scontri al Gay Pride di Belgrado sono stati una prova di forza delle unite tifoserie della citta' e il preludio ai fatti di Genova! In atto c'è lo scontro di ideologie in Serbia per la ricerca di destabilizzazione interna al paese con chi favorisce l'ammissione alla CEE e chi invece non la vuole anche per spirito nazionalistico e senso di rivalsa sul fatto che i paesi della Comunita' hanno riconosciuto il Kossovo come entita' sovrana e nazione a tutti gli effetti! L'Italia c'è finita dentro per caso ma sarebbe successo anche altrove! Rimane il fatto che quello che afferma Sasha è molto grave ovvero che sapevano gia' da lunedi' in Serbia che i loro tifosi sarebbero venuti a Genova a fare danni e hanno fatto finta di niente, ora chi paga??

Risposta di Remo Ponzini 21:04 - 13/10/10

Ciao Ruggero ,   questa volta non mi sono inserito per canzonare il ciclista rimbolsito qual sei ma per inchinarmi di fronte a tanto sconfinato sapere.

Corbezzoli !!!  La tua eccelsa sfera cognitiva ha spaziato in ogni campo dello scibile.

Dissertazioni geo-politiche, citazioni storiche,  trattati etnici, rimpallamenti calcistici, tatticismi militari, suggerimenti turistici, intrighi di intelligence, trame terroristiche e quant'altro si possa immaginare.

Vuoi forse umiliare il tuo amico/nemico " Luigiotto il dotto " dall' alto delle tue conoscenze traboccanti e delle tue erudizioni monstre ???

Io penso di si. Quel "dotto" che gli affibbiai su Esvaso non l'hai mai metabolizzato. Tu lo vuoi scalzare e questo tuo sfoggio lo comprova.

Spero che lui raccolga il guanto di sfida e che mostri in questa arena se il suo grado di acculturamento è pari o superiore al tuo.

Disfida bedoniese in vista.
Buon pro vi faccia.

Risposta di Giovanni 23:22 - 13/10/10

caro Ruggy quoto al 100% le tue parole,anzi vorrei aggiungere che qui facciamo finta di vedere il problema come un fatto di ultra' ma io penso che il bello lo vedremo fuori dallo sport se nazioni come la Serbia dovessero entrare nella UE e aprire le frontiere..e iniziare ad avere + contatti con etnie diverse...allora altro che Bosnia...

Risposta di michele porcari 07:46 - 14/10/10

RUGG.  HAI DIMENTICATO LA PALLAVOLO E LA PALLANUOTO ....PERO' NON CAPISCO UNA COSA  LE TIGRI DI ARKAN ERANO E SONO FILO COMUNISTI, QUESTI SONO FILO NAZIONALISTI DI DESTRA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Risposta di Giovanni 09:06 - 14/10/10

No sorry Miky,le Tigri di Arkan erano(erano xche' lui e' morto) totalmente di destra estrema..anche se sicuramente uscivano da anni di totale dittature comuniste.

Ti faccio presente che purtroppo nei paesi slavi vi e' la + alta concentrazione di gruppi neonazi al mondo,molto di piu' che nella stessa Germania.

se vuoi ti posto qualche video di quello che fanno in Russia verso gli stranieri e poi mi dici.

Risposta di Ruggero 10:55 - 14/10/10

Michele se dobbiamo andare a parlare di Arkan ci vuole almeno una settimana per identificare la sua vera appartenenza politica!!

Arkan semplicemente era un personaggio molto discutibile della curva della Stella Rossa di cui divento' negli anni '90 il capo indiscusso e carismatico! Semplicemente un violento che riusci ad esercitare la sua personalita' un po' su tutto basti pensare che era capace di andare indisturbato negli spogliatoi della Stella Rossa e richiamare all'impegno i giocatori con modi non certamente gentili ma intimidatori se non avevano giocato bene oppure avevano perso le gare!

Giovanni sa benissimo avendo una moglie di origine russa di cosa stiamo parlando quando si discute di vero "nazionalismo" rispetto all'Italia in cui facciamo confusione tra fascisti e comunisti e pensiamo sia cosi' anche altrove!! In quei paesi che sono stati per anni sotto la protezione dell'Unione Sovietica si sono create poi alla dissoluzione della Yugoslavia degli spiriti ultranazionalisti molto forti sfociati poi in una lunga saga di odio, guerre raziali e sangue! La Stella Rossa era semplicemente la squadra della polizia durante la guerra fredda a dispetto del Partisan che era quella dell'esercito! Le Tigri di Arkan nascono negli anni '90 e partendo dall'eperienza del tifo si fondono sulla base nazionalistica a formare un gruppo paramilitare dedito a violenze e pulizia etnica contro i musulmani! Arkan infatti conciliava con i suoi uomini sia la vittoria di una sua squadretta nel campionato serbo con ogni genere di sopruso sugli avversari e gli arbitri, e sia le violenze e massacri nella vita normale che ne hanno poi fatto un criminale di guerra basta pensare ai fatti di Sasina in Bosnia! Sprezzante di ogni regola circolava per le strade di Belgrado su una Cadillac Rosa!

Arkan era un ultra' nazionalista e quindi io non lo definirei di sinistra o di destra ma semplicemente per quello che ha fatto si è gia' pronunciato il Tribunale dell'Aja e la sentenza mi sembra chiara e supportata da prove inconfutabili!

Il simbolismo delle tre dita al cielo che fa il richiamo alla Grande Serbia è molto importante per loro e il Kossovo dichiarato indipendente è una spinta all'odio troppo forte per un qualsiasi serbo che continua a considerarlo la sua terra di origine! La vera sfortuna dell'Italia e' stata quella di trovarsi nello stesso girone ed ora sara' certamente meglio evitare di andare a vedere una partita di calcio a Belgrado perche' questi di certo meditano vendetta, non è gente che dimentica!

Risposta di michele porcari 06:03 - 15/10/10

grazie GIO , pensavo veramente che ARKAN fosse un figlio feroce del comunismo sovietico che tanti morti ha fatto nell'est europa, i video preferisco non vederli in quanto aver visto il campo di TERESINE in repubblica ceca e' stato sufficiente.... ciao

Risposta di mademoiselle LaRoche 18:06 - 15/10/10

Ahahahahahahashahahahahahahahahhahahahhahahahhahahahahhaahahh

 
Risposta di Stefano Bruschi 07:31 - 14/10/10

Ma ... oggi la stampa riporta (spero correttamente) le riflessioni del nostro Ministro degli esteri Frattini.

Il Ministto afferma che dopo tali episodi la Serbia "và aiutata" affinche il processo per la sua entrata in Europa non si fermi ... !?!

Siamo sicuri che in Europa abbiamo "bisogno" di tali nazioni ... nazioni ?!?

Stefano Bruschi

Risposta di Remo Ponzini 10:01 - 14/10/10

Caro Stefano B. ,
sono senz'altro d'accordo con te e con Giovanni. 
L'Europa ha avuto una fretta incomprensibile nel fare entrare certi stati tipo Romania.
Ed ora abbiamo la Serbia e la Turchia che bussano alle porte impazienti. Io spero che li lascino dove sono.
Non ho mai capito l'attivismo del Berlusca pro Turchia. Solo per l'amicizia personale per Ergodan ??? Se la conservi pure ma lasci questo popolo in Asia; che c'entra con l'Europa ???
Abbiamo già subito invasioni clandestine di ogni genere. Ormai basta; trovo assurdo spalancare un portone enorme a chiunque voglia venire.
Ciao.

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018