Finalmente è arrivata la sentenza per il crac Parmalat. A seguire le condanne inflitte agli imputati (fra parentesi le richieste dell'accusa). Da restare senza parole ad ascoltare il primo commento di Tanzi: "Mi aspettavo una sentenza meno severa". Ricordiamoci che ha creato una voragine da 14 miliardi di Euro, facendo andare in fumo i risparmi di migliaia di risparmiatori. Questa è una storia che tocca anche noi e da vicino...

CALISTO  TANZI   -   18 anni  (richiesta: 20 anni)
GIOVANNI TANZI  -    10 e sei mesi      (12)
FAUSTO TONNA   -   14 ( 9 e 1/2)
DOMENICO BARILI -     8 (7 1/2)
LUCIANO SILINGARDI -   6 (6)
PAOLO SCIUME' -   5 e 4 mesi       (6)
CAMILLO FLORINI  -   5 (6)
GIOVANNI  BONICI  -  5  (5)
FABIO BRANCHI -  5 e 4 mesi  (5)
ROSARIO LUCIO CALOGERO -  5 e 4 mesi    (5)
DAVIDE FRATTA -   4  (4)
MARIO MUTTI -  4  (4)
ENRICO BARACHINI -   4   (4)
GIULIANO PANIZZI  -  4  (4)
PAOLO COMPIANI   -  assolto  (3)
SERGIO EREDE -  1 e sei mesi  - pena sospesa (2)
ALFREDO GAETANI -  assolto  (2)

Risposta di Stefano Bruschi 12:01 - 10/12/10

... io direi ... in uno Stato degno di questo nome: "Mi sarei aspettato una sentenza più severa" !!!

Bernard Maddof:

  • 11 dicembre 2008: arresto
  • 29 giugno 2009: condanna a 150 anni

Callisto Tanzi: a 7 anni è in pratica ancora libero come l'acqua ...!?!

Stefano

 
Risposta di Strazza 15:19 - 10/12/10

Prima di esprime quasiasi commento e valutazione in merito invito ad attendre la cronaca dei fatti da parte di quei settori "dell'informazione fatti di carne, ossa e sentimenti", che questa volta, ci auguriamo, guarderanno alla sostanza e non ai "meri aspetti formali".

Risposta di Ponchia 17:02 - 10/12/10

Caro Strazza devo concordare con Remo sul fatto di non dover aspettare, nell'esprime valuitazioni, l'eventuale cronaca dell'informazione locale in quanto temo che oggi sia stata colpita, almeno parte di essa, da "gelicidio"...in tal caso dovremmo attendere il disgelo.

Risposta di Giorgio 20:24 - 10/12/10

Videotaro ha trasmesso la notizia sulla sentenza Parmalat e del coinvolgimento del borgotarese Giovanni Bonici che hai tempi dello scandalo era presidente di Parmalat Venezuela

http://www.youtube.com/watch?v=c1iZ9J0m7g4&feature=player_embedded#! .

 
Risposta di Remo Ponzini 16:33 - 10/12/10

E' lo solita pagina vergognosa della giustizia (???) italiana.
I dati che Stefano ci ha mostrato ci fanno immediatamente capire in che nazione viviamo.
Negli USA il signor Bernard Maddof, nel breve volgere di qualche mese, si becca di fatto ben quattro ergastoli. Per dirla con un linguaggio molto terrestre ciò significa che un bel dì uscirà senz'altro di prigione ma dentro una cassa da morto.

Invece da noi i tempi sono biblici. Le indagini si protraggono per quasi dieci anni; si compilano migliaia di pagine di perizie, controperizie e di relazioni; si rinviano a ripetizione gli impegni in agenda; si incespica in mille cavilli opziosi; si sperperano ingenti risorse di denaro pubblico.

Con quale risultato ???  Sulla sentenza hanno scritto 18 anni ma noi tutti sappiamo che di fatto tra sconti, attenuanti più o meno generiche, malattie più presunte che reali, benefici vari di buona condotta ecc. ecc. finirà di fatto nel NULLA più assoluto; ovvero a tarallucci e lambrusco.
E, per dirla sempre con un linguaggio molto terrestre, il sign.Tanzi sarà condannato ai domiciliari da trascorrere nella sua splendida villa, con annesso parco, intestata ovviamente alla moglie. Alleluia !!!!!

E centinaia di migliaia di investitori, azionisti ed obbligazionisti, furono gabbati dei risparmi di una vita di lavoro senza alcuna possibilità di recupero.
E tanti di costoro, che si avvalsero di uno studio legale per recuperare le loro ragioni di credito, subirono anche l'oltraggio di doversi pagare le parcelle. Danno e beffe.

E questa brutta pagina di storia, come ha giustamente fatto notare il Gigi, ci riguarda molto, molto da vicino. La vecchia Parmalat era considerata da parmigiani e parmensi come una azienda di casa sulla quale si poteva investire con la massima tranquillità.
In ogni angolo di strada, in ogni negozio o supermercato, su ogni giornale o rivista, alla radio o alla TV, sulle maglie della squadra di calcio, sui bolidi di F1, sui pettorali degli sciatori e dovunque veniva rappresentata e raffigurata come una azienda modello/gioiello.

Ecco perchè, tra quell'esercito molto folto di risparmiatori truffati, il peso dei parmigiani fu molto rilevante.
Sembrava un approdo tranquillo ma in realtà era solo una trappola brevettata dal sign. Callisto Tanzi & C..

Saluti a tutti.
Remo Ponzini.

P.S.  Caro Strazza, non ho ben capito perchè dovremmo attendere ad esprimere valutazioni. Io mi assumo ogni responsabilità di quello che scrivo e non aspetto certo domani se voglio farlo in questo momento. Può essere che mi sfugga qualcosa. Mi dirai.

 
Risposta di Giuliano sala Yeenky99 14:14 - 18/12/10

Io x 4 pezzi di legna presa in taro, in proporzione ho pagato di piu.

La legge non è uguale x tutti.

Risposta di Sergio 23:39 - 20/12/10

Giuliano sei stupito di questo? Per me non è una novità.

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018