"Gentile... ho incontrato un mio cliente che sarebbe interessato a valutare l'opportunità di aprire un punto di produzione di ..........., hanno un brevetto particolare e si tratterebbe di un'attività che a regime potrebbe portare una 30na di posti di lavoro. Lui lavora nel settore da più di 40 anni.

Non chiede sovvenzioni o altro, solo avrebbe bisogno di un minimo di garanzia del credito con i clienti per avere una tranquillità di esercizio.

Se potesse interessarti fare due chiacchiere senza impegno gli giro il tuo numero oppure do a te il suo."

Data dell'email 14/06/2010 destinatario l'email di un Sindaco della Valtaro.

Non ho mai avuto risposta alcuna.


Per poter creare 15 posti di lavoro (forse) con un notevole impatto ambientale, la svendita di demanio pubblico, la non garanzia che questi posti vengano assegnati ad abitanti della Valtaro i nostri amministratori avevano già firmato le prcarte...

SENZA TIRARE A MANO BERLUSCONI (perchè ormai non se ne può più di cantare tutti in coro e fuori dal coro, please) VORREI SAPERE COSA NE PENSATE DI QUESTI COMPORTAMENTI DISSENNATI.

SONO CERTO COMUNQUE CHE DOPO AVER LETTO QUESTO POST PARTIRANNO TUTTI ALLA RICERCA DELLA PRESENTE MISSIVA... PER ASSICURARSI DI NON AVER COMMESSO QUESTO ERRORE MARCHIANO.

Per la cronaca il mio Cliente ha già iniziato a produrre altrove, non tanto lontano da noi, anzi.... vicino vicino...

Comunque nel caso anche una semplice risposta del tipo... "noi non abbiamo rapporti o contatti con le Banche del posto perciò non possiamo fare nulla", sarebbe stata gradita. Anche se in realtà evidentemente da altre parti tra Amministrazioni e Banche si possono creare sinergie.

Certo che se manco ci si prova a partire...

Ah, l'email del destinatario è pubblica, la trovate sul sito del Comune.

Conoscendo quel Sindaco voglio solo sperare che non ci sia nessuno che le legge, ma anche in questo caso sarebbe poco simpatica la faccenda.

Proviamo ad indovinare chi legge le email e chi no?

Risposta di Fausto 23:19 - 03/02/11

Ore 23.09 i nostri investigatori non sono ancora riusciti a trovare la risposta all'amletico dubbio...

Oppure i filtri anti Spam Provinciali Democratici hanno percepito profumo di dissidente ed hanno eretto un muro insormontabile. il SIPER FIREWALL da Laboratorio Telematico.

Oppure non scaricano la posta da anni... boh?!?

Fatto sta che non è ancora arrivata la conferma di lettura.

E' vero che le poste al pomeriggio sono chiuse... perciò anche la mia email si potrebbe essere rotta i maroni di fare la coda e si è buttata via da sola.

O forse c'erano troppe richieste di impiantare nuove Aziende in Valle perciò la richiesta è stata cestinata per quel motivo.

Boh, il mistero continua.

Io quasi quasi la rimando... voi che dite?

Risposta di Gigi Cavalli 23:23 - 03/02/11

Fausto, se hai tempo rimandala pure, ma temo che siano già abbastanza soddisfatti di aver creato ben 10 posti di lavoro, questa infatti è la motivazione per dare il via alla costruenda centrale a turbogas... ehh i politici, gente fine!

I problemi che causerà ad un'intera valle però sono nulla in confronto... e poi il tempo stringe, aprile 2011 è vicino, poi scadono gli incentivi... segue un paragrafo della convenzione tra Comune e Duferco:

"Qualora l’iter procedurale autorizzativo, anche grazie alle attività che il Comune potrà svolgere quale impegno aggiuntivo rispetto alle incombenze istituzionali e indicate all’ultimo capoverso del presente punto C, si concluda entro e non oltre il 30.9.2011, per documentazione inoltrata agli Enti competenti da Duferco Energia entro il mese di aprile 2011, Duferco Energia erogherà nei modi e tempi da concordare, ulteriori 100.000,00 Euro."

Risposta di Fausto 09:56 - 04/02/11

Scusa Gigi ma mica ho capito tanto bene...

Per dare una svegliata cacciano fuori altri 100.000 Euri?

Umh... gatta ci cova, anzi... ha già covato.

Non avendo letto il resto faccio fatica a capirne il significato.

Ma alla fine poi quale sarebbe la posizione dell'Amministrazione Uscente perchè ancora non si è capito bene.

Pensavo non si realizzasse più sta trovata geniale.

I lati negativi della faccenda ricadono sui cittadini e sul territorio (inquinamento, anche se minimo c'è, surricaldamento termico e di quello ce n'è tanto) e quelli positivi a favore di chi vanno poi (i posti di lavoro? i criteri per l'assegnazione dei lavori, progettazioni ecc... con che criteri saranno assegnati? Le forniture dei materiali a chi andranno? ecc.. ecc.. ecc..), l'energia prodotta può essere messa al servizio della collettività a prezzi convenzinati?

I presupposti per un bel magna magna ci sono tutti, ma per fare una cosa fatta bene e sgomberare il campo dai dubbi perchè non fare un progetto bello chiaro e in base a quello ragionare?

Per ora ho letto solo un progetto spannometrico che lascia più dubbi che risposte.

Se alla fine i pro saranno a favore della collettività allora avanti tutta.

La mia domanda un pò pretestuosa è "Perchè costoro sono così interessati a costruire da noi?"

 

 

 

Risposta di Fausto 10:13 - 04/02/11

Implemento il ragionamento non ancora pubblicato con una dichiarazione del Sindaco , che ho letto solo ora, che chiarifica le posizioni dell'Amministrazione : http://www.videotaro.it/editoriali_dettagli.php?ideditoriale=1221 . nella quale dice che ci saranno 15/16 posti di lavoro ed energia a minor costo.

La domanda che rimane aperta sempre... per chi ci saranno questi vantaggi?

Sono disposti ad impegnarsi per iscritto nero su bianco?

Risposta di zeneise 10:17 - 04/02/11

repetitat iuvant :-)

Risposta di Gigi Cavalli 11:01 - 04/02/11

Certo, la convenzione era già stata pubblicata sul Forum, ma la troverai allegata anche a questo argomento... leggi leggi

 
Risposta di Camila di Montarsiccio 00:47 - 04/02/11

Fausto,
secondo me la cosa più naturale sarebbe stata chiamare quel sindaco per chiedergli come mai non ti arrivava notifica di lettura della mail inviata al tale indirizzo. Infatti avevi il numero, avresti potuto chiarire subito se funzionava/leggeva o no la tale mail.

Perché aspetti una risposta ad una mail mai letta?

Penso che bisognava chiamare vista l’importanza del messaggio. Sono certa che avresti risolto la questione con qualsiasi sindaco. No?

Camila di Montarsiccio

:)

 

Risposta di Fausto 12:22 - 04/02/11

Ah, grazie Camila, non ci avevo pensato!

Tra l'altro se leggi con attenzione quello che gli ho scritto capirai che non ero in possesso del suo numero di cell., me lo avrebbe comunicato nella risposta della email, se fosse stato interessato, e se avesse gradito comunicarmelo.

mi cito: "Se potesse interessarti fare due chiacchiere senza impegno gli giro il tuo numero oppure do a te il suo"

Nion gli ho specificato che lo avevo ma solo che nel caso fosse stato interessato, dopo che il Sindaco mi avesse fornito il numero lo avrei potuto girare.

Per quanto riguarda il mezzo di comunicazione scelto, ho deciso quello perchè mi sembra che nel 2011 un Sindaco potrebbe prendersi la briga di leggersi le email, o incaricare qualcuno di leggerla per lui.

Ma comunque tutto questo non cambia la sostanza dei fatti.

Non ho avuto risposta perchè secondo me non leggono le email... tutto qua.

E se uno non è in grado nemmeno di leggersi la posta allora evito di metterci la faccia di mezzo.

Per quanto riguarda la creazione di posti di lavoro... se la contropartita che offri è il degrado dell'ambiente ne fai quante ne vuoi di fabbriche.

Potrebbero metteresi a disposzione per inceneritori, discariche di materiali altamente inquinanti e tutto quello che gli altri territori non sono disposti a cedere.

Comunque non ho insistito nella comunicazione perchè il Cliente aveva premura e, come ho avuto modo di testare sulla mia pelle, i tempi di risposta del pubblico non sono compatibili con le Aziende che funzionano. 20 giorni dopo ha iniziato le pratiche per aprire da altra parte.

Tu stessa puoi essere testimone delle doppie velocità di marcia.

Per i cari amici della Regione un mesetto, due o tre sono tempi accettabili per loro, per una Azienda che deve andare avanti invece possono essere un'infinità di tempo.

Io ho scazzato una volta e non ci risbatto il naso.

Le condizioni le detto io, se mi stanno dietro bene, altrimenti me ne frego.

Se hai bisogno delle specifiche fammi sapere perchè anche tu lo conosci bene quel Cliente e... non vorrei che pensassi che mi sono inventato tutto.

Ps. io l'ammmail originale ce l'ho ancora...

Ma poi scusate... fate una prova. scrivete e poi ditemi se vi è tornata la conferma di lettura. Poi fatemi sapere se il problema è stato il SUPER FIREWALL DELLA PROVINCIA TELEMATICA.

Risposta di Fausto 12:55 - 04/02/11

ah dimenticavo... l'oggetto della missiva era : Richiesta riferimento telefonico

Risposta di zeneise 16:44 - 04/02/11

..un firewall blocca le porte TCPI /UDP, non le mail .

comunque , le conferme di lettura non sono attendbili , quanto invece lo sono le conferme di ricezione ( in outlook ci sono entrambe ).

La prima e' soggetta sia ad una configurazione del server di posta ( che puo' anche non spedirla ) , sia alla scelta del destinatario , in quanto a lui appare la scelta se accettare o no la tua richiesta di lettura, e puo scegliere anche no.

la conferma di ricezione, invece e' attendibile al 99% , perche' indica che la mail e' stata consegnata al server di posta,accettata,  ed inoltrata al destinatario.

Lo dico per " cultura generale "   :-)

Gc

Risposta di Camila di Montrasiccio 19:03 - 04/02/11

Ah! io avevo capito che chiedevi autorizzazione all'interessato a girare il suo numero. Non che chiedevi il numero di telefono come mi hai chiarito.

Si, certo, cadono le braccia di fronte all'ennesimo esempio del mal uso o il non uso che se ne faccia in Italia delle nuove teconologie e di quanto sia difficile far entrare nell'ottica della comunicazione elettronica e multimediale a tante figure della pubblica amministrazione. Questo succede anche nell'impresa privata, ma lì sono cavoli loro. L'ignoranza multimediale nella pubblica amministrazione e nelle persone che ci governano è invece un serio problema per tutti noi.

Non penso affatto che tu ti sia inventato questa storia... non fare il permaoloso ;-)

Buona serata!

Camila

 

Risposta di Fausto 21:59 - 04/02/11

Ah, permaloso lo sono dalla nascita (credo, non ricordo bene i primi anni ma dopo di sicuro si...).

Però effettivamente ho puntualizzato perchè poteva anche sembrare che mi fossi inventato tutto... perciò l'ho specificato.

E poi mi sono accorto solo dopo che non avevo riportato l'oggetto perciò poteva non essere tutto chiaro.

Ps. ma nessuno ha provato a mandare?

Ringrazio Zenese per le spiegazioni, ma più che altro le mie erano affermazioni ironiche.

Pensa che nelle Amministrazioni (chi la usa) utilizza email free perchè i domini sono troppo luncghi. A questo argomento che avevo sollevato non hanno mai dato risposta.

Pensa ora con le PEC che hanno inventato... ci metti un giorno a scriverla... tanto con calma... c'è tempo...

Risposta di zeneise 14:56 - 05/02/11

...troppo lunga ? qualcuno di questi emeriti burocrati sa' cosa sia una Rubrica? ovvio che e' lunga da scrivere...se uno se la scrive a mano ogni volta.

basta salvarsi in rubrica il nome, oppure usare Outlook che mantiene in memoria gli ultimi indirizzi inviati....

Queste "tecnologie" dovrebbero permettere delle semplificazioni , ma se uno non le sa usare, oppure non le Vuole usare, o megli ancora...non gliene importa nulla,o per chiusura mentale non vuole aggiornarsi , ovvio che poi ...usa le mail con domini liberi.

Alla faccia della protezione dei dati !!!!

La pec permette una semplificazione enorme ,e' di facile configurazione e basta installare un certificato. Cosa ci sia...di cosi' difficile , io continuo a non capirlo :-) secondo me e' spesso ostinazione a non volersi adeguare ai tempi

Comunque condivido le tue ragioni :-)

 
Risposta di micheleporcari 08:42 - 04/02/11

FAUSTO cavolo hai sbagliato destinatario, dovevi mandarla a "POLITICO INFLUENTE "....oppure a un esperto di MASSIMI SISTEMI......

ciao

Risposta di Fausto 12:30 - 04/02/11

Michele, già ai tempi in cui lavoravo in Methosystem mi ero rivolto al POLITICO INFLUENTE, ma il risultato è stato che ha mandato una orda di raccomandati a fare i colloqui, al punto che il titolare mi convocò avvisandomi che stavano mandando gente totalmente improponibile e che poteva chiudere un occhio ma non tutti e due...

lo STESSO POLITICO INFLUENTE rilasciò un'intervista ad RTA avvisando che nelle stanze a fianco stavano formalizzando l'accordo per la creazione di 30-40 posti di lavoro.

Eravamo sotto elezioni ed il POLITICO INFLUENTE stava introducendo il nuovo che avanzava, l'Amministrazione Oppo.

Il resto della storia lo potete immaginare... quasi tutti, ma di nuovi posti di lavoro a Borgotaro manco l'ombra.

Per quanto riguarda i massimi sistemi non posso dire nulla perchè poi Gigi mi tira le orecchie (e forse fa anche bene.

Ma poi non mi sembra ci sia rimasto molto da dire.

I fatti parlano più di mille parole.

Ciao

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2017