dal sito http://www.antoniodipietro.it - Letterina di Natale.

Caro Gesù Bambino,
fai in modo che l'anno prossimo torni un po' di libertà d'informazione e di democrazia partecipata nel nostro Paese.
Da più parti dicono che nel nostro Paese c'è democrazia, c'è confronto, c'è dialogo. Anzi, adesso dicono che bisogna riaprire la stagione del dialogo.
E se la prendono con noi perché a questo tavolo del dialogo non ci sediamo.

Ma, caro Gesù Bambino, tu lo sai bene com'è fatto il diavolo. Tu lo sai bene che non ci si può fidare di lui. Tu lo sai bene che a un certo punto l'hai dovuto pure mandare via dal Paradiso per relegarlo all'inferno.
Perché con alcune persone, soprattutto con il diavolo, non si può dialogare. Perché si monta la testa. Pensa! Voleva perfino prendere il tuo posto! Capisci che cosa voleva fare il diavolo?

Nel nostro Paese c'è "un diavolo" al Governo che pensa di usare le istituzioni solo per farsi gli affari suoi. Che vuole addirittura cambiare la Costituzione perché nella Carta non è previsto che lui non può essere processato.
Nella Costituzione c'è scritto, invece, che "tutti devono essere uguali di fronte alla legge" e che nessuno deve commettere reati.
Invece questo "diavolo" vuole che nella nostra Costituzione ci sia scritto che alcune persone (lui!) non possono essere processate, non che non possono commettere reati, intendiamoci.
Però lui questo lo chiama dialogo. E, come tu sai, caro Gesù Bambino, capita spesso che qualcuno abbocchi e dica: "Vabbé andiamo a dialogare".

Te lo immagini? Ricordi la storia di cappuccetto rosso? Avrebbe mai potuto dialogare con il lupo cattivo?

Ecco la preghiera che Ti faccio, caro Gesù Bambino: l'anno prossimo mettici in condizione di liberarci politicamente, attraverso l'esercizio democratico del voto, di questo diavolo al Governo.
Soprattutto mettici in condizione di far comprendere ai cittadini italiani che non devono cadere nel trabocchetto dando il loro voto di fiducia a persone che fanno credere di fare il loro interesse, ma che in realtà fanno solo gli interessi propri.

Gesù Bambino apri gli occhi a coloro che, invece di fare opposizione, decidono di fare inciuci con questa maggioranza.

Tu lo sai, Gesù Bambino, che il diavolo non porta da nessuna parte. Non si va in nessun luogo se entrambe le parti non sono mosse da buone intenzioni. E Tu sai meglio di me che nel Governo Berlusconi non ci sono buone intenzioni. Ci sono soltanto intenzioni di una massa di lobbisti, massonica, che utilizza le istituzioni per farsi gli affari propri.

Ecco, questa è la letterina di Natale che consegno a Te, Gesù Bambino.
Apri gli occhi agli italiani prima che sia troppo tardi.

Tuo affezionatissimo Antonio Di Pietro

Risposta di Gigi Cavalli 23:44 - 23/12/09

Remo, hai fatto benissimo a dar risalto a questo "trattato" politico, si ha così lo specchio in cui versa la politica oggi.
Dopo averlo letto mi è venuto un dubbio... ma questa è la stessa persona che fino a qualche anno fa faceva il Magistrato, mettendo davvero sullo stesso piano, fino a prova contraria, colpevoli ed innocenti?

Risposta di Remo Ponzini 11:34 - 24/12/09

Caro Gigi, il nostro grande fustigatore di costumi... altrui ha anche lui i suoi scheletri nell'armadio. E' stato pure radiato dall'album degli avvocati con la seguente motivazione :

"La condotta del professionista integra certamente la violazione dei doveri di lealtà, correttezza e di fedeltà (articolo 5, 6, 7 del codice deontologico forense) nei confronti della parte assistita e integra altresì l’illecito deontologico»."

Il fatto, riassunto brevemente, è il seguente :

" La storia è alquanto intricata. Pasqualino Cianci, amico d’infanzia di Tonino, l’8 marzo 2002 viene trovato ferito nella sua casa di Montenero di Bisaccia accanto al corpo senza vita della moglie, Giuliana. Mentre era in ospedale, Di Pietro, accorso da Milano, ne assume la difesa. Dopodiché l’ex pm lo ospita personalmente a casa per alcuni giorni. Trascorsa una settimana il colpo di scena: Di Pietro rinuncia all’incarico non appena ha «sentore» che l’amico potrebbe finire indagato, come di lì a poco effettivamente avviene. E alla prima udienza in Corte d’assise Cianci, ormai imputato, si ritrova l’amico del cuore - quello con cui aveva diviso il seminario, le feste comandate e le ferie - dall’altra parte della barricata. (Mi limito a riportare fedelmente una parte dell'articolo http://www.ilgiornale.. "

E che dire dei noti  " rimborsi elettorali " incassati , non dal suo partito, ma direttamete da lui. Un fatto che, se confermato, sarebbe senza precedenti in quanto non ci fu alcune rendicontazione pubblica. Solo per le Elezioni sembra che abbia incassato oltre 18 milioni di euro. Ci fu l'apertura di una inchiesta da parte della Corte dei Conti che è ancora in essere.

Molto strano che l'amico Travaglio non abbia mai aperto bocca su ciò.....

Risposta di Remo Ponzini 18:26 - 26/12/09

Da sito .www.dogospia.com  -   da lettere al Direttore:

Caro Dago, la letterina di Di Pietro a Gesù Bambino è di un anticristianesimo senza limiti. Gli consiglierei la lettura del Vangelo: "Non giudicate", "Con lo stesso metro con cui giudicherete sarete giudicati". Non vorrei francamente essere nei suoi panni quando si presenterà davanti a Dio. Uno dei peccati più grandi al cospetto del Signore è quello di superbia e di questo senz'altro risponderanno lui, Travaglio, Santoro e compagnia bella. Pensano di essere l'incarnazione del bene, gli esseri perfettissimi, hanno una visione manichea della realtà: tutto il bene da una parte (la loro) e tutto il male dall'altra: Berlusconi e la maggioranza degli italiani che a loro dire sono un'accolita di deficienti. Bene, noi ci teniamo il nostro Presidente imperfetto (strano dittatore che invece di reprimere si becca una statuetta in faccia da uno che ha votato per Di Pietro e consente a lui e alla sua banda di vomitare ettolitri di veleno e di odio) e preghiamo il Signore che ci aiuti e che aiuti persino lui, povero diavolo!
Maria

 
Risposta di Ruggero 09:05 - 24/12/09

Caro Gesu' Bambino, desidero chiedere scusa per questo Natale 2009 a Luigiotto Battoglia per averlo schernito piu' volte dicendo che è un dipietrista convinto!! Dopo aver letto, con qualche difficolta', la lettera pubblicata da Remo, posso sicuramente affermare che Luigiotto è fatto di una "pasta" diversa!!!
PS: Il riferimento alla "pasta" e' chiaramente voluto per ricordare a Luigi di mangiarla sempre al dente evitando cosi' di introdurre carboidrati semplici che fanno ingrassare e che sono invece riccamente presenti in quella stracotta!!

Risposta di Luigi Battoglia 19:44 - 24/12/09

Caro Gesù bambino,

fa che per tutto il 2010 Ruggero sia buono come nei giorni del Natale, che la smetta di dire che sono un dipietrista, fagli ricrescere i capelli a magari finalmente vincere una gara di ciclismo.

Aiutalo a volere lo stesso bene che ha per il cavaliere anche verso tutti gli altri comunistacci del mondo, fallo ingrassare un po' e togli qualche chilo a me che ne ho tanto bisogno, porta la "pasta" a tutti quelli che hanno fame anche se iscritti al PDL e rendici tutti più buoni!

 

P.S. Scherzi a parte auguri sinceri a tutto il forum ed in particolare a Ruggero che oltre che essere una persona intelligente è anche un amico. Buon Natale

 
Grazie per aver visitato Forumvaltaro.it - Rimani aggiornato per i prossimi argomenti, iscriviti alla newsletter.
Le fotografie e i testi presenti nel Forum - Copyright © 2006/2018